IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa

Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta è dovuta per ciascun veicolo al momento di alcune richieste all’Unità Territoriale ACI (PRA). L’importo base è stabilito con decreto del Ministero delle Finanze e le province possono deliberare di aumentarlo fino a un massimo del 30%.

Istituita attraverso l’articolo 13 del dl n.446 del 15 dicembre 1997, l’IPT viene applicata al Pubblico registro Automobilistico per l’iscrizione, la trascrizione e l’annotazione dei veicoli. In caso di omesso, ritardato o parziale pagamento, è prevista una sanzione nella misura del 30% dell’importo non versato.

IPT: chi deve pagarla e chi può ottenere riduzioni?

Le leggi statali hanno previsto casi di esenzione dal pagamento dell’IPT che riguardano le seguenti tipologie di veicoli.

  •         Motocicli, ad eccezione dei motocicli d’epoca.
  •         Minivolture. Si intende la vendita di un veicolo da un privato a un concessionario/rivenditore di veicoli usati.
  •         Particolari categorie di disabili.
  •         Associazioni di volontariato.

Per ottenere le agevolazioni è obbligatorio farne richiesta indicando sulla nota di presentazione gli estremi di legge e allegando la documentazione a supporto.

Le stesse modalità permettono anche di ottenere riduzioni sul costo dell’IPT. Ne possono beneficiare.

  • Veicoli storici.
  • Veicoli speciali, con la specialità risultante dalla carta di circolazione (ad esempio betoniere o veicoli adibiti al trasporto del latte). In questo caso l’IPT è ridotta ad un quarto dell’importo dovuto.

A propria discrezione le province possono applicare agevolazioni in caso di veicoli acquisiti per successione ereditaria, trasferimenti di proprietà, veicoli ecologici, atti societari o Onlus.

IPT: come si calcola e quanto costa

Al pari del bollo auto, anche l’IPT si calcola in base alla potenza del motore espressa in KW. Il dato si ricava dalla carta di circolazione.

  • Fino a 53 kW. In questo caso l’importo è fisso e ammonta a 150,81 euro.
  • Sopra ai 53 kW. Per ogni kW si devono aggiungere 3,51 euro ai 150,81 euro di cui sopra.

A questa imposta base, detta IPT auto nazionale, andrà successivamente applicata la maggiorazione provinciale. Inoltre vanno sommati gli emolumenti Aci e l’imposta di bollo al PRA. Il totale da versare deve essere arrotondato per difetto (frazione fino a 49 centesimi) o per eccesso (superiore a 49 centesimi).

L’IPT provincia per provincia

Ben 89 delle 107 province italiane hanno applicato la maggiorazione del 30% sull’IPT concessa loro dalla legge. Vediamo nel dettaglio quali sono, invece, quelle che l’hanno predisposta in misura inferiore.

  •         Nessuna maggiorazione: Aosta, Bolzano e Trento.
  •         Maggiorazione del 10%: provincia di Matera.
  •         Maggiorazione del 20%: province di Arezzo, Avellino, Benevento, Grosseto, Latina, Pordenone, Reggio Emilia, Siracusa, Trieste, Udine, Vicenza.
  •          Maggiorazione del 25%: province di Crotone, Ferrara, Sondrio.

Se l’IPT è una tassa che va pagata in sede di acquisto dell’automobile, diverse sono le scadenze annuali che coinvolgono il vostro veicolo. La più importante tra queste riguarda l’assicurazione auto. Sul nostro sito potrai consultare e confrontare le migliori offerte in circolazione. Ti basteranno pochi click per generare un preventivo gratuito che resterà valido per 60 giorni e ti permetterà di effettuare con la massima tranquillità la tua scelta.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto a rate: cos’è, quando conviene

Trovare l’assicurazione auto più adatta alle proprie esigenze non è un’impresa facile. Se la comparazione online rappresenta un ottimo metodo per rintracciare la migliore polizza auto, sul piatto della bilancia vanno poste più necessità. L’elevato costo di alcune assicurazioni RC Auto, soprattutto in certe regioni, complica la scelta. Per circolare su strada è però obbligatoria

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scooter elettrico: costo, come risparmiare

Moto e scooter elettrico incarnano un’ottima soluzione per muoversi velocemente nel traffico rispettando l’ambiente. L’acquisto dei veicoli verdi è incentivato con dei bonus fiscali e non solo. Anche il prezzo assicurazione moto ricava benefici, a volte non trascurabili. Diverse compagnie offrono sconti notevoli sulla assicurazione scooter elettrico, con il premio che arriva a costare quasi la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 6 mesi: cos’è, vantaggi e svantaggi

Quando si cerca come risparmiare sulla polizza auto, una soluzione vantaggiosa è offerta dall’assicurazione auto temporanea. Questa formula costa meno rispetto all’assicurazione RC tradizionale e copre il contraente per il periodo in cui viene stipulata. Le compagnie assicurative offrono scadenze diverse. Quella mordi e fuggi è rappresentata dall’assicurazione giornaliera, ma esistono anche 3, 5, 10,

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggiare sicuri in aereo: 5 consigli per risparmiare

Viaggiare in aereo è un’esperienza piacevole e indimenticabile. La prima volta non si scorda mai, anche se porta con sé un po’ di agitazione. La diffusione dei viaggi low cost ha fatto lievitare il numero di persone che amano partire in aereo. La velocità dello spostamento, la convenienza del prezzo dei biglietti e la possibilità

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione motorino: come scegliere la polizza moto 50cc

Sulle due ruote non si scherza, specie quando si tratta di motorini e ciclomotori di bassa cilindrata. In città il motorino è un mezzo di spostamento imbattibile: comodo e agile, consente di muoversi con facilità nel traffico e negli spazi stretti. Facile vittima di ladri o di piccoli incidenti, è fondamentale scegliere l’assicurazione motorino più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 3 giorni: conviene?

Pagare l’assicurazione auto soltanto nei giorni in cui si circola su strada, che sia anche solo per 3 giorni? Quella che può sembrare una suggestione, è realtà ormai da tempo. Diverse compagnie assicurative mettono a disposizione dei propri clienti formule alternative per la polizza auto. Non solo assicurazioni RC tradizionali, con pagamento annuale, ma anche a

CONTINUA A LEGGERE

Contratto di locazione turistica: durata, registrazione, tassazione

Sei proprietario di una casa e vuoi affittarla per un breve periodo? Puoi farlo grazie al contratto di locazione turistica. Questa formula permette di cedere un immobile per finalità transitorie, aiutando chi cerca una casa vacanze. Le finalità del richiedente possono essere diverse: dal viaggio di riposo, di affari o a scopo curativo. Per stipulare

CONTINUA A LEGGERE