Patente A: quanto costa?

Patente A: quanto costa?

Permette di sgusciare nel traffico cittadino, di effettuare lunghi viaggi nei weekend e rappresenta inequivocabilmente uno status symbol. Saper guidare e potersi permettere una moto è un privilegio assoluto. Allo stesso tempo è fondamentale rispettare tutti gli obblighi previsti dalla legge: dalla assicurazione moto al bollo, passando per la revisione. Prima di pensarci, però, bisogna dimostrare di avere i requisiti per mettersi in sella e allacciarsi il casco. Come? Prendendo la patente. Quella necessaria per guidare una due ruote è la A. Se non sai già tutto su di lei, ti aiutiamo noi.

Patenti moto: esami

Prima di capire quando, è utile sapere cosa potrai guidare. Le patenti moto sono infatti diverse.

  •         Patente AM: si può prendere a partire dai 14 anni. L’esame teorico consiste in un quiz da 30 domande e il superamento dà diritto a sostenere la prova pratica. Permette di guidare motorini fino a 50cc
  •         Patente A1: conseguibile a partire dai 16 anni. Prevede il superamento dell’esame teorico da 40 domande e di una doppia prova in sella. Su pista per verificare il controllo del veicolo (slalom tra birilli, gimcana, frenata, passaggi a otto) e su strada per attestare la conoscenza delle norme. Dà diritto a condurre moto di 125cc e 11kW di potenza
  •         Patente A2: si ottiene a partire dai 18 anni e consente di guidare qualsiasi veicolo fino a 35 kW di potenza e con un rapporto potenza/peso superiore a 0,2 kW/kg. Qualora si sia in possesso della A1 si dovrà sostenere soltanto l’esame pratico
  •         Patente A3: conseguibile soltanto al compimento dei 24 anni, permette di guidare qualsiasi moto. Le prove da superare sono due: teorica e pratica su pista e strada, con moto di cilindrata uguale o superiore a 600cc, potenza minima di 40kW e peso non inferiore ai 180 kg. In presenza di patente A2 vi si può accedere dopo due anni.

Documenti patente A

Sia che si scelga la strada da privatista che quella della scuola guida, i documenti da presentare per sostenere gli esami sono gli stessi.

  •         Fotocopia del documento di identità
  •         Marca da bollo da 14,62 euro
  •         Fotocopia della patente (se già in possesso)
  •         Due versamenti di 14,62 euro sul cc 4028
  •         Modello TT2112 compilato
  •         Versamento di 24,00 euro sul cc 9901
  •         Certificato medico con annessi bollo da 14,62 euro e fotografia vidimata

Per compiere l’iter è necessario recarsi in un ufficio della Motorizzazione Civile e fare richiesta per la patente A. Solo a questo punto verranno consegnati il modulo TT2112, un bollettino da 14,62 euro e quello da 24. Il secondo da 14,62 si pagherà invece successivamente, ovvero in sede di prenotazione della prova pratica e, pertanto, non prima di aver superato quella teorica. Quest’ultima dovrà essere sostenuta entro sei mesi dalla presentazione della domanda.

Cosa incide sul prezzo

Completato il vademecum, è giunto il momento di rispondere alla fatidica domanda: quanto costa prendere la patente A? Molto dipende dal percorso che si sceglie. Quello più economico è da privatista, con una cifra, comprensiva degli oneri per l’ottenimento del certificato medico, che supera di poco i 150 euro. Passando invece per un’autoscuola il prezzo aumenta di un centinaio di euro, ma si avrà diritto a seguire le lezioni in aula.

Hai già tagliato questo importante traguardo? Allora non esitare un istante di più e passa a trovarci. Su Quale.it potrai completare il secondo stop fondamentale prima di accendere i motori: sottoscrivere l’assicurazione moto. Da noi avrai modo di confrontare le proposte più interessanti delle migliori compagnie e scegliere quella più adatta a te soltanto dopo aver generato gratuitamente un preventivo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE