assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

I limiti di velocità in Europa

I limiti di velocità in Europa

L’estate si avvicina e, insieme a lei, la voglia di vacanze. Se stai progettando di spostarti in Europa ma non ti sei ancora informato sui prezzi dei voli e non sei un amante dei last minute, allora è il caso di pensare al caro vecchio viaggio on the road. Guidare con la propria automobile all’estero ha un fascino innegabile, ma comporta anche responsabilità. Come regolarsi, ad esempio, con i limiti di velocità? Questa domanda attanaglia non solo chi si appresta a partire a bordo della propria vettura, ma anche chi valica spesso i confini italiani per motivi di lavoro o chi, semplicemente, ne noleggia una appena fatto scalo in aeroporto. E ancora: la vostra assicurazione auto sarà valida anche all’estero?

I limiti di velocità in Europa

Facciamo un rapido ripasso suddividendo le strade in tre tipologie: urbane, extra-urbane (tangenziali e superstrade) e autostrade. Sulle prime il rischio di sbagliarsi viene meno. Così come in Italia, il limite è fissato in 50 km/h in tutto il Vecchio Continente. L’unica eccezione alla regola si registra in Polonia dove, esclusivamente di notte, è possibile circolare anche a 60 km/h.

Discorso diverso quando si parla di extra-urbane, dove si varia dai 100 km/h concessi in Austria, Germania, Svizzera, Romania e Spagna (nella penisola iberica il range va dai 70 ai 100 in base alle strade) ai 90 km/h vigenti in Belgio, Croazia, Francia, Grecia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria fino ai 70 e 80 km/h permessi nel Nord Europa (rispettivamente in Svezia e Danimarca) e in Olanda, chiudendo col curioso barrage di 96 km/h del Regno Unito.

La forbice maggiore riguarda tuttavia le autostrade. Malta e Finlandia, ad esempio, non contemplano il superamento degli 80 km/h. Cento è il limite fissato da Bulgaria e Cipro, mentre a 110 km/h è la velocità di crociera ammessa in Svezia. In nazioni come Spagna, Polonia, Repubblica Ceca, Portogallo, Olanda, Grecia e Francia, si può oscillare da un minimo di 90 km/h fino a un massimo di 130 km/h. Questo è anche il limite “consigliato” (ma non imposto) dalle autorità tedesche sulle strade ad alta percorrenza, mentre nel Regno Unito si sfora il perimetro della legalità dopo i 112 km/h.

Viaggiare in Europa con la propria assicurazione auto

Una volta ripassato questo vademecum, e prima di stringere le cinture, è giusto ricordare anche la disciplina vigente sul tema assicurazioni. L’efficacia del contratto RCA è territoriale e, pertanto, copre l’intera area dell’Unione Europea. Basterà tenere con sé il certificato di assicurazione per circolare senza problemi nelle seguenti nazioni: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Scozia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria. L’assicurazione italiana non ha invece validità al di fuori dell’UE e deve  essere accompagnata dalla Carta Verde nei seguenti Paesi: Albania, Azerbaijan, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina. La circolazione negli Stati esclusi da questo elenco e dal precedente è invece soggetta all’emissione di una polizza alla frontiera. Mai come stavolta può essere il momento giusto per aggiornare la tua assicurazione auto. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori offerte presenti sul mercato generando un preventivo gratuito, e senza impegno, che avrà validità 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE