Limitazioni neopatentati auto: quali sono e quanto durano

Prendere la patente è uno dei traguardi più attesi da ogni adolescente. Una volta conseguito il titolo di guida, però, non bisogna dimenticarsi le limitazioni neopatentati. Da un grande traguardo derivano infatti anche grandi responsabilità. Essere un guidatore alle prime armi comporta dei barrage. Quali sono le macchine che possono guidare i neopatentati e quali le limitazioni patente B?

Limitazioni neopatentati: cilindrata o potenza?

La cilindrata per neopatentati è la vera discriminante quando si inizia a guidare? Niente di più falso. Il grande ostacolo è rappresentato dalla potenza. La limitazione potenza neopatentati equivale a 70 kW (pari a 95 cavalli), mentre il rapporto peso/potenza non può essere superiore ai 55kW per tonnellata. Queste barriere valgono per il primo anno dal conseguimento della patente e non per i tre in cui si è considerati neopatentati. Le multe previste per chi trasgredisce le regole vanno da 152 a 608 euro. Inoltre si va incontro alla sospensione della patente dai 2 agli 8 mesi. Non esiste, invece, nessun rapporto diretto del tipo neopatentati-cilindrata. La voce da considerare è soltanto una: i kwatt. Neopatentati significa rispettare il limite dei 70 kilowatt.

Neopatentati limitazioni: quali auto si possono guidare?

Tra le limitazioni neopatentati rientrano anche i modelli di auto che si possono guidare. Annualmente viene pubblicata una lista che comprende oltre 900 modelli, progettati ad hoc per chi ha conseguito la patente da meno di tre anni. Vengono soddisfatti un po’ tutti i gusti. Sono infatti presenti citycar, Suv e crossover. Bisognare ricordare che tra i limiti neopatentati non ce ne sono legati al tipo di motore o alla sua cubatura.

Controllo targa auto neopatentati

Come abbiamo visto non esistono impedimenti relativi a motore e cilindrata neopatentati. Prima di mettersi al volante occorre però fare un’ultima verifica. Sul Portale dell’Automobilista è infatti presente uno strumento gratuito da interrogare per capire quali auto si possono guidare. Sarà lui a “stabilire” se tra le limitazioni neopatentati rientra anche la possibilità di guidare l’auto di famiglia. Basta inserire il numero di targa del veicolo per vedere se un neopatentato è autorizzato alla guida dello stesso.

Neopatentati: limiti velocità

L’ultima restrizione riguarda i limiti di velocità da rispettare nei primi tre anni dal conseguimento della patente. I neopatentati non possono viaggiare oltre i 100 km/h in autostrada e oltre i 90 km/h sulle strade extraurbane principali. Inoltre il massimo tasso alcolemico permesso è di 0 g/litri: ciò significa che non possono in nessun modo bere bevande alcoliche prima di mettersi alla guida.

Tra gli obblighi di un neopatentato c’è ovviamente quello di mettersi al volante provvisto di una regolare assicurazione RC auto. Per risparmiare sul costo della polizza può beneficiare della Legge Bersani, che permette di usufruire della classe di merito di un familiare convivente. Usa il nostro comparatore e trova le migliori offerte assicurazione auto. Inserisci i tuoi dati e quelli del tuo veicolo per ricevere istantaneamente le quotazioni delle compagnie assicurative online. Da quel momento hai a disposizione 60 giorni per valutare e convalidare il preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE