Perdita classe di merito: quando avviene e perché

Subire la perdita classe di merito è un’evenienza che ogni assicurato deve mettere in conto. Se non si ricorre alla Legge Bersani, ereditando quella di un familiare conveniente, ottenere una CU vantaggiosa non è semplice. Scalare il ranking è infatti un’operazione che richiede anni e un ottimo curriculum di guida. Come si perde, invece, la classe di appartenenza e qual è la durata classe di merito?

Cos’è la classe di merito

La classe di merito viene indicata nell’attestato di rischio e determina aumento o diminuzione della tariffa per ogni anno assicurativo. Si tratta di un punteggio numerico legato allo storico degli incidenti fatti, in base al quale scatta il meccanismo bonus malus (perdita classe di merito) che influisce sul premio polizza auto da pagare. Chi stipula un’assicurazione auto per la prima volta, parte dalla classe di merito 14, a meno che non erediti quella di un familiare convivente servendosi della legge 40/2007. In questo caso, come nel caso in cui si sia smarrito il documento, è possibile stipulare la assicurazione auto senza attestato di rischio. Quanto dura l’attestato di rischio? Cinque anni dal momento del suo rilascio. Va ricordato che la valutazione della classe di merito è soggettiva e dipende dalle singole compagnie assicurative.

Come si perde la classe di merito?

La perdita classe di merito fa parte del meccanismo bonus-malus che le singole compagnie applicano sulle polizze RC Auto. Questa situazione peggiorativa capita ai conducenti meno affidabili e comporta loro una maggiorazione del costo annuale della polizza. La retrocessione della classe di merito si verifica quando:

  • L’assicurato provoca due sinistri con più del 50% della colpa nell’arco di un anno
  • I danni da lui causati siano stati accertati dalla compagnia assicurativa
  • L’assicurato non abbia provveduto personalmente a risarcire per intero i danni senza denunciare il sinistro alla compagnia assicurativa

In ogni caso, per essere effettiva, l’applicazione del malus deve essere tempestivamente comunicata al soggetto interessato. Se invece non è prevista la formula bonus-malus nel contratto assicurativo, il contraente può perdere la classe di merito in un solo caso, ovvero se non risulta in regola con il pagamento della RCA. Se trascorrono più di 5 anni dalla scadenza del precedente contratto assicurativo e non viene riattivata una polizza, la classe di merito si perde invece in modo definitivo.

Recupero classe di merito

Come abbiamo visto, la classe di merito si calcola sullo storico degli incidenti del contraente, soprattutto per quanto riguarda i cinque anni precedenti. Risulta utile sapere che un incidente con concorso di colpa non comporta l’applicazione di un malus, ma solo una segnalazione nell’attestato di merito. Per recuperare (o guadagnare) una classe di merito, basta non incappare in sinistro. Ogni anno senza incidenti permette infatti di avanzare di una classe.

Per risparmiare sulla prima assicurazione, cambiare compagnia o rinnovare quella in corso di validità, affidati al nostro comparatore. Inserendo pochi dati, tuoi e del veicolo che intendi assicurare, potrai visualizzare le offerte delle migliori compagnie e ricevere un preventivo gratuito. A quel punto avrai a disposizione tutto il tempo necessario (60 giorni) per valutarlo e decidere se convalidarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE