Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere

Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere

Dal 15 novembre al 15 aprile in Italia vige l’obbligo di avere a bordo della propria auto le catene da neve. L’alternativa al loro trasporto, consigliata dagli esperti per una maggiore sicurezza, è quella di montare pneumatici invernali. A disciplinare la materia è una direttiva dell Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture nel 2013, che ha unificato in tutta Italia il periodo dell’obbligo. Questo si intende in vigore fuori dai centri abitati, anche se i Comuni possono arbitrariamente introdurre l’obbligo nei centri urbani tramite un’ordinanza. Durante il periodo d’obbligo è possibile montare gomme che consentano una velocità massima inferiore rispetto a quella riportata sul libretto. Questa non può però in ogni caso essere inferiore a 160 km/h.

Gomme 4 stagioni: perché sceglierle

Un’alternativa altrettanto valida, che consente di stare in regola e di viaggiare sicuri, è quella di affidarsi alle cosiddette gomme all season. Si tratta di pneumatici utilizzabili in qualsiasi stagione dell’anno e in grado di adattarsi ad ogni condizione meteo. Il merito è di una mescola che favorisce buona aderenza sia sull’asciutto che sul bagnato. Rispetto alle gomme tradizionali, sono dotate di un battistrada più profondo e di una scanalatura diversa.

Pneumatici quattro stagioni: norme e sanzioni

Il ricorso a pneumatici all season permette di non incorrere in sanzioni sulle strade in cui vige l’obbligo. Affinché sia così, però, bisogna accertarsi che abbiano impresso il codice M+S o MS, M&S, M-S, sigla che sta per “Mud + Snow”, ovvero fango e neve. Secondo quanto stabilito nel 2014 dal Ministero dei Trasporti, però, chi utilizza pneumatici M+S con codice di velocità inferiore a quanto indicato sulla carta di circolazione, può viaggiare solo dal 15 ottobre al 15 maggio. Pertanto per essere a norma nei mesi caldi, avendo equipaggiato la nostra auto con gomme quattro stagioni, occorre che queste abbiano un indice di velocità uguale o maggiore a quello indicato sul libretto auto.

Se non rispettano queste indicazioni, si va incontro a una multa minima di 422 euro che può arrivare fino a 1.695 euro, con il conseguente ritiro della Carta di circolazione.

Pneumatici 4 stagioni: pro e contro

Per concludere si può dire che le gomme quattro stagioni sono particolarmente indicate per chi vive in luoghi con temperature miti e non fa un utilizzo massiccio della proprio auto, considerando che il cambio del “treno gomme” (che può costare intorno ai 100 euro) va effettuato ogni 20.000-30.000 chilometri. Chi è invece costretto a fronteggiare spesso quelle basse, dovrebbe optare per le gomme termiche.

Ricorda che l’obbligo di catene a bordo o di montare gomme invernali, è solo uno dei tanti che riguarda la tua carriera da automobilista. Quello più importante risponde al nome di assicurazione auto. Girare senza o con una polizza RC Auto scaduta, può infatti costarti davvero caro. Se hai intenzione di cambiare quella di cui disponi attualmente o devi sottoscrivere la tua prima, rivolgiti a noi. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori offerte online e generare gratuitamente un preventivo che resterà valido 60 giorni prima della tua conferma.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Il casco in bicicletta è obbligatorio?

Quando si va in bici è obbligatorio indossare il casco? Chi, almeno una volta nella vita, non si è posto questa domanda. Dal ciclista dell’ultima ora all’automobilista indispettito dai rallentamenti della domenica, il dubbio è lecito. L’argomento è stato spesso dibattuto e sarebbe dovuto essere oggetto di riforma nel Nuovo Codice della Strada. Ad oggi,

CONTINUA A LEGGERE

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Sospensione assicurazione moto: come fare, come riattivare

Sospendere l’assicurazione Rc obbligatoria è una soluzione interessante per risparmiare. Ideale per chi utilizza un veicolo soltanto in alcuni periodi dell’anno, garantisce un risparmio sul premio annuo. Di fatto questo è spalmato su un arco temporale più lungo. Quali sono i vantaggi principali e gli svantaggi di una polizza sospendibile? Blocco assicurazione moto: cos’è? La

CONTINUA A LEGGERE

Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE