Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di determinate caratteristiche, anche le giovani coppie possono coronare il sogno di avere un tetto sopra alle loro teste. Come funzionano i mutui prima casa giovani e quali sono i requisiti per ottenerli.

Agevolazioni mutui prima casa: a chi spettano

Il mutuo prima casa giovani non è l’unica forma di agevolazione per chi intende acquistare un immobile. I mutui agevolati vengono erogati grazie a uno speciale fondo di garanzia. Questo ha il compito di rassicurare le banche creditrici in merito al rimborso del debito, facendo da garante. Oltre a questa agevolazione mutui prima casa, sono previste la riduzione del tasso di interesse e la presenza di sgravi fiscali. Giovani under 35 e non solo: anche lavoratori dipendenti con contratti atipici, famiglie mono-genitoriali con figli minori, o famiglie con un componente del nucleo disabile possono accedere a queste forme di mutui agevolati. Per tale motivo, prima di richiedere un mutuo, è sempre importante verificare la presenza di un fondo di garanzia che possa fornire le agevolazioni.

Mutuo giovani coppie: cos’è e come funziona

Il mutuo prima casa giovani 2020 è di nuovo realtà. Il Decreto Crescita ha infatti rifinanziato le agevolazioni prima casa giovani, in vigore dal 2014, per il settimo anno consecutivo. La banca si farà garante fino a un massimo del 50% del capitale necessario ad acquisto o ristrutturazione della prima casa. Le agevolazioni ridotte prevedono:

  • Imposta di registro ridotta al 2%
  • Imposta ipotecaria e catastale fissa di 200 euro
  • Detrazioni Irpef fino al 19%
  • Interessi passivi fino a un massimo di 4.000 euro all’anno
  • Iva al 4% in caso di acquisto da un’impresa

Mutui per giovani: chi può richiederlo

Il fondo, come abbiamo visto, non è esclusivo per il mutuo prima casa giovani. Possono accedervi anche altre categorie, sebbene gli under 35 con lavori atipici rappresentino quella maggiormente privilegiata. Per accedere al fondo bisogna:

  • Non essere proprietari o usufruttuari di altri immobili ad uso abitativo, ad eccezione di quelli acquisiti in eredità
  • Non aver disposto in passato di un’agevolazione simile

Qualora la casa acquistata con agevolazione fiscale sia invece stata venduta, si ha diritto a un credito di imposta in caso di riacquisto di una prima casa nei 12 mesi successivi. Questa deve inoltre diventare la residenza principale entro il termine dei 18 mesi.

Come richiedere il mutuo prima casa giovani

Il finanziamento mutuo prima casa giovani non deve essere superiore ai 250.000 euro e non deve essere destinato ad immobili di lusso. Per fare richiesta bisogna compilare la documentazione che si riceve in banca e attendere la risposta dell’ente creditizio. Questa deve avvenire entro 20 giorni dall’invio della richiesta, mentre l’erogazione si ottiene entro un mese dall’accettazione della domanda.

Sei alla ricerca del miglior mutuo prima casa? Usa il nostro comparatore per confrontare online i migliori mutui sul mercato. Riceverai un parere di fattibilità da parte della banca in appena 24 ore. Cosa aspetti? Calcola subito la tua rata!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE