Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Con la legge non si scherza e con la sicurezza neppure. Una direttiva del 2013 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha previsto che l’Ente proprietario della strada, e/o il gestore possano, dal 15 novembre al 15 aprile (con un mese di deroga) di ogni anno, “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. Il montaggio delle gomme invernali fa venire meno l’obbligo delle catene. Unendolo alle opportune garanzie accessorie, quale può essere l’assicurazione eventi naturali, mette al riparo il guidatore da ogni possibile sorpresa derivante dalle intemperie climatiche.

Cosa sono le gomme winter

Ma di cosa si parla quando ci si riferisce agli pneumatici invernali? Contrassegnati dalla marcatura M+S (Mud+Snow, fango e neve) presente sul loro fianco, da una montagnetta e da un fiocco di neve, sono utilizzabili anche durante le altre stagioni, permettono di viaggiare alla stessa velocità delle altre mescole e, di norma, vanno gonfiati alla stessa pressione delle altre.

Il CdS consente di montarne soltanto due, installandoli sull’asse della trazione del veicoli, ma per ragioni di sicurezza è consigliabile accessoriare l’automobile con tutti e quattro, per ridurre al minimo il rischio di testacoda.

Le caratteristiche delle gomme invernali

Due sono le peculiarità principali degli pneumatici invernali. La prima è senza dubbio il “disegno” del battistrada, che presenta delle scanalature particolarmente adatte a far presa su fondi più scivolosi. La seconda è la mescola, ovvero il prodotto dell’unione della gomma con gli agenti chimici deputati a stabilizzarla. Questa è più elastica rispetto a quella delle gomme estive e adatta a mantenere una maggiore aderenza con temperature basse.

Pneumatici invernali e garanzie accessorie della polizza RCA

Rispetto alle gomme “all season”, in condizioni estreme, le gomme invernali riducono lo spazio di frenata di circa il 20%. Come scegliere quelle giuste per voi? Per prima cosa prestate attenzione alla misura che viene indicata sulla carta di circolazione della vostra auto. Inoltre buttate sempre un occhio sul battistrada: solo quelli che presentano anche il disegno della montagna col fiocco di neve rendono “vere” le vostre gomme winter. Lo spessore minimo consigliato è di 3mm.

Fatte queste debite premesse, il nostro consiglio è quello di affiancare la scelta degli pneumatici invernali a quelli delle polizze accessorie RCA. Una copertura contro gli eventi naturali (quali bufere, trombe d’aria e danni generici causati dalla neve), che restituisca il valore commerciale del veicolo al momento del sinistro, vi permetterà di completare il corredo della sicurezza senza grosse spese aggiuntive. Potrete scegliere la soluzione più adatta a voi dopo aver setacciato le migliori offerte presenti sul mercato generando un preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto patente A1: i migliori modelli

Che patente serve per guidare un 125? Ogni adolescente si è posto la domanda almeno una volta. Da qualche anno il dubbio è sorto anche ai genitori. Terminata l’era del patentino moto, la storia della patente per moto ha registrato una mini rivoluzione. Per mettersi in sella a un motorino 125cc bisogna essere in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Bambini in moto: come trasportare, regole e sanzioni

Organizzare un viaggio con i propri figli è un piacere per ogni genitore. Sia che si tratti di lunghe ferie, di un weekend fuori o di una gita domenicale, è fondamentale rispettare sempre le regole. Se viaggiare in auto con bambini significa assicurarli al seggiolino, quando si parla di moto le prescrizioni cambiano. I bambini

CONTINUA A LEGGERE

Soccorso stradale AXA Assistance: come funziona, numero verde

Trovarsi con l’auto in panne nel bel mezzo di un viaggio è un evento che può capitare a chiunque. In casi del genere, per tornare a viaggiare sicuri, la prima cosa da fare è mantenere la calma. Molto dipenderà dal nostro sangue freddo, ma anche dalla assicurazione auto sottoscritta. Se tra le garanzie accessorie previste

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: guida in stato di ebbrezza

Molto spesso i destinatari di ritiri patente per alcol non sono a conoscenza dei limiti di tasso alcolemico. La guida in stato di ebbrezza è uno dei problemi più diffusi sulle strade italiane. Nel 2018 sono state 20.249 le multe elevate dalla Polizia Stradale per guida in stato di ebbrezza alcolica (violazione articolo 186 Codice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE

Superbollo auto 2019: calcolo, chi deve pagare

Il superbollo auto è una delle tasse più odiate dagli automobilisti italiani. Da tempo si parla della sua abolizione, ma ad oggi è ancora in vigore. L’emendamento presentato da FDI alla Legge di Bilancio 2019, prevede infatti la sua cessazione a partire dal 2020. Se dovesse essere riconvertito, l’addizionale erariale sulla tassa automobilistica non dovrà

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto in calo nel secondo trimestre 2019

Qual è il costo assicurazione auto in Italia? A fornire una fotografia veritiera sui trend del mercato dell’assicurazione auto nel Belpaese è il Bollettino Statistico dell’IVASS. L’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha stimato l’andamento dei prezzi effettivi per la garanzia RC Auto nel secondo trimestre 2019. L’indicazione del premio è data dalla somma del

CONTINUA A LEGGERE

Auto elettriche in commercio: migliori modelli 2019

Le auto elettriche rappresentano la soluzione per la mobilità del futuro. La svolta verso la green mobilty ha suggerito nuove politiche europee: dal 2025, infatti, le case costruttrici saranno obbligate a destinare una quota di mercato pari al 20% per le auto a emissioni zero o a basse emissioni inquinanti, sotto i 50 g/km di

CONTINUA A LEGGERE