Overbooking: cosa fare, come evitarlo, come ottenere rimborso

Prenotare la vacanza dei sogni e scoprire all’ultimo momento che il proprio volo è in overbooking. Se in Italia il traffico negli aeroporti è sicuramente inferiore rispetto agli Stati Uniti, il rischio di negato imbarco è dietro l’angolo. In questi casi bisogna soltanto affidarsi alla sorte, sperando che non si venga estratti tra gli sfortunati costretti a restare a terra, o si può fare altro? Esistono soluzioni per prevenire un fenomeno che, compagnie low cost alla mano, rischia di diventare sempre più massivo.

Overbooking: significato

Prima di scoprire i metodi per prevenirlo, è opportuno fare un salto indietro e rispondere alla domanda più gettonata: “Che cos’è l’overbooking aereo?”. Si tratta della pratica delle compagnie aeree di mettere in vendita più biglietti rispetto ai posti disponibili su un volo. Una sorta di rischio calcolato che gioca su due consapevolezze:

  • Percentuale di persone che rinunciano al volo
  • Persone che non riescono a prendere il volo

In questo modo si ha la possibilità di avere viaggi sempre sold out, o quasi. Il tasso di over booking è infatti basso (0,001 passeggeri, ovvero uno ogni mille), ma il rischio è alto nei periodi di alta stagione o in concomitanza con le feste. Se si rientra tra i malcapitati, non bisogna perdere pazienza e fiducia. Compiendo i passi giusti, si potrà ugualmente viaggiare sicuri.

Come evitare l’overbooking

Il target di utenti più esposto all’overbooking aereo è quello che viaggia poco con una determinata compagnie e lo fa in classe economica. Le precauzioni per evitare l’overbooking sono:

  • Utilizzare una tessera di Frequent Flyer della compagnia con cui si vola
  • Evitare i biglietti low cost: chi vola in business tende a essere privilegiato
  • Effettuare il check-in con anticipo, valutando di effettuarlo online appena viene offerta la possibilità (1-2 giorni prima del volo)
  • Arrivare in anticipo al gate
  • Spedire i bagagli: l’imbarco viene negato a sorteggio e, se la valigia è già stivata, difficilmente si resterà in aeroporto
  • Evitare di viaggiare negli orari con più affluenza: meglio la mattina presto che non la sera. In caso di ritardi accumulati in giornata, infatti, si genera un effetto domino sui voli successivi

Vedere disponibilità posti aereo

Per farsi un’idea di quante persone viaggeranno insieme a noi e prevenire la sovraprenotazione, esistono diversi siti che monitorano in tempo reale la disponibilità di posti su di un volo. Se si è scettici sulla possibilità di incappare nell’overbooking, può essere utile consultarli.

Overbooking e diritti del passeggero

Quasi tutti i contratti di volo comprendono clausole che descrivono le pratiche di overbooking. Il passeggero volo ha dei diritti, stabiliti dalla Carta dei Diritti del Passeggero dell’Enac e dalle norme vigenti nell’Unione Europea. Il passeggero overbooking ha i seguenti diritti:

  • Compensazione tra 250 euro e 600 euro a seconda della lunghezza della tratta aerea
  • Pasti e bevande compresi
  • Sistemazione gratuita in albergo ove diventi necessario il pernottamento
  • Trasferimento da e per l’aeroporto qualora si sceglie di partire il giorno successivo

Se, invece, la partenza slitta di poche ore, la compensazione economica può essere diminuita fino al 50%. La cifra torna a essere completa se, però, il nuovo volo giunge a destinazione oltre quattro ore dopo l’orario originario di quello in overbooking.

Rimborso per volo in overbooking

Il risarcimento volo overbooking è diretto e può essere effettuato in contanti o tramite bonifico. In alternativa, ma solo se concordato col cliente, l’indennizzo può essere corrisposto tramite buoni viaggio. I diritti dei passeggeri sono validi per qualunque compagnia aerea. Non si fanno distinzioni tra tariffa piena, low cost o a prezzo scontato.

Per affrontare partenza e viaggio in tutta tranquillità, consigliamo di stipulare un’assicurazione viaggio. Vi terrà al sicuro da ogni tipo di imprevisto, anche causato da negligenza altrui. Visita il nostro sito, trova quella più adatta a te tra le migliori offerte assicurative online, e fai buon viaggio.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE