Moto nuova: quali sono i tempi d’immatricolazione?

Sapere come immatricolare una moto è un passaggio fondamentale per ogni possessore di una due ruote. Sia se si rileva una moto radiata, sia se si acquisti una moto d’epoca o nuova di zecca, occorre infatti formalizzare alcuni passaggi burocratici obbligatori. I tempi immatricolazione moto nuova sono generalmente brevi, così come esigue sono le spese di immatricolazione. Una volta in regola, la motocicletta potrà essere messa su strada. A condizione di aver sottoscritto una regolare assicurazione RC obbligatoria, per la quale si può scegliere la formula tradizionale oppure, a seconda delle esigenze delle abitudini, una polizza temporanea o sospendibile.

Immatricolazione moto: come fare

Immatricolare moto significa avere tutti i requisiti per viaggiare su strada. La procedura va fatta presso la Motorizzazione Civile e la domanda deve essere accompagnata dall’iscrizione PRA, il Pubblico Registro Automobilistico. In caso di acquisto di un veicolo nuovo è, per prassi, il concessionario ad espletare tutte le pratiche necessarie. A questo punto sarà un secondo soggetto ad entrare in scena, ovvero uno studio di consulenza chiamato ad avviare e portare a compimento la pratica. I tempi immatricolazione moto nuova non si differenziano sia se ci si affida a un rivenditore, sia se l’iter viene svolto in autonomia.

Documenti immatricolazione moto

Non variano, infatti, i documenti da produrre per poter immatricolare la moto. L’acquirente della moto è chiamato a presentare:

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Certificato di residenza
  • Modello NP2C, necessario per l’iscrizione al PRA
  • Modello N2PD, per la compilazione dell’atto di vendita
  • Domanda già compilata e firmata dall’acquirente del modulo TT2119
  • Dichiarazione di conformità

Immatricolazione moto: costi

Per finalizzare l’immatricolazione della moto occorre sostenere dei costi di legge. Le spese per l’immatricolazione moto sono:

  • Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), una tassa il cui importo varia a seconda della Regione di residenza
  • Emolumenti ACI, pari a 27 euro
  • Imposta di bollo per l’iscrizione al PRA, del costo di 32 euro
  • Diritti DTT più aggiunta dei versamenti postali, per un totale di 9 euro
  • Imposta di bollo per il rilascio della carta di circolazione: 32 euro
  • Costo della targa, variabile a seconda del tipo di veicolo e della relativa targa

Il costo immatricolazione moto fisso si aggira intorno ai 100 euro, cifra alla quale vanno aggiunte le spese per l’IPT e per il rilascio della targa moto. E per quanto riguarda i tempi immatricolazione moto nuova?

Tempi immatricolazione moto: quanto bisogna attendere?

Avanzata la richiesta alla Motorizzazione ed effettuata l’iscrizione al PRA (valida come certificato di proprietà del bene), dopo aver sostenuto le spese non resta che attendere. I tempi immatricolazione moto nuova sono solitamente ristretti. Basta attendere che venga assegnata la targa, di solito entro 3-5 giorni lavorativi, e che i pagamenti siano correttamente depositati. Una volta ricevuta la moto, non resta che scegliere il casco giusto, mettersi al sicuro con le migliori protezioni in commercio e sottoscrivere l’assicurazione moto obbligatoria. Per rinnovare quella in scadenza o cambiare quella in vigore cercando l’offerta più vantaggiosa, affidati al comparatore di Quale.it. Con pochi click, necessari ad inserire i tuoi dati personali e quelli del veicolo, avrai subito a disposizione le quotazioni delle migliori compagnie online. Potrai così ottenere il tuo preventivo gratuito, che rimarrà valido per i successivi due mesi dandoti tutto il tempo per fare la scelta giusta.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE