Passaggio di proprietà auto per decesso: come fare

Ereditare un veicolo per volontà del defunto rientra nei nostri diritti. Qual è la procedura per effettuare il passaggio di proprietà auto per decesso? In caso di auto intestata a defunto, gli ereditari devono presentare il verbale di pubblicazione del testamento redatto dal notaio. L’accettazione eredità auto va fatta entro 6 mesi dalla morte, davanti a un notaio, con atto di vendita per mortis causa. Allo stesso modo è possibile rinunciare all’eredità, presentando un esplicito atto di rinuncia redatto dal notaio.

Passaggio di proprietà auto defunto: art. 94 Codice della Strada

Tutti i veicoli immatricolati in Italia sono registrati al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), dove sono annotati tutti i suoi dati identificativi:

  • Modello
  • Marca
  • Targa veicolo
  • Dati tecnici
  • Data di prima immatricolazione

Tutti i passaggi di proprietà, compreso il passaggio di proprietà auto per decesso, devono pertanto essere segnalati e il proprietario deve essere registrato al PRA. A disciplinare la materia è l’articolo 94 del Codice della Strada: “In caso di trasferimento di proprietà degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi o nel caso di costituzione dell’usufrutto o di stipulazione di locazione con facoltà di acquisto, il competente ufficio del PRA, su richiesta avanzata dall’acquirente entro sessanta giorni dalla data in cui la sottoscrizione dell’atto è stata autenticata o giudizialmente accertata, provvede alla trascrizione di trasferimento o degli altri mutamenti indicati, nonché all’emissione e al rilascio del nuovo certificato di proprietà”.

La mancata osservanza di questa disposizione è punita con una multa da 705 a 3.526 euro, mentre la circolazione con un veicolo per il quale non è stato richiesto aggiornamento o rinnovo della carta di circolazione, viene sanzionato con una somma da 353 a 1.762 euro.

Come effettuare cambio nome al PRA

Se l’erede non è unico, l’auto viene intestata in comunione a tutti gli eredi. Affinché il veicolo possa circolare temporaneamente, prima di effettuare il definitivo passaggio di proprietà auto per decesso, occorre fare la voltura. Questa avviene tramite un atto pubblico o una scrittura privata autenticata. L’erede dispone di 60 giorni per registrare l’accettazione dell’eredità al PRA, in forma espressa e non tacita.

Passaggio di proprietà auto per decesso: documenti necessari

Il passaggio di proprietà auto per decesso segue una procedura speciale che riguarda tempi, costi e documenti da produrre. In caso di dichiarazioni mendaci o di omissione dei legittimari o di altri eredi, l’atto si annulla. Ciò significa che tutti gli eredi devono essere coinvolti nella successione automobile defunto. I documenti da presentare sono:

  • Modulo di Dichiarazione sostitutiva dell’Atto Notorio
  • Atto di accettazione dell’eredità autentico in bollo
  • Copia conforme dell’atto di accettazione o estratto rilasciato su carta bollata dal notaio (solo in caso di testamento)
  • Certificato di proprietà (CdP)
  • Carta di circolazione o certificato di proprietà digitale
  • Modello NP3B in doppia coppia. Questo documento si può compilare dal sito dell’ACI, oppure recuperare presso gli uffici provinciali di Motorizzazione Civile o ACI. Occorre indicare dati fiscali e anagrafici del defunto
  • Fotocopia del documento d’identità in corso di validità dell’erede richiedente
  • Codice fiscale dell’erede richiedente
  • Dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio dell’erede che effettua la richiesta. A questa andrà allegata la delega firmata dagli altri eredi

Successione autovettura: quanto costa?

Una volta presentati tutti questi documenti, il passaggio proprietà auto per decesso non può ancora considerarsi ultimato. Per non incorrere nelle multe indicate precedentemente, l’ereditario dell’auto in successione dovrà farsi carico di pagare IPT (Imposta Provinciale di Trascrizione, il cui prezzo varia su base regionale), imposta di bollo per registrarsi al PRA e spese per il servizio di agenzia. Queste ultime due voci di spesa costano complessivamente 75 euro.

Quando si effettua il cambio intestazione auto tramite il passaggio di proprietà auto per decesso, è opportuno accertarsi del curriculum del defunto. In presenza di multe, ipoteche o fermi amministrativi, non sempre conviene accettare l’auto in successione. Tutte queste spese, infatti, saranno a carico di chi eredita il veicolo. Riepilogando: di fronte a un’auto intestata a defunto cosa fare? Dopo aver prodotto tutta la documentazione utile per il passaggio di proprietà, bisogna pagare IPT, imposta di bollo e servizi di agenzia. A quel punto, prima di poter circolare su strada, occorre modificare anche l’intestatario dell’assicurazione auto. Per trovare la tariffa più conveniente, affidati a Quale.it. Grazie al nostro comparatore riceverai subito un preventivo gratuito dalle migliori compagnie assicurative online. A quel punto avrai due mesi di tempo per valutare le quotazioni e decidere se affidarti a quella polizza Rc Auto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE