Normativa seggiolini auto: i sensori salva bebè

Le regole seggiolini auto sono in continua evoluzione. L’obiettivo è quello di proteggere al massimo la salute dei bambini e permettere loro di viaggiare sicuri. Premesso che i bambini in auto davanti non possono sedersi fino al compimento dei 12 anni di età e al superamento di 1,50 metri d’altezza, resta da capire quale sia il miglior sistema di ritenuta. I seggiolini per auto devono infatti soddisfare rigorosamente alcuni parametri. Ad esempio usare un seggiolino macchina appartenuto a un altro figlio, o prestato dai parenti, è vietato e rischia di far incorrere in sanzioni.

Seggiolini auto anti abbandono: entrata in vigore

Tra i problemi diffusi c’è quello dell’abbandono in auto dei bambini. Una distrazione fatale in cui si incappa sempre più spesso e che può avere conseguenze fatali. Per questo motivo si è pensato alla introduzione obbligatoria di particolari seggiolini in auto. Questi dovranno avere in dotazione un sensore salva bebè che avvertirà il genitore che scende dall’automobile che il suo bambino si trova ancora all’interno. Destinata ad essere operativa dal 1° luglio 2019, la legge anti abbandono è slittata a data da definire. Ad essere prorogato è stato il termine della consultazione pubblica, che terminerà soltanto il 22 luglio 2019. Per questo motivo, aggiungendo anche gli obblighi burocratici previsti, è da ipotizzare che l’introduzione della normativa seggiolini auto anti abbandono non avverrà prima di fine 2019.

Seggiolini auto: normativa, omologazioni

In attesa che venga approvato il decreto che definisce caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali dei dispositivi anti-abbandono, resta valida l’attuale normativa seggiolini auto. Sei sono le categorie dei sistemi di ritenuta:

  • Gruppo 0: per bambini di peso fino a 10 kg. Questi seggiolini vanno montati in senso contrario rispetto a quello di marcia, o in avanti se il bambino pesa almeno 6 chilogrammi.
  • Seggiolini gruppo 0+: per bambini fino a 13 kg. Stesse caratteristiche del Gruppo 0, garantiscono maggiore protezione a testa e gambe.
  • Gruppo 1: per bambini di peso compreso tra 9 kg e 18 kg. Montati nel senso di marcia del veicolo e fissati con la cintura di sicurezza.
  • Seggiolini auto gruppo 2: bambini di peso tra 15 kg e 25 kg. Dispongono di cuscini con braccioli omologati.
  • Seggiolini auto gruppo 3: per bambini di peso compreso tra 22 kg e 36 kg. Hanno cuscini senza braccioli da poter utilizzare sul sedile posteriore per aumentare la statura del bambino consentendogli di utilizzare le normali cinture di sicurezza.
  • I-Size: per bambini di lunghezza compresa tra 40 e 105 cm. Progettati rispettando la normativa ECE R129, sono dotati di attacchi Isofix e protezioni laterali. Vanno montati in posizione opposta rispetto al senso di marcia fino ai 15 mesi di età.

Sanzioni seggiolino per auto

Come stabilito dall’articolo 172 comma 10 del Codice della Strada, il mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta è punito con una multa da 80 a 323 euro. È inoltre prevista la decurtazione di 5 punti patente, mentre in caso di recidività entro due anni la patente viene sospesa da un minimo di 15 giorni a un massimo di 2 mesi.

Dopo aver scelto il miglior seggiolino auto, completa il corredo della sicurezza con la giusta assicurazione auto. Sul nostro sito potrai confrontare le offerte competitive delle compagnie e generare un preventivo gratuito che resterà valido per ben due mesi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE