Limitazioni neopatentati auto: quali sono e quanto durano

Prendere la patente è uno dei traguardi più attesi da ogni adolescente. Una volta conseguito il titolo di guida, però, non bisogna dimenticarsi le limitazioni neopatentati. Da un grande traguardo derivano infatti anche grandi responsabilità. Essere un guidatore alle prime armi comporta dei barrage. Quali sono le macchine che possono guidare i neopatentati e quali le limitazioni patente B?

Limitazioni neopatentati: cilindrata o potenza?

La cilindrata per neopatentati è la vera discriminante quando si inizia a guidare? Niente di più falso. Il grande ostacolo è rappresentato dalla potenza. La limitazione potenza neopatentati equivale a 70 kW (pari a 95 cavalli), mentre il rapporto peso/potenza non può essere superiore ai 55kW per tonnellata. Queste barriere valgono per il primo anno dal conseguimento della patente e non per i tre in cui si è considerati neopatentati. Le multe previste per chi trasgredisce le regole vanno da 152 a 608 euro. Inoltre si va incontro alla sospensione della patente dai 2 agli 8 mesi. Non esiste, invece, nessun rapporto diretto del tipo neopatentati-cilindrata. La voce da considerare è soltanto una: i kwatt. Neopatentati significa rispettare il limite dei 70 kilowatt.

Neopatentati limitazioni: quali auto si possono guidare?

Tra le limitazioni neopatentati rientrano anche i modelli di auto che si possono guidare. Annualmente viene pubblicata una lista che comprende oltre 900 modelli, progettati ad hoc per chi ha conseguito la patente da meno di tre anni. Vengono soddisfatti un po’ tutti i gusti. Sono infatti presenti citycar, Suv e crossover. Bisognare ricordare che tra i limiti neopatentati non ce ne sono legati al tipo di motore o alla sua cubatura.

Controllo targa auto neopatentati

Come abbiamo visto non esistono impedimenti relativi a motore e cilindrata neopatentati. Prima di mettersi al volante occorre però fare un’ultima verifica. Sul Portale dell’Automobilista è infatti presente uno strumento gratuito da interrogare per capire quali auto si possono guidare. Sarà lui a “stabilire” se tra le limitazioni neopatentati rientra anche la possibilità di guidare l’auto di famiglia. Basta inserire il numero di targa del veicolo per vedere se un neopatentato è autorizzato alla guida dello stesso.

Neopatentati: limiti velocità

L’ultima restrizione riguarda i limiti di velocità da rispettare nei primi tre anni dal conseguimento della patente. I neopatentati non possono viaggiare oltre i 100 km/h in autostrada e oltre i 90 km/h sulle strade extraurbane principali. Inoltre il massimo tasso alcolemico permesso è di 0 g/litri: ciò significa che non possono in nessun modo bere bevande alcoliche prima di mettersi alla guida.

Tra gli obblighi di un neopatentato c’è ovviamente quello di mettersi al volante provvisto di una regolare assicurazione RC auto. Per risparmiare sul costo della polizza può beneficiare della Legge Bersani, che permette di usufruire della classe di merito di un familiare convivente. Usa il nostro comparatore e trova le migliori offerte assicurazione auto. Inserisci i tuoi dati e quelli del tuo veicolo per ricevere istantaneamente le quotazioni delle compagnie assicurative online. Da quel momento hai a disposizione 60 giorni per valutare e convalidare il preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

RCA familiare e Legge Bersani: quali sono le differenze?

Tra le più attese auto novità 2020 c’è l’introduzione della RCA familiare. In vigore dal 16 febbraio 2020, questo provvedimento estende i benefici della Legge Bersani assicurazione auto. Vediamo in cosa consiste la RC Auto familiare e quali sono le differenze con la Legge 40/2007. Cos’è la RCA Familiare La modifica dell’art. 134 del Codice

CONTINUA A LEGGERE

Come disdire assicurazione auto dopo l’abolizione del tacito rinnovo

Disdire l’assicurazione auto non è più una procedura obbligatoria per cambiare compagnia. L’abolizione del tacito rinnovo assicurazione permette infatti di non comunicare più alla propria compagnia la volontà di trasferire altrove la propria polizza RC Auto. Vediamo dunque come si può, già dal dicembre 2013, cambiare compagnia senza tacito rinnovo. Tacito rinnovo: significato e abolizione

CONTINUA A LEGGERE

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE