Obbligo contrassegno principiante: cosa prevede la legge

Obbligo contrassegno principiante: cosa prevede la legge

Il conseguimento della patente B rappresenta uno dei primi grandi traguardi dell’età adulta. Raggiungerlo è sinonimo di libertà e indipendenza, ma non solo. Diventare a tutti gli effetti automobilisti, affrancandosi dal solo status di passeggeri, comporta anche delle responsabilità. E degli obblighi. Tra questi c’è quello di guidare esclusivamente macchine per neopatentati e di affidarsi a un’assicurazione auto. Se stai per diventare un novello pilota, sei sicuro di sapere tutto quello che prevede la legge? E sai come gestire i mesi di travaglio che ti separano dalle prime uscite in solitaria a bordo della tua quattro ruote? Ti spieghiamo tutto noi.

Lettera P di principiante: quando è obbligatoria

L’iter da seguire per ottenere il titolo di guida è semplice. Ci si iscrive a scuola guida e si superano i due esami obbligatori: teorico e pratico. Il buon esito del primo è propedeutico al sostenimento del secondo e dà diritto al rilascio del foglio rosa, quel documento che permette per sei mesi (e anche prima del compimento del 18° anno di età) di circolare regolarmente su strada in attesa di effettuare la prova pratica. Il suo possesso mentre ci si esercita su strada non è la sola prescrizione prevista dal Codice della Strada. Tra gli obblighi c’è anche l’esposizione della lettera P di “Principiante”, stampata su un foglio bianco, sul retro della vettura. L’articolo 122 dispone infatti che “gli autoveicoli per le esercitazioni e gli esami di guida condotti da aspiranti conducenti devono essere muniti, nella parte anteriore e posteriore, di un contrassegno recante la lettera P dell’alfabeto, maiuscola, di colore nero su fondo bianco retroriflettente. Tale contrassegno va applicato in posizione verticale o subverticale in modo ben visibile e tale da non ostacolare la necessaria visibilità dal posto di guida e da quello occupato da colui che funge da istruttore”.

Quando decade l’obbligo di esporlo

Questo obbligo decade nel momento esatto in cui si ottiene la patente. A questo punto i doveri di automobilista diventano quelli di rispettare tassativamente i limiti neopatentati e di completare il corredo della sicurezza con la migliore assicurazione auto. A chi è alle prime arme le compagnie assicurative, prevedendo un rischio elevato di incorrere in incidenti dettato dalla scarsa esperienza, attribuiscono la classe di merito più alta, ovvero la 14. Un modo per risparmiare può essere in questo caso quello di affidarsi alla Legge Bersani, che permette di ereditare la classe di merito di un membro dello stesso nucleo familiare. La soluzione migliore è però quella di consultare le offerte online. Sul nostro sito sono presenti le più interessanti attualmente sul mercato. Con pochi click potrai confrontarle e scegliere quella che ritieni più valida. Come? Dopo aver generato gratuitamente un preventivo che resterà valido per ben 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Il casco in bicicletta è obbligatorio?

Quando si va in bici è obbligatorio indossare il casco? Chi, almeno una volta nella vita, non si è posto questa domanda. Dal ciclista dell’ultima ora all’automobilista indispettito dai rallentamenti della domenica, il dubbio è lecito. L’argomento è stato spesso dibattuto e sarebbe dovuto essere oggetto di riforma nel Nuovo Codice della Strada. Ad oggi,

CONTINUA A LEGGERE

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Sospensione assicurazione moto: come fare, come riattivare

Sospendere l’assicurazione Rc obbligatoria è una soluzione interessante per risparmiare. Ideale per chi utilizza un veicolo soltanto in alcuni periodi dell’anno, garantisce un risparmio sul premio annuo. Di fatto questo è spalmato su un arco temporale più lungo. Quali sono i vantaggi principali e gli svantaggi di una polizza sospendibile? Blocco assicurazione moto: cos’è? La

CONTINUA A LEGGERE

Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE