Polizza RC professionale dentisti: cos’è e cosa copre

Sei un dentista o un odontoiatra e ti stai chiedendo se sei obbligato a sottoscrivere una polizza di responsabilità civile professionale? Cosa copre questo tipo di polizza e cosa, invece, è escluso? Scopriamo insieme la normativa, gli obblighi e le novità della polizza RC professionale dentisti e odontoiatri.

Polizza RC professionale dentisti e odontoiatri: è obbligatoria o no?

Dal 2011, grazie alla legge n. 148, vige per tutti i liberi professionisti iscritti a un albo professionale di sottoscrivere una polizza assicurativa che copra la responsabilità civile derivante dall’esercizio della propria professione. A questa data, però, i dentisti e gli odontoiatri erano esclusi. Il 15 agosto 2014, invece, entra in vigore l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa per la copertura della Responsabilità Civile Professionale, secondo il DPR 137/2012 e successivo DL 69 del 21 giugno 2013. Quindi sì, la polizza RC professionale per il medico dentista od odontoiatra iscritto all’Albo per l’esercizio della professione è obbligatoria.

Cosa copre la polizza di responsabilità civile professionale per dentisti e odontoiatri?

L’assicurazione RC dentisti e odontoiatri protegge l’assicurato dalle richieste di risarcimento in seguito a danni da lui o lei causati durante l’esercizio della propria professione.

Solitamente le assicurazioni RC dentisti e odontoiatri sono “claims made”, cioè “a richiesta fatta”. Questo tipo di polizza assicurativa copre i danni che si sono verificati prima del periodo di validità della polizza, a patto che la denuncia avvenga durante il periodo di validità della polizza stessa.

Alcune richieste di risarcimento coperte dalla polizza RC professionale dentisti e odontoiatri possono essere interventi senza consenso in caso di necessità o danni per omissione di intervento, ma solo quando è dimostrato di non sussistere il dolo.

Cosa è escluso dalla polizza di responsabilità civile professionale per dentisti e odontoiatri?

Ogni contratto assicurativo è diverso e bisogna valutare opzioni, clausole e caratteristiche caso per caso. Ci sono però alcuni punti comuni a praticamente ogni polizza di responsabilità civile professionale. In primis, non sono coperte le richieste di risarcimento conseguenti ad atti illeciti di cui l’assicurato è a conoscenza da prima della stipula della polizza. E ancora, se l’assicurato non è iscritto all’albo professionale e commette un atto illecito, la richiesta di risarcimento derivante non sarà coperta. È fondamentale valutare con attenzione i massimali del contratto assicurativo, che possono variare da 1.000.000 € fino a 4.000.000 €.

Ogni polizza assicurativa è cucita su misura sulle esigenze del professionista. Per questo è fondamentale confrontare diversi preventivi e valutare l’offerta migliore!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Come ottenere il risarcimento RC Auto in caso di incendio colposo

In caso di incendio colposo che coinvolge un veicolo, si ha diritto ad essere risarciti? Trovare la propria auto danneggiata da uno scoppio o dalle fiamme è un evento non troppo raro. Sebbene l’assicurazione RCA sia obbligatoria, è risaputo che le polizze standard non coprono fattispecie del genere. Cosa bisogna fare, dunque, per richiedere l’indennizzo?

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE