Cos’è il periodo di osservazione nelle polizze RC Auto

Avete mai sentito parlare del periodo di osservazione RCA? Questa voce riguarda tutti i proprietari di un veicolo, tenuti, in base all’articolo 193 del Codice della Strada, a sottoscrivere un’assicurazione auto. Si collega direttamente alla classe di merito e al sistema bonus-malus. Cosa si intende allora per periodo di osservazione RC Auto, come funziona e cosa comporta?

Periodo di osservazione RCA: cos’è?

Il periodo di osservazione RCA è il lasso di tempo a cui fanno riferimento le compagnie assicurative per stabilire la classe di merito del contraente. Durante questo arco temporale, definito appunto periodo di osservazione polizza RCA, l’assicuratore verifica la condotta del suo cliente alla guida. Sulla scorta delle risultanze osservate viene definite la classe di merito da attribuire nel periodo successivo. Ne deriva, dunque, che per determinare il periodo di osservanza ricopre un ruolo cruciale l’attestato di rischio.

Questo documento, divenuto elettronico nel 2015, contiene infatti tutti i dati del veicolo e del contraente, oltre al suo “curriculum” di guida negli ultimi cinque anni. All’interno di esso sono riportati gli incidenti avvenuti nel corso dell’ultimo quinquennio. Tutti questi elementi concorrono a generare la classe di merito del titolare di polizza, ovvero un parametro fondamentale per determinare il grado di pericolosità di un automobilista e, di conseguenza, quale tariffa attribuirgli. Questo meccanismo è noto come bonus-malus e privilegia i guidatori virtuosi facendoli avanzare di classe: una ogni anno in assenza di sinistri.

Periodo di osservazione RCA: come funziona

Stabilito cos’è, non resta che capire come funziona il periodo di osservazione RCA, come viene calcolato e cosa comporta. Le compagnie assicurative distinguono tra nuovi contratti e rinnovi, con le seguenti differenze:

  • Nuovo contratto assicurazione: il periodo di osservazione ha una durata di 10 mesi. La data di inizio è fissata al momento della stipula del contratto, la conclusione del periodo di osservazione avviene a due mesi dalla scadenza (in caso di contratti annuali). Ne consegue che gli incidenti con colpa (esclusiva, principale o paritaria) effettuati negli ultimi due mesi di copertura, sono esclusi dal periodo di osservazione e vengono considerati l’anno successivo
  • Rinnovo contratto assicurativo: dal primo rinnovo in poi, invece, il periodo di osservazione RC Auto ha una durata di 12 mesi. La data di inizio coincide dunque con quella di fine del periodo precedente

In questo modo le compagnie mantengono sempre i due mesi di scarto tra le fine di un periodo di osservazione e la data di scadenza della polizza RCA. Così facendo possono elaborare l’attestato di rischio e determinare la classe di merito e la relativa tariffa da applicare.

Per risparmiare sulla tua prossima assicurazione auto, sia che si tratti della prima polizza o di un rinnovo, affidati al nostro comparatore. Compila il form gratuito inserendo i dati richiesti, confronta le tariffe delle migliori compagnie RC Auto e ottieni subito un preventivo gratuito e valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Come ottenere il risarcimento RC Auto in caso di incendio colposo

In caso di incendio colposo che coinvolge un veicolo, si ha diritto ad essere risarciti? Trovare la propria auto danneggiata da uno scoppio o dalle fiamme è un evento non troppo raro. Sebbene l’assicurazione RCA sia obbligatoria, è risaputo che le polizze standard non coprono fattispecie del genere. Cosa bisogna fare, dunque, per richiedere l’indennizzo?

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE