Le 5 cose da non fare dopo un incidente stradale

L’incidente stradale è un fenomeno che si è verificato in Italia 172.553 volte soltanto nel 2018. Il sinistro stradale continua ad essere causa di decesso per tutti gli utenti della strada. Se pedoni e ciclomotoristi continuano ad aumentare per numero, al netto della diminuzione del totale la categoria più colpita è quella degli automobilisti. Scopriamo in caso di incidente stradale cosa fare e quali sono le condotte da evitare per non complicare ulteriormente la situazione.

1.     Incidente stradale: non abbondare il luogo in cui si verifica

Incidente stradale grave o non grave che sia, la prima regola è sempre questa. In caso di sinistro stradale è assolutamente vietato abbandonare il posto senza comunicare i dati alla controparte o attendere l’arrivo delle Forze dell’Ordine. Purtroppo questa causa è sempre più frequente, soprattutto in assenza di regolare copertura assicurativa. Abbandonare il luogo dell’incidente configura il reato di fuga ed è una violazione dell’articolo 189 comma 6 del Codice della Strada punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

2.     Incidente stradale: non spostare i feriti

In caso di incidente stradale chi chiamare? Dopo un sinistro è determinante mantenere la calma e verificare l’eventuale presenza di feriti. Qualora ci si renda conto che qualcuno ha patito lesioni, diventa prioritario prestare soccorso. In nessun caso, a meno che non si sia medici, è suggerito spostare un ferito. Bisogna sempre allertare il pronto intervento contattando il 118. All’operatore bisogna segnalare dinamica dell’incidente, luogo, numero di persone coinvolte ed eventuali lesioni. Gli altri numeri utili da contattare sono il 112 (numero unico europeo di emergenza), il 115 in caso di presenza di fiamme e l’803 116, numero verde ACI per la richiesta di soccorso stradale dall’Italia.

3.     Incidente stradale: non intralciare la circolazione

Subito dopo un incidente stradale è obbligatorio segnalare agli altri mezzi la presenza dei veicoli incidentati. Per farlo occorre posizionare il triangolo d’emergenza a 50 metri dal veicolo, con la distanza da raddoppiare su autostrade e strade extraurbane. Inoltre bisogna indossare il gilet ad alta visibilità e mettere in sicurezza altri eventuali passeggeri. Se il sinistro non ha provocato feriti e non richiede l’intervento delle FF.OO., è importante liberare il prima possibile la carreggiata. In tutti gli altri casi, invece, al fine di favorire gli accertamenti, è fatto assoluto divieto di spostare i veicoli coinvolti.

4.     Incidente stradale: non ostacolare la raccolta dei dati

Riconoscere le proprie responsabilità in caso di incidente stradale non risulta sempre un’operazione semplice. Per questo è fondamentale restare sul posto e fornire i propri dati alla controparte, per agevolare la denuncia del sinistro. Solo in questo modo la compagnia assicurativa potrà processare agevolmente l’iter per l’indennizzo. I conducenti sono sempre obbligati a fornire alla controparte i propri documenti. Se una delle due parti evita di farlo, è opportuno richiedere l’intervento delle autorità.

5.     Incidente stradale: non affrettare la ripartenza

Raccogliere tutte le prove e non sbagliare a compilare il Modulo CAI. Un incidente stradale può complicare la giornata e rallentare i nostri ritmi, ma non deve mai far perdere la lucidità. Anche se non si avvertono conseguenze fisiche, è sempre utile attendere qualche minuto prima di riprendere la marcia. Inoltre è indispensabile cercare prove testimoni per agevolare la procedura di risarcimento danni. Ovviamente il tutto dopo aver provveduto a compilare il Modulo di Constatazione Amichevole, che accelera e semplifica la procedura.

Per ricevere subito l’incidente stradale risarcimento bisogna essere in regola con l’assicurazione auto. Per sottoscrivere la prima o rinnovare quella in scadenza, affidati a noi. Compila il form gratuito inserendo i dati del veicolo che devi assicurare e verifica subito le migliori offerte RC Auto online. Salva il preventivo gratuito e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione vita: cosa accade in caso di suicidio

Le assicurazioni sulla vita servono a tutelare sé stessi e i propri cari nei momenti difficili. Sul mercato esistono quattro tipi di polizza vita: caso morte, caso vita, assicurazione mista e polizza vita intera. Cosa accade, però, in caso di suicidio? Esiste una assicurazione vita suicidio? Per capire come agiscono le compagnie assicurative davanti a

CONTINUA A LEGGERE

Polizza vita o fondo pensione: quale scegliere, come risparmiare

Garantire serenità e stabilità economica ai propri familiari. Una necessità per tanti, una scelta che passa attraverso due strade: polizza vita o fondo pensione. Quali sono le differenze e quale scegliere in base alle proprie esigenze? Polizza vita e fondo pensione: cosa sono L’assicurazione vita è un contratto attraverso il quale il contraente assicura un

CONTINUA A LEGGERE

Polizza caso morte a vita intera: cos’è e come funziona

Le polizze assicurative vita servono a salvaguardare i nostri cari in caso di eventi accidentali. Tra queste l’assicurazione vita caso morte ha il compito di tutelare il patrimonio qualora si debba fare a meno di una fonte di reddito importante. Scelta da una grande quantità di assicurati, la polizza vita caso morte è disponibile in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE