Mountain bike elettrica: cos’è, come funziona, assicurazione

Godersi un’escursione sugli sterrati di montagna, in sella alla propria bicicletta e senza faticare troppo. Soltanto un sogno? Ormai da qualche anno non lo è più. L’irruzione sul mercato della bicicletta della mountain bike elettrica ha reso possibile ciò che sembrava inimmaginabile. Anche chi non ha un allenamento particolare o non è un cicloamatore incallito, può godersi panorami mozzafiato a basto dispendio energetico. Come funziona una mountain bike pedalata assistita? Bisogna assicurarla obbligatoriamente o no?

Mountain bike elettrica: funzionamento

Una mountain bike elettrica facilita il compito, ma non si sostituisce alle gambe. Guai, insomma, a pensare che sia lei a fare tutto il lavoro al posto nostro. A garantire il funzionamento di una mtb elettrica è il sistema di sensori di cui è dotata. Questo rileva l’inizio della pedalata e fa avviare il motore elettrico. Sul mercato esistono essenzialmente due tipi di mountain bike elettriche:

  • Mtb elettriche che rilevano la rotazione dei pedali: il motore entra in funzione dopo aver effettuato mezzo giro (rivoluzione) di pedale. A quel punto il motore fornisce potenza a prescindere dallo sforzo umano. Il compito di chi è in sella è quello di muovere le gambe esclusivamente per far sì che il motore si fermi
  • E bike mtb con sensori di coppia: questo sistema rileva la forza impressa dal ciclista sui pedali. In questo modo la pedalata è assistita da subito, mentre andando avanti l’aiuto del motore risulta direttamente proporzionale allo sforzo impresso: più si esprime potenza, più il motore ne fornisce

Mtb elettrico: autonomia, durata batteria

Una mtb pedalata assistita del primo modello esaurirà molto prima la sua batteria. Con i sensori di coppia, invece, lo stile di pedalata risulta essere molto più naturale e armonica, permettendo di effettuare anche chilometraggi lunghi, tra i 50 e i 100. Sulla durata della batteria influiscono fattori come modello di e-bike, peso, itinerari e componente umana. Una mountain bike elettrica di buon livello copre fino a 100 chilometri e la sua ricarica completa si effettua in 3-5 ore. Se si rimane senza carica, non resta che pedalare come si è imparato a fare da bambini. L’unica vera difficoltà, a quel punto, è la pesantezza del mezzo, che arriva a sfiorare i 20 chili.

Mountain bike elettrica: assicurazione obbligatoria?

Come si è capito, una mountain bike elettrica entra in funzione soltanto se si pedala. Per questo motivo è inserita nella famiglia delle e-bike (bicicletta a pedalata assistita), altrimenti note come Pedelec o EPAC. Questa sottolineatura permette di accomunarla a un velocipede a pedali e di essere sottoposta alle regole degli artt. 50 e 182 Codice della Strada: “I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”.

Per tale ragione, almeno in attesa delle annunciate novità normative previste dal Nuovo Codice della Strada, non sussiste l’obbligo di assicurazione, targa e utilizzo del casco durante la circolazione. Assicurare la propria bicicletta elettrica è comunque una scelta intelligente. Per una garanzia totale contro furti e ogni tipo di danneggiamento, è possibile sottoscrivere sul nostro sito la polizza Bicicover, da attivare entro tre mesi dall’acquisto della E-bike per proteggerla totalmente.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto patente A1: i migliori modelli

Che patente serve per guidare un 125? Ogni adolescente si è posto la domanda almeno una volta. Da qualche anno il dubbio è sorto anche ai genitori. Terminata l’era del patentino moto, la storia della patente per moto ha registrato una mini rivoluzione. Per mettersi in sella a un motorino 125cc bisogna essere in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Bambini in moto: come trasportare, regole e sanzioni

Organizzare un viaggio con i propri figli è un piacere per ogni genitore. Sia che si tratti di lunghe ferie, di un weekend fuori o di una gita domenicale, è fondamentale rispettare sempre le regole. Se viaggiare in auto con bambini significa assicurarli al seggiolino, quando si parla di moto le prescrizioni cambiano. I bambini

CONTINUA A LEGGERE

Soccorso stradale AXA Assistance: come funziona, numero verde

Trovarsi con l’auto in panne nel bel mezzo di un viaggio è un evento che può capitare a chiunque. In casi del genere, per tornare a viaggiare sicuri, la prima cosa da fare è mantenere la calma. Molto dipenderà dal nostro sangue freddo, ma anche dalla assicurazione auto sottoscritta. Se tra le garanzie accessorie previste

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: guida in stato di ebbrezza

Molto spesso i destinatari di ritiri patente per alcol non sono a conoscenza dei limiti di tasso alcolemico. La guida in stato di ebbrezza è uno dei problemi più diffusi sulle strade italiane. Nel 2018 sono state 20.249 le multe elevate dalla Polizia Stradale per guida in stato di ebbrezza alcolica (violazione articolo 186 Codice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE

Superbollo auto 2019: calcolo, chi deve pagare

Il superbollo auto è una delle tasse più odiate dagli automobilisti italiani. Da tempo si parla della sua abolizione, ma ad oggi è ancora in vigore. L’emendamento presentato da FDI alla Legge di Bilancio 2019, prevede infatti la sua cessazione a partire dal 2020. Se dovesse essere riconvertito, l’addizionale erariale sulla tassa automobilistica non dovrà

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto in calo nel secondo trimestre 2019

Qual è il costo assicurazione auto in Italia? A fornire una fotografia veritiera sui trend del mercato dell’assicurazione auto nel Belpaese è il Bollettino Statistico dell’IVASS. L’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ha stimato l’andamento dei prezzi effettivi per la garanzia RC Auto nel secondo trimestre 2019. L’indicazione del premio è data dalla somma del

CONTINUA A LEGGERE

Auto elettriche in commercio: migliori modelli 2019

Le auto elettriche rappresentano la soluzione per la mobilità del futuro. La svolta verso la green mobilty ha suggerito nuove politiche europee: dal 2025, infatti, le case costruttrici saranno obbligate a destinare una quota di mercato pari al 20% per le auto a emissioni zero o a basse emissioni inquinanti, sotto i 50 g/km di

CONTINUA A LEGGERE