Perdita classe di merito: quando avviene e perché

Subire la perdita classe di merito è un’evenienza che ogni assicurato deve mettere in conto. Se non si ricorre alla Legge Bersani, ereditando quella di un familiare conveniente, ottenere una CU vantaggiosa non è semplice. Scalare il ranking è infatti un’operazione che richiede anni e un ottimo curriculum di guida. Come si perde, invece, la classe di appartenenza e qual è la durata classe di merito?

Cos’è la classe di merito

La classe di merito viene indicata nell’attestato di rischio e determina aumento o diminuzione della tariffa per ogni anno assicurativo. Si tratta di un punteggio numerico legato allo storico degli incidenti fatti, in base al quale scatta il meccanismo bonus malus (perdita classe di merito) che influisce sul premio polizza auto da pagare. Chi stipula un’assicurazione auto per la prima volta, parte dalla classe di merito 14, a meno che non erediti quella di un familiare convivente servendosi della legge 40/2007. In questo caso, come nel caso in cui si sia smarrito il documento, è possibile stipulare la assicurazione auto senza attestato di rischio. Quanto dura l’attestato di rischio? Cinque anni dal momento del suo rilascio. Va ricordato che la valutazione della classe di merito è soggettiva e dipende dalle singole compagnie assicurative.

Come si perde la classe di merito?

La perdita classe di merito fa parte del meccanismo bonus-malus che le singole compagnie applicano sulle polizze RC Auto. Questa situazione peggiorativa capita ai conducenti meno affidabili e comporta loro una maggiorazione del costo annuale della polizza. La retrocessione della classe di merito si verifica quando:

  • L’assicurato provoca due sinistri con più del 50% della colpa nell’arco di un anno
  • I danni da lui causati siano stati accertati dalla compagnia assicurativa
  • L’assicurato non abbia provveduto personalmente a risarcire per intero i danni senza denunciare il sinistro alla compagnia assicurativa

In ogni caso, per essere effettiva, l’applicazione del malus deve essere tempestivamente comunicata al soggetto interessato. Se invece non è prevista la formula bonus-malus nel contratto assicurativo, il contraente può perdere la classe di merito in un solo caso, ovvero se non risulta in regola con il pagamento della RCA. Se trascorrono più di 5 anni dalla scadenza del precedente contratto assicurativo e non viene riattivata una polizza, la classe di merito si perde invece in modo definitivo.

Recupero classe di merito

Come abbiamo visto, la classe di merito si calcola sullo storico degli incidenti del contraente, soprattutto per quanto riguarda i cinque anni precedenti. Risulta utile sapere che un incidente con concorso di colpa non comporta l’applicazione di un malus, ma solo una segnalazione nell’attestato di merito. Per recuperare (o guadagnare) una classe di merito, basta non incappare in sinistro. Ogni anno senza incidenti permette infatti di avanzare di una classe.

Per risparmiare sulla prima assicurazione, cambiare compagnia o rinnovare quella in corso di validità, affidati al nostro comparatore. Inserendo pochi dati, tuoi e del veicolo che intendi assicurare, potrai visualizzare le offerte delle migliori compagnie e ricevere un preventivo gratuito. A quel punto avrai a disposizione tutto il tempo necessario (60 giorni) per valutarlo e decidere se convalidarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione furto casa: come funziona

L’assicurazione furto casa copre i danni derivanti dalla sottrazione di oggetti appartenenti all’immobile dell’assicurato. Il furto in casa è uno dei reati più abietti e scioccanti, in quanto colpisce nel luogo protetto per antonomasia. Sebbene nell’ultimo biennio il dato italiano sia calato dell’8,5%, nell’ultimo anno registrato i topi di appartamento hanno fatto visita a oltre

CONTINUA A LEGGERE

Incidente senza assicurazione: come ottenere il rimborso?

Cosa succede quando si rimane vittime di un incidente senza assicurazione? L’assicurazione RC Auto è obbligatoria per legge, ma nonostante ciò i furbetti proliferano. Secondo l’indagine Asaps relativa al 2017, infatti, sono quasi 5 milioni le auto circolanti in Italia sprovviste della regolare polizza RC, una cifra che equivale al 13% del parco veicolare. Se

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Protezioni moto: quali sono obbligatorie?

Quello delle protezioni moto è un tema particolarmente dibattuto tra i centauri. Quella tra look e sicurezza dovrebbe essere una sfida impari, eppure non sono pochi i motociclisti (soprattutto dell’ultima ora) che sembrano preferire un outfit di grido sacrificando la propria incolumità. Con i pericoli della strada, però, non si scherza. Le 687 vittime nel

CONTINUA A LEGGERE

Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio. Residenza e domicilio differenza Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice

CONTINUA A LEGGERE

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE