Passaggio di proprietà per decesso: cos’è e come funziona

Passaggio di proprietà per decesso: cos’è e come funziona

Che un’auto sia intestata a un defunto è un fenomeno che si può verificare. Non sono infatti rari i casi di automobili che “sopravvivono” ai loro proprietari e non necessariamente per anzianità di questi ultimi. Cosa accade, allora, subito dopo? La vettura potrà circolare da subito o sarà soggetta a restrizioni? Queste varranno anche a fronte di un testamento scritto? Scopriamolo insieme.

I veicoli immatricolati in Italia, come noto, sono registrati al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Qui vengono annotati tutti i dati: marca, modello, targa, dati tecnici e data di prima immatricolazione. Inoltre sono registrati i dati anagrafici del proprietario. Se ne ricava che ogni passaggio di proprietà, indipendentemente dalla motivazione per cui avviene, dovrà essere segnalato e che il proprietario dovrà a sua volta essere registrato al PRA, come stabilito dal articolo 94 del Codice della Strada.

Cambio nome al PRA: come effettuarlo

Qualora l’erede non sia unico, l’auto sarà intestata in comunione a tutti gli eredi. A questo punto occorre provvedere alla voltura che permette al veicolo di circolare temporaneamente. Per effettuarla è necessario accettare in eredità il veicolo, attraverso un atto pubblico o una scrittura privata autenticata o accertata giudizialmente.  A questo punto l’erede ha 60 giorni di tempo per registrare l’accettazione dell’eredità al PRA, in forma espressa (ovvero con firma autenticata) e non tacita.

Voltura proprietà auto: i documenti

Come visto affinché un’auto intestata a una persona deceduta possa circolare su strada, anche solo temporaneamente, è obbligatorio presentare al PRA una serie di documenti. Ecco quali sono.

  • Atto di accettazione dell’eredità autenticato in bollo. In caso di testamento, copia conforme dello stesso o estratto rilasciato su carta bollata dal notaio
  • Carta di circolazione o Certificato di proprietà digitale (CdPD)
  • Certificato di proprietà (CdP)
  • Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio dell’erede che effettua la richiesta con allegata delega firmata degli altri eredi
  • Fotocopia del documento di identità in corso di validità del richiedente
  • Codice fiscale del richiedente
  • Modello NP3B in doppia copia. Questo si potrà compilare online sul sito dell’ACI oppure presso uno Sportello degli uffici provinciali della Motorizzazione o ACI.

Passaggio di proprietà: costi e sanzioni

Per completare il passaggio sono previsti dei costi. A quello relativo all’IPT, su base provinciale, si aggiungono l’imposta di bollo per la registrazione al PRA (48 euro) e le spese per il servizio di agenzia (27 euro). Ben più salate sono le tariffe per i trasgressori che vengono “pizzicati” a circolare con l’auto di un defunto senza aver espletato le regolari pratiche: la multa minima è di 705€, quella massima 3.526€.

Prima di accettare l’eredità è suggerito accertarsi dei trascorsi del defunto. Eventuali fermi amministrativi, multe e ipoteche saranno infatti a vostro carico. Dulcis in fundo non dimenticate un altro passo fondamentale. Una volta eredita l’automobile bisognerà provvedere a modificare anche l’intestatario dell’assicurazione RC Auto obbligatoria per legge. Se hai bisogno di garantirti quella più consona alle tue esigenze affidati a noi. Sul nostro sito potrai infatti consultare e confrontare le offerte delle migliori compagnie presenti sul mercato. Potrai scegliere quella più adatta a te in tutta tranquillità: dopo aver generato gratuitamente un preventivo avrai infatti 60 giorni di tempo per decidere se convalidarlo o meno.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE