assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Incinta al volante: consigli e precauzioni per guidare serenamente

Il periodo più bello della vita di una donna non può trasformarsi in un ostacolo alle sue abitudini. Per le future mamme automobiliste c’è subito da sfatare un mito: mettersi al volante non è pericoloso, soprattutto se si osservano tutte le cautele del caso. Non esiste infatti una legge che imponga il divieto di guida alle donne incinte, ma sono “soltanto” il buon senso, la corretta valutazione delle proprie condizioni fisiche e alcuni piccoli accorgimenti a garantire la massima sicurezza.

Cosa prevede il Codice Stradale per le donne incinte

Si può evitare di indossare le cinture di sicurezza in dolce attesa? La domanda più ricorrente trova risposta nel titolo V del Codice Stradale, al paragrafo f del comma 8 dell’articolo 192: “Sono esentati dall’obbligo di uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini, le donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza”.

Pertanto in tutte le fasi della gestazione, salvo indicazioni mediche (da portare obbligatoriamente con sé nella propria vettura ed esibire su richiesta), viene mantenuto l’obbligo di indossare la cintura, che va posta all’altezza del seno e senza comprimere il pancione con il nastro ben teso, mentre non esistono divieti specifici.

Come comportarsi alla guida durante la dolce attesa

Guidare durante i nove mesi in stato interessante, insomma, non fa male. Bisogna però prestare particolare attenzione nel primo trimestre, quando sono più frequenti gli episodi di sonnolenza o spossatezza, e negli ultimi mesi quando, fisiologicamente, la pancia obbliga ad arretrare il sedile e ad allungare le braccia a discapito della comodità. Per il resto sarà utile seguire alla lettera alcuni validi consigli.

  •         Tenere la cintura di sicurezza sempre allacciata. Si stima infatti che il corretto utilizzo della cintura riduca del 50% il rischio di gravi danni al feto in caso di incidente.
  •         Mantenere una distanza dal volante di 25 centimetri.
  •         Aumentare la distanza di sicurezza per ottenere una guida più rilassata.
  •         Non disattivare l’airbag, strumento di fondamentale importanza per la salvaguardia del feto.
  •         Indossare una fascia pelvica per elevare la comodità.
  •         Evitare le lunghe percorrenze.
  •         Evitare di percorrere strade dissestate.
  •         Fare frequentemente ricorso a delle pause, anche scendendo dall’automobile per riattivare la circolazione delle gambe.
  •         Bere molta acqua, soprattutto se si prevede di percorrere medie o lunghe distanze.

Incinta al volante: precedenza alla sicurezza

Prima di mettersi al volante, soprattutto durante il terzo trimestre, è inoltre utile verificare che la propria assicurazione auto preveda la copertura anche in caso di gravidanza del conducente e degli eventuali danni prodotti durante la stessa. Pretendere il massimo della sicurezza per voi e per i futuri nascituri è un dovere al quale si può ottemperare anche individuando la migliore assicurazione auto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Ponte del Primo Maggio last minute: dove andare?

Ponte del Primo Maggio last minute: dove andare? è stato modificato: 2018-04-24 di ValeriaPonte del Primo Maggio last minute: dove andare? Le belle giornate di quest’ultimo periodo parlano chiaro: l’estate sta arrivando e noi abbiamo voglia di mare, di montagna, di sfuggire al caos cittadino! Il ponte del Primo Maggio può essere un’ottima occasione per

CONTINUA A LEGGERE

L’assicurazione moto a rate

L’assicurazione moto a rate è stato modificato: 2018-04-25 di MarcoL’assicurazione moto a rate Disciplinata dall’articolo 193 del Codice della Strada, che ricorda come “i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di

CONTINUA A LEGGERE

Revisione auto: tutto quello che c’è da sapere

Revisione auto: tutto quello che c’è da sapere è stato modificato: 2018-04-25 di MarcoRevisione auto: tutto quello che c’è da sapere Hai preso la patente e la strada, stavolta in maniera letterale, ti sembra tutta in discesa? In realtà mettersi al volante di un’automobile comporta alcuni obblighi. Dal bollo all’assicurazione, passando per tagliando e revisione.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in area privata: chi paga?

Incidente in area privata: chi paga? è stato modificato: 2018-04-25 di MarcoIncidente in area privata: chi paga? Basta un attimo di distrazione dopo aver riposto le buste della spesa nel bagagliaio della vostra auto o all’imbocco del garage condominiale per incappare nel più banale degli incidenti. Quello che può apparire come un semplice (seppur fastidioso)

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? è stato modificato: 2018-03-14 di MarcoEccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il codice

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona è stato modificato: 2018-03-01 di MarcoNel mare magnum delle assicurazioni auto trovano una loro collocazione anche le polizze riservate ai veicoli aziendali. Questa particolare tipologia è riferita a contratti su vetture possedute, a titolo di proprietà o di leasing, dalle aziende per i propri dipendenti. L’assicurazione auto aziendale

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri è stato modificato: 2018-02-08 di MarcoIl clima mite che ha caratterizzato le festività natalizie e si è protratto per buona parte del gennaio italiano non tragga in inganno. Nuovi sprazzi del “Generale Inverno” sono infatti previsti a febbraio e ci costringeranno a difenderci dalle sue temperature rigide.

CONTINUA A LEGGERE