Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Con la legge non si scherza e con la sicurezza neppure. Una direttiva del 2013 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha previsto che l’Ente proprietario della strada, e/o il gestore possano, dal 15 novembre al 15 aprile (con un mese di deroga) di ogni anno, “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. Il montaggio delle gomme invernali fa venire meno l’obbligo delle catene. Unendolo alle opportune garanzie accessorie, quale può essere l’assicurazione eventi naturali, mette al riparo il guidatore da ogni possibile sorpresa derivante dalle intemperie climatiche.

Cosa sono le gomme winter

Ma di cosa si parla quando ci si riferisce agli pneumatici invernali? Contrassegnati dalla marcatura M+S (Mud+Snow, fango e neve) presente sul loro fianco, da una montagnetta e da un fiocco di neve, sono utilizzabili anche durante le altre stagioni, permettono di viaggiare alla stessa velocità delle altre mescole e, di norma, vanno gonfiati alla stessa pressione delle altre.

Il CdS consente di montarne soltanto due, installandoli sull’asse della trazione del veicoli, ma per ragioni di sicurezza è consigliabile accessoriare l’automobile con tutti e quattro, per ridurre al minimo il rischio di testacoda.

Le caratteristiche delle gomme invernali

Due sono le peculiarità principali degli pneumatici invernali. La prima è senza dubbio il “disegno” del battistrada, che presenta delle scanalature particolarmente adatte a far presa su fondi più scivolosi. La seconda è la mescola, ovvero il prodotto dell’unione della gomma con gli agenti chimici deputati a stabilizzarla. Questa è più elastica rispetto a quella delle gomme estive e adatta a mantenere una maggiore aderenza con temperature basse.

Pneumatici invernali e garanzie accessorie della polizza RCA

Rispetto alle gomme “all season”, in condizioni estreme, le gomme invernali riducono lo spazio di frenata di circa il 20%. Come scegliere quelle giuste per voi? Per prima cosa prestate attenzione alla misura che viene indicata sulla carta di circolazione della vostra auto. Inoltre buttate sempre un occhio sul battistrada: solo quelli che presentano anche il disegno della montagna col fiocco di neve rendono “vere” le vostre gomme winter. Lo spessore minimo consigliato è di 3mm.

Fatte queste debite premesse, il nostro consiglio è quello di affiancare la scelta degli pneumatici invernali a quelli delle polizze accessorie RCA. Una copertura contro gli eventi naturali (quali bufere, trombe d’aria e danni generici causati dalla neve), che restituisca il valore commerciale del veicolo al momento del sinistro, vi permetterà di completare il corredo della sicurezza senza grosse spese aggiuntive. Potrete scegliere la soluzione più adatta a voi dopo aver setacciato le migliori offerte presenti sul mercato generando un preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa Il numero di targa è un codice alfanumerico prezioso per il controllo veicoli. Grazie ai moderni sistemi targa, infatti, si possono ricavare numerose informazioni sull’automezzo. Questa procedura non è soltanto appannaggio delle Forze dell’Ordine, ma è eseguibile anche dai privati. Come funziona il sistema Targa System

CONTINUA A LEGGERE

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona Tra le garanzie accessorie più comuni delle tradizionali RC Auto c’è la polizza cristalli. Si tratta di una particolare assicurazione che, senza costi aggiuntivi, permette di riparare o sostituire il parabrezza in caso di rottura o danneggiamento. Cos’è la polizza cristalli e come ottenere il risarcimento Spesso abbinata

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE