Mountain bike elettrica: cos’è, come funziona, assicurazione

Godersi un’escursione sugli sterrati di montagna, in sella alla propria bicicletta e senza faticare troppo. Soltanto un sogno? Ormai da qualche anno non lo è più. L’irruzione sul mercato della bicicletta della mountain bike elettrica ha reso possibile ciò che sembrava inimmaginabile. Anche chi non ha un allenamento particolare o non è un cicloamatore incallito, può godersi panorami mozzafiato a basto dispendio energetico. Come funziona una mountain bike pedalata assistita? Bisogna assicurarla obbligatoriamente o no?

Mountain bike elettrica: funzionamento

Una mountain bike elettrica facilita il compito, ma non si sostituisce alle gambe. Guai, insomma, a pensare che sia lei a fare tutto il lavoro al posto nostro. A garantire il funzionamento di una mtb elettrica è il sistema di sensori di cui è dotata. Questo rileva l’inizio della pedalata e fa avviare il motore elettrico. Sul mercato esistono essenzialmente due tipi di mountain bike elettriche:

  • Mtb elettriche che rilevano la rotazione dei pedali: il motore entra in funzione dopo aver effettuato mezzo giro (rivoluzione) di pedale. A quel punto il motore fornisce potenza a prescindere dallo sforzo umano. Il compito di chi è in sella è quello di muovere le gambe esclusivamente per far sì che il motore si fermi
  • E bike mtb con sensori di coppia: questo sistema rileva la forza impressa dal ciclista sui pedali. In questo modo la pedalata è assistita da subito, mentre andando avanti l’aiuto del motore risulta direttamente proporzionale allo sforzo impresso: più si esprime potenza, più il motore ne fornisce

Mtb elettrico: autonomia, durata batteria

Una mtb pedalata assistita del primo modello esaurirà molto prima la sua batteria. Con i sensori di coppia, invece, lo stile di pedalata risulta essere molto più naturale e armonica, permettendo di effettuare anche chilometraggi lunghi, tra i 50 e i 100. Sulla durata della batteria influiscono fattori come modello di e-bike, peso, itinerari e componente umana. Una mountain bike elettrica di buon livello copre fino a 100 chilometri e la sua ricarica completa si effettua in 3-5 ore. Se si rimane senza carica, non resta che pedalare come si è imparato a fare da bambini. L’unica vera difficoltà, a quel punto, è la pesantezza del mezzo, che arriva a sfiorare i 20 chili.

Mountain bike elettrica: assicurazione obbligatoria?

Come si è capito, una mountain bike elettrica entra in funzione soltanto se si pedala. Per questo motivo è inserita nella famiglia delle e-bike (bicicletta a pedalata assistita), altrimenti note come Pedelec o EPAC. Questa sottolineatura permette di accomunarla a un velocipede a pedali e di essere sottoposta alle regole degli artt. 50 e 182 Codice della Strada: “I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare”.

Per tale ragione, almeno in attesa delle annunciate novità normative previste dal Nuovo Codice della Strada, non sussiste l’obbligo di assicurazione, targa e utilizzo del casco durante la circolazione. Assicurare la propria bicicletta elettrica è comunque una scelta intelligente. Per una garanzia totale contro furti e ogni tipo di danneggiamento, è possibile sottoscrivere sul nostro sito la polizza Bicicover, da attivare entro tre mesi dall’acquisto della E-bike per proteggerla totalmente.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE