assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Infiltrazione d’acqua dal piano superiore: cosa succede se sei tu a causare il danno?

Infiltrazione d’acqua dal piano superiore: cosa succede se sei tu a causare il danno?

Una piccola chiazza scura, che piano piano si estende e… è un attimo che si crea il patatrac! Generare, o subire, infiltrazioni d’acqua in un condominio è più frequente di quel che si pensi. Cosa accade, però, se siamo noi la causa di un danno a un altro condomino?

Infiltrazione d’acqua: a chi abbiamo causato il danno?

Un tubo difettoso, una lavatrice che fa le bizze: può capitare a tutti… Prima regola: non andare nel panico! Un atteggiamento positivo e ben disposto è il primo passo per risolvere il problema. Vi diamo subito un piccolo accorgimento: probabilmente non ci saremo accorti noi dell’infiltrazione ma sarà stato l’inquilino del piano di sotto che, vedendo la macchia sul suo soffitto, avrà dedotto che la perdita derivasse dalla nostra unità immobiliare. Per entrambi è sempre consigliabile chiamare anche l’amministratore condominiale. C’è comunque una possibilità che il tubo non sia “orizzontale” quindi di nostra proprietà, ma “verticale” quindi di proprietà del condominio o comune a più condomini. C’è infine la possibilità che un nostro tubo, perdendo acqua, abbia creato un’infiltrazione non a un condominio privato, ma a una zona comune. A quel punto dovremo parlare direttamente con l’amministratore!

Infiltrazione d’acqua: cosa fare?

Come prima cosa, dopo aver chiamato l’amministratore e preso accordi con l’inquilino del piano di sotto, cioè il danneggiato, bisogna correre ai ripari.

Nell’ordine:

  • Chiamare la propria assicurazione, se è presente una polizza casa.
  • Far intervenire un idraulico a risolvere tempestivamente il problema.
  • Riparare il danno creato dall’infiltrazione.

Prima di tutto, conviene chiamare la propria assicurazione, se la nostra casa è tutelata da una polizza. È il modo migliore per capire l’iter di rimborso delle spese. Dovremo infatti chiamare un idraulico che ripari il danno quanto prima, specie se il condomino di sotto ha subito un danno tale per cui non può usufruire dei locali interessati. Attenzione alla ricevuta fiscale o alla fattura: senza non sarà possibile documentare la spesa! Infine dovremo procedere a riparare il danno al piano di sotto, per esempio tinteggiando il muro.

Chi paga?

Ovviamente il danneggiante, quindi in questo caso tu. Dovrai pagare di tasca tua qualora tu non sia coperto da assicurazione casa, ma sei più fortunato se hai stipulato una polizza casa che ti tutela proprio da questi, ahimè frequenti, inconvenienti. Una polizza casa multirischi ti garantisce di vivere con serenità all’interno delle mura domestiche, non solo in un condominio, ma anche abitando in una casa indipendente con muri in comune ai lati (per esempio, le villette a schiera). Guarda subito il preventivo migliore per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE