Cilindrata neopatentati: qual è il limite per le moto

Esiste una cilindrata neopatentati per moto? Aver conseguito la patente di guida da meno di tre anni, comporta una serie di restrizioni. Mentre il più significativo sbarramento per le auto riguarda il limite kilowatt neopatentati, per le due ruote la questione è leggermente differente. Bisogna infatti ricordare che i titoli di guida per moto sono più di uno e che ognuno ha le sue regole. La cilindrata per neopatentati varia solo a seconda della patente?

Regola neopatentati: quali sono le patenti moto?

A fare chiarezza sulla cilindrata patentati è il Codice della Strada. L’art 116 CdS indica le patenti moto attualmente in vigore e fissa i requisiti per ciascuna di esse:

  • Patente AM: permette di guidare ciclomotori a due ruote (categoria L1e) con velocità massima di costruzione non superiore a 45 km/h, cilindra inferiore o uguale a 50 cm³ o con potenza inferiore o uguale a 4kW per i motori elettrici; veicoli a tre ruote (categoria L2e) con le medesime caratteristiche; quadricicli leggeri con massa a vuoto inferiore o pari a 350 kg (categoria L6e). Corrisponde al vecchio patentino moto e si può conseguire a partire da 14 anni
  • Patente A1: dà diritto a guidare motocicli di cilindrata massima di 125 cm³, con potenza massima di 11 kW e rapporto potenza/peso non superiore a 0,1 kW/kg; tricicli di potenza non superiore a 15 kW. Si può prendere a partire da 16 anni
  • Patenti A2: permette di guidare motocicli di potenza non superiore a 35 kW con rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 kW/kg e che non siano derivati da una versione che sviluppa oltre il doppio della potenza massima. Si consegue a partire da 18 anni
  • Patente A (o A3): dà diritto a condurre motocicli a due ruote, senza carrozzetta (categoria L3e) o con carrozzetta (categoria L4e) muniti di un motore con cilindrata superiore a 50 cm³e avente velocità massima per costruzione superiore a 45 km/h; tricicli di potenza superiore a 15 kW. Si può prendere a partire da 20 anni a condizione di essere in possesso da almeno due anni della patente A2. Si può prendere anche senza aver conseguito la A2, ma soltanto a partire dai 24 anni. Abilita alla guida di motocicli senza limiti di potenza
  • Patente B: conseguibile a partire dai 18 anni, abilita alla guida delle auto e può essere estesa alle moto con un esame integrativo. Se è stata conseguita entro il 31/12/1985 non prevede limitazioni alla guida dei mezzi a due ruote. Conseguita tra l’1/1/1986 e il 25/4/1988 vale come l’attuale patente A, ma solo sul territorio italiano. Se è stata conseguita dopo il 26 aprile 1988, ha lo stesso valore della patente A1, ed è riconosciuta soltanto in Italia

A questo punto, avendo stabilita la cilindrata massima neopatentati in base ai rispettivi titoli di guida, non resta che riassumere i limiti cilindrata neopatentati.

Cilindrata neopatentati: qual è il limite kw neopatentati

Come abbiamo avuto modo di vedere, l’equazione kwatt neopatentati vale sia per le auto che per le moto. Volendo produrre un bignami della cilindrata per neopatentati moto, si evincono i seguenti parametri:

  • Patente AM: velocità massima di 45 km/h e limite kw di 4 kW
  • Patenti A1: cilindrata massima di 125 cc e potenza non superiore a 11 kW
  • Patente A2: potenza massima di 35 kW e cilindrata non superiore a 47 cV
  • Patente A3 (o A): nessun limite di cilindrata o potenza

Ovviamente la cilindrata neopatentati non è l’unico limite da rispettare. Chi ha preso la patente da meno di tre anni, ad esempio, non può condurre moto depotenziate che siano originate da moto con una potenza superiore ai 70 kW. Per quanto riguarda i limiti velocità neopatentati, invece, per i primi tre anni i possessori delle patenti A2 e A non possono superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h sulle extraurbane principali. L’ultimo, e non meno importante, obbligo è infine quello di sottoscrivere un’assicurazione RC moto. Obbligatoria per legge, questa polizza serve a coprire i danni cagionati a terzi dall’utilizzo della moto. Scopri come risparmiare servendoti della Legge Bersani o affidandoti alle giuste garanzie accessorie. Grazie al nostro comparatore, inoltre, potrai ottenere in pochi istanti un preventivo gratuito e senza impegno che resterà valido per ben due mesi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE