assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Pedone investito: chi paga?

Pedone investito: chi paga?

Sul tema delle assicurazioni auto i risarcimenti non riguardano soltanto conducenti e passeggeri del veicolo. Anche i pedoni, considerati utenti deboli della strada, ne hanno infatti diritto. A disciplinare il rapporto tra le parti in causa è l’articolo 191 del Codice della Strada “Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni”. Questi comanda una serie di disposizioni da adottare quando si è al volante e stabilisce che chiunque le violi sia “soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 162 a euro 646”. Ma cosa succede, invece, se un pedone viene investito?

Pedone investito: come si accertano le responsabilità

La normativa vigente in Italia si uniforma a quella europea e non lascia ampi margini all’interpretazione.
Il pedone investito ha sempre ragione e ha diritto all’intero risarcimento dei danni subiti.

Sul conducente dell’auto, come stabilito da una recente sentenza della Cassazione (la n. 3883/2015) grava infatti la presunzione di colpa che obbliga a pagare qualsiasi danno a chi era a piedi.

Investimento pedone: il concorso di colpa

La presunzione di colpa, ovvero il desumere un fatto non provato facendolo derivare da fatti noti, può tuttavia venire meno a una condizione, quella in cui vengano presentate prove concrete della condotta sbagliata o pericolosa del pedone. Tradotto: chi si trova al volante deve riuscire a dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare la collisione. Serve, insomma, la prova provata che certifichi il ruolo del pedone nel causare il sinistro e che, di conseguenza, affranchi chi era alla guida del mezzo da ogni responsabilità.

Come deve comportarsi il pedone dopo l’investimento

Affinché il pedone investito possa ottenere il risarcimento dall’assicurazione auto della controparte, deve compiere alcuni passi obbligatori. A lui spetta l’onere della prova: dovrà pertanto dimostrare il danno subito raccogliendo tutta la documentazione medica relativa ad esso. La portata del danno andrà indicata alla compagnia assicuratrice del conducente in sede di richiesta di risarcimento. A sua volta la compagnia, tenuta per legge a formulare un’offerta entro 90 giorni dalla richiesta, potrà contestarli attraverso un proprio medico legale. Qualora l’offerta venga rifiutata dal richiedente (il pedone), questi dovrà cercare un accordo tramite gli avvocati delle parti. Solo in caso di mancata intesa nei tre mesi successivi, dovrà rivolgersi al giudice di pace o a quello civile.

Infine qualora non si riesca a risalire alla targa del veicolo o il conducente risulti sprovvisto della assicurazione auto obbligatoria per legge, sarà il Fondo di Garanzia Vittime della Strada a riconoscere per intero il danno. Per quanto riguarda l’automobilista, invece, il premio della polizza aumenterà in proporzione al risarcimento da corrispondere (e al danno causato) nei termini stabiliti dalle rispettive compagnie. Per scoprire quella più adatta alle tue esigenze non ti resta che consultare tra le migliori offerte presenti sul mercato.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE