Passaggio da ADSL a fibra: come fare, tempi, costi

Fare il passaggio da ADSL a fibra permette di avere una connessione internet più veloce. I vantaggi fibra ottica sono infatti quelli di disporre di una rapidità superiore al secondo (Mbps) sia in download che in upload. Non sempre da ADSL a fibra è tutto rose e fiori. Spese e costi di attivazione possono influenzare la decisione, inoltre non sempre il guadagno in velocità è notevole. Meglio fibra o ADSL? Scopriamo vantaggi e svantaggi del passaggio da fibra ottica a ADSL e come fare la scelta migliore.

Passaggio Adsl fibra ottica: vantaggi

Chiedersi se sia meglio Adsl o fibra ottica è comune a tutti i fruitori di internet. Cambiamento è spesso sinonimo di miglioramento. Quando si parla di fibra ottica, ad esempio, il guadagno maggiore è quello relativo alla velocità di connessione. La fibra ottica prevede l’utilizzo di cavi in fibra di vetro e ha tre diverse connessioni: FTTH, FTTC e FTTS. Soltanto la prima raggiunge in maniera diretta l’abitazione, mentre le altre due raggiungono la centralina collocata in strada e successivamente vengono trasmesse alla casa interessata. FTTC e FTTS sono di fatto le fibre più diffuse. Non hanno gli standard della fibra ottica, ma della fibra misto rame che difficilmente riesce a superare i 30 Mega.

Svantaggi

Sui motivi per effettuare il passaggio da ADSL a fibra pesa questa considerazione. La velocità delle più moderne linee ADSL è infatti di 20 Mega in download, ovvero poco meno di quella offerta da alcuni tipi di fibra. Per questo motivo nella scelta fibra ottica o adsl è sempre consigliato verificare che la propria zona sia coperta dalla fibra FTTH e cercare l’offerta fibra più conveniente. Inoltre non va dimenticato che il passaggio da ADSL a fibra comporta il cambio del numero di telefono, se la linea telefonica è compresa nell’abbonamento.

Come effettuare il passaggio da Adsl a fibra

Il passaggio da ADSL a fibra si può effettuare mantenendo lo stesso operatore oppure cambiando operatore. Nel primo caso è necessario contattare il servizio clienti del proprio operatore e verificare la possibilità, a condizione che esista la disponibilità della rete in fibra ottica. Nel secondo caso bisogna invece cercare le migliori offerte per cambiare operatore e rivolgersi direttamente a quello che si intende scegliere.

Tempi e cost passaggio da Adsl a fibra

Per quanto riguarda le tempistiche, il passaggio da ADSL a fibra è più rapido mantenendo lo stesso operatore. In tal caso la procedura viene gestita automaticamente dal provider e l’iter viene completato entro qualche settimana. Per fare il passaggio da ADSL a fibra è necessario anche cambiare il router Wi-Fi per l’accesso ad internet, che può essere acquistato o preso in comodato d’uso. Mantenendo lo stesso operatore non costa nulla. Facendo invece il passaggio da un operatore a un altro, il provider che si lascia potrebbe prevedere dei costi di passaggio e l’abbonamento dei vincoli stringenti. La prima cosa da fare, in questo caso, è quella di contattare l’attuale operatore per avere informazioni relative al recesso anticipato. In mancanza di vincoli permanenti, il costo di disattivazione risulterà basso. A questo punto non resta che cercare l’offerta che si ritiene più interessante, contattare il nuovo operatore ed attendere di essere ricontattati. Entro alcuni giorni è previsto l’arrivo di un tecnico che gestisce la parte relativa all’allaccio. La procedura si completa entro un paio di settimane, se i tempi si allungano è opportuno contattare il servizio clienti.

Per confrontare le tariffe ADSL e Fibra affidati al comparatore di Quale.it. Con pochi click potrai comparare le migliori offerte Adsl e fibra online e trovare quella che fa al caso tuo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE