Incidente stradale: quali sono i documenti da compilare

Soltanto nell’ultimo anno sono stati oltre 170.000 gli incidenti stradali con lesioni avvenuti sulle strade italiane. Restare coinvolti in un incidente stradale è l’incubo di ogni automobilista, che troppo spesso si trasforma in realtà. Quali sono le operazioni da compiere nell’immediatezza di un tamponamento e quali i documenti da compilare in caso di sinistri stradali?

Come comportarsi in caso di incidente stradale

La prima cosa che un utente della strada deve fare in caso di incidente stradale è quella di fermarsi e, se necessario, prestare soccorso alle persone eventualmente rimaste ferite. Nel caso di sinistri con lievi danni, occorre segnalare il veicolo fermo, eliminare (ove possibile) l’intralcio alla circolazione e scambiare generalità e quanto serve ai fini del risarcimento, in base all’art. 189 CdS. In caso di incidente auto con danni ingenti ai veicoli o alle cose, invece, bisogna segnalare il veicolo fermo, attivarsi affinché non vengano spostati i veicoli e conservare le tracce utili alle indagini e richiedere l’intervento delle forze dell’Ordine. In caso di incidenti con feriti, inoltre, bisogna richiedere l’intervento dell’ambulanza chiamando il 118 e riferendo l’entità delle lesioni.

Incidente stradale: constatazione amichevole o denuncia di sinistro

Se a fronte di un incidente stradale i due conducenti concordano sulla dinamica, bisogna compilare il modulo CAI (modulo di constatazione amichevole dell’incidente). Se, invece, non vi è accordo tra le parti in causa, è necessario compilare la denuncia di sinistro.

Modulo constatazione amichevole: come compilare

Il modulo CID (o CAI) serve a denunciare l’incidente stradale e ad ottenere in tempi rapidi l’indennizzo assicurativo. Su di esso vanno riportati i dati personali dei soggetti coinvolti nel sinistro. Le persone interessate dovranno tenere a portata di mano modulo CAI, libretti di circolazione, patenti e certificati assicurativi. Il modulo constatazione amichevole va compilato solo se le parti concordano sulla dinamica ed è diviso in tre parti. Nella prima si riportano i dati più importanti del sinistro, come ora, luogo, data, presenza di eventuali feriti e testimoni. Nella seconda si indicano i dati delle vetture coinvolte, del proprietario e gli estremi assicurativi. Infine, va riportata la dinamica dell’incidente e le firme dei due conducenti. Il modulo CAI va consegnato alla propria compagnia assicurativa entro tre giorni dall’incidente.

Denuncia di sinistro: come compilare

La denuncia di sinistro viene presentata da chi si ritiene non responsabile del sinistro, in caso di mancata convergenza sulla dinamica. Reperibile online, il modulo va consegnato alla propria compagnia assicurativa entro tre giorni dall’incidente. L’interessato dovrà indicare la propria versione dei fatti, le generalità dei coinvolti, i danni al veicolo e l’eventuale presenza di feriti. In caso di lesioni bisogna allegare documentazione medica. A fronte di un intervento delle autorità, occorre indicare di quale si sia trattato. In questo modo la compagnia assicurativa può accertare cause e responsabilità e provvedere alla liquidazione del danno.

Ottenere l’indennizzo tramite la denuncia di sinistro è più complicato e presenta un iter più lungo. In ogni caso per ricevere il risarcimento occorre essere in regola con l’assicurazione Rc Auto. Se la tua sta per scadere o vuoi cambiarla, affidati al nostro comparatore. Inserendo pochi dati, riceverai subito le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva il preventivo gratuito e convalidalo entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE