Moto patente A1: i migliori modelli

Che patente serve per guidare un 125? Ogni adolescente si è posto la domanda almeno una volta. Da qualche anno il dubbio è sorto anche ai genitori. Terminata l’era del patentino moto, la storia della patente per moto ha registrato una mini rivoluzione. Per mettersi in sella a un motorino 125cc bisogna essere in possesso della patente A1. Una volta superati l’esame teorico e pratico, si è pronti ad accendere i motori. Scopriamo quali sono i modelli moto patente A1 più adatti per iniziare la “carriera” da centauri.

Patente A1: cosa posso guidare?

Prima di scoprire i migliori esemplari moto patente A1 è necessario ripassare la materia. Esistono tre tipi di patente moto: A1, A2 o A. La patente a 1 può essere conseguita a partire dal sedicesimo anno di età. Al compimento dei 16 anni può essere richiesto il foglio rosa propedeutico ad effettuare le esercitazioni su strada. Per prendere la patente A1 bisogna superare un esame teorico (metodo a quiz) e pratico. L’esame di guida deve essere effettuato con motociclo di cilindrata non inferiore a 75 cc e non superiore a 125 cc, con potenza non superiore a 11 Kw e senza vincoli di velocità. Il possesso della patente A1 dà diritto a guidare:

  • Motocicli leggeri di cilindrata non superiore a 125 cc e di potenza non superiore a 11 kW
  • Motocicli senza carrozzetta (cat. L3e) o con carrozzetta (cat. L4e) e rapporto potenza/peso non superiore a 0,1 kW/kg
  • Tricicli (cat. L5e) di potenza non superiore a 15 kW
  • Macchine agricole o loro complessi che non superino limiti di sagoma e massa stabiliti dall’art 53 comma 4 del Codice della Strada

Moto patente A1: quale scegliere

Viaggiare sicuri sgusciando anche nel traffico cittadino. L’obiettivo delle case costruttrici è quello di dare ai neopatentati delle moto 16 anni sicure. I cinque modelli moto patente A1 risultano essere:

  • Honda CB125F: Agile, reattiva e con uno stile aggressivo da naked. Questa moto patente A1 è senza dubbio la più economica, una entry level da 10,6 CV di potenza massima, 10,2 Nm di coppia e in grado di percorrere 51,3 km con un litro di benzina. Il prezzo di listino è 2.790 euro IVA inclusa
  • KTM 125 Duke: modello base della casa austriaca, è dotata di motore monocilindrico a 4 tempi con iniezione elettronica e trasmissione a 6 rapporti. La coppia è di 12 Nm, per percorrere 100 chilometri servono 2,42 litri di carburante. Costa 4.750 euro
  • Suzuki GSX-R125 ABS: Rapporto potenza-pesa e coppia-peso ed accelerazione sono i punti di forza di questo modello. Look aggressivo e consumi ridotto meritano un’occhiata prima di fare la scelta definitiva. Il prezzo per l’allestimento base è di 4.590 euro
  • Yamaha MT-125: naked per antonomasia, questo modello è dotato di un sistema frenante evoluto con ABS standard. Coppa massima 12,4 Nm, consuma 2,13 litri ogni 100 chilometri. Costa 4.790 euro
  • Honda CB125R: altra moto patente A1 ideale per iniziare su strada. Linee retrò ma anima sportiva per un modello con potenza di 13,3 CV e coppia di 10 Nm. Questo monocilindrico a quattro tempi viene venduto al pubblico a 4.490 euro

Dopo aver scelto la moto su misura, è fondamentale abbinare la migliore polizza RC. Utilizzando il nostro comparatore si possono trovare le più vantaggiose offerte assicurazione moto. Inserendo i dati del contraente e del veicolo si riceveranno subito le quotazioni delle nostre compagnie partner. Una volta ricevuto il preventivo, si dispone di 60 giorni di tempo per convalidarlo o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE