Permuta auto usata: cos’è e come funziona

La permuta auto consiste nello scambio reciproco di due veicoli. Questa tipologia di transazione è prevista e disciplinata dall’articolo 1552 del Codice Civile. Un autoveicolo usato cambia dunque proprietà ed è soggetto agli obblighi assicurativi. Come funziona la permuta automobili e cosa è importante sapere prima di affidarsi a questo istituto?

Permuta auto: cos’è

Per permuta auto si intende il passaggio di un veicolo, e della relativa proprietà, da un contraente a un altro. La particolarità di questa formula risiede nell’assenza di denaro per operare lo scambio. Le permute auto, pertanto, non sono paragonabili a una compravendita quanto a un baratto. La permuta auto usate può avvenire tra privato o coinvolgere una concessionaria. Nel primo caso saranno i soggetti privati ad accordarsi per gestire le spese di passaggio. Di norma ciascuno dei contraenti si fa carico di quelle previste per il proprio pezzo.

Permuta auto: come funziona?

Se ti stai ancora domandando come funziona la permuta auto, c’è un passaggio fondamentale da spiegare. Come abbiamo visto, per ottenere un’auto in permuta bisogna scambiarla. Ma lo scambio tra privati non è l’unico istituto esistente. Spesso, infatti, un cliente che intende acquistare un nuovo veicolo può decidere di dare la propria auto in permuta al concessionario. In questo caso lo scambio non è più tra usato e usato, ma si cede un bene usato per ottenere uno sconto su uno nuovo. Cerchiamo di capire quali sono le differenze, con particolare riferimento al passaggio di proprietà.

Permuta usato con usato

La permuta auto comporta il passaggio di proprietà dei veicoli in questione. Questo, come noto, dipende dalla potenza in kW dei veicoli. Se si effettua la permuta macchine tra due modelli con potenza differente, stando a quanto stabilito dall’articolo 1552 del Codice Civile, le spese andrebbero suddivise in parti uguali. In realtà, come spiegato in precedenza, per prassi ognuno dei contraenti si prende in carico le spese burocratiche (e la relativa differenza di prezzo) prevista per il proprio mezzo.

Auto in permuta al concessionario: cosa cambia?

La ripartizione delle spese diventa invece obbligatoria se l’auto viene data in permuta al concessionario. Chi cede l’auto in permuta a un rivenditore, infatti, lo fa per ottenere uno sconto sul nuovo veicolo che intende acquistare. Se così non fosse, verrebbe meno quanto previsto dall’art.1522 del Codice Civile e si sconfinerebbe in un rapporto di cessione e vendita. Non essendo un semplice scambio tra due auto usate, le spese per il passaggio di proprietà vanno equamente suddivise (tra privato e concessionario) col consenso scritto di entrambe le parti in causa.

Permuta auto usata: documenti

Quando si effettua una permuta usato, tra privati o mediante concessionario, è importante fornire al nuovo proprietario i seguenti documenti:

  • Assicurazione auto in corso di validità
  • Bollo auto (ultimo versamento effettuato)
  • Libretto di circolazione auto in copia originale o autenticata
  • Ricevute che attestino manutenzioni effettuati e buono stato del veicolo, documenti di eventuali modifiche o sostituzioni effettuate
  • Chiavi originali e di riserva del veicolo

Permuta auto usata: vantaggi e svantaggi

La permuta auto è una formula sempre più diffusa. Il vantaggio maggiore nell’effettuarla tramite concessionario risiede nella possibilità di abbattere i tempi per la vendita. Di contro, però, la valutazione fatta dal negoziante risulterà essere di norma inferiore rispetto a quella che si ha cedendo a un privato. Se si effettua una permuta usato/usato tra privati, invece, è importante verificare la potenza dei due veicoli e capire quanto valga la pena accollarsi le (eventuali) spese maggiori per un passaggio di proprietà.

Dopo aver effettuato la permuta, valuta l’assicurazione auto in corso di validità e scegli se rinnovarla o cambiarla. Sfrutta il nostro comparatore per cercare la tariffa polizza auto più conveniente. Inserendo i dati del veicolo e del contraente si ricevono subito le quotazioni gratuite delle migliori compagnie online. Da quel momento sono ben due i mesi di tempo a disposizione per convalidare il preventivo ricevuto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE