Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

La polizza cristalli è una garanzia accessoria dell’assicurazione Rc Auto che serve a coprire i danni ai vetri. Le compagnie assicurative offrono la possibilità di stipulare l’assicurazione cristalli a parte oppure abbinandole ad altre polizze. Quando è utile sottoscrivere la polizza cristalli auto, cosa copre e cosa non copre questa clausola accessoria?

Polizza cristalli: cos’è

La polizza cristalli è una garanzia accessoria che permette di riparare o sostituire il parabrezza rotto (o danneggiato) senza spese aggiuntive. Come ogni polizza accessoria, migliora la copertura dell’assicurazione standard e comporta una maggiorazione del premio annuo. Può venire offerta in abbinamento ad altre assicurazioni e ogni compagnia ha proposte e condizioni differenti. Se si intende stipulare la polizza, bisogna farlo contestualmente al contratto di assicurazione auto. Il contraente deve farne esplicita richiesta e il contratto si attiva entro poche ore.

Come funziona

Una volta attivato il contratto, in caso di incidente il titolare della polizza deve subito contattare la propria compagnia per denunciare il sinistro. In questo modo si può avviare l’iter per la riparazione o la sostituzione dei cristalli danneggiati. Una volta effettuate le verifiche di rito, e appurata la mancanza di responsabilità da parte del contraente, la compagnia procede all’indennizzo nei termini stabiliti dal contratto.

Documenti

I documenti per attivare la polizza cristalli sono gli stessi richiesti per l’assicurazione auto standard. Il soggetto interessato deve dunque presentare:

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Libretto di circolazione dell’auto su cui si intende attivare la assicurazione cristalli
  • Attestato di rischio

Cosa copre la polizza cristalli

La polizza cristalli copre le spese da sostenere per sostituire o rimborsare i cristalli del veicolo. La copertura è garantita sia in caso di rottura involontaria, di eventi accidentali o di danni subiti da terzi. Sono generalmente coperti, a prescindere dalla compagnia assicurativa con cui si stipula il contratto, i danni a:

  • Lunotto posteriore
  • Parabrezza anteriore
  • Vetri degli sportelli
  • Vetri delle fiancate laterali

Alcune compagnie prevedono anche la copertura per tettucci panoramici apribili e finestrini non di vetro. Non vengono invece coperti dalla polizza cristalli specchietti retrovisori, sia interni che esterni. Va ricordato che ogni compagnia propone formule diversi e che prima di sottoscrivere il contratto è importante controllare tutte le condizioni.

Costo polizza cristalli

Per quanto riguarda la polizza rottura cristalli, anche il costo varia a seconda della polizza. Alcune di esse la offrono a prezzi vantaggiose per i clienti di lunga data. La polizza cristalli costo dipende anche dal modello dell’auto. Prima di scegliere questa assicurazione bisogna controllare con scrupolo franchigia (la parte del danno che resta a carico dell’assicurato) ed esclusioni presenti. Di solito la polizza cristalli non copre neppure danni provocati da rigature e quelli che i cristalli, rompendosi, possono provocare ad altri componenti della vettura.

Per risparmiare sulla tua prossima assicurazione auto e scegliere tutte le garanzie accessorie che vuoi, affidati a noi. Compila il form presente sul nostro sito inserendo i tuoi dati e quello del veicolo che intendi assicurare. Riceverai subito le quotazioni delle migliori compagnie online. Potrai generare tutti i preventivi che vuoi e decidere entro 60 giorni se convalidarlo e iniziare a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE