Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Diffuse a macchia d’olio in Italia soltanto a partire dai primi anni 2000, le rotatorie hanno portato con sé un dubbio amletico: a chi spetta la precedenza? Se in altri paesi europei, come ad esempio in Francia, la loro introduzione risale a diversi anni prima, la genesi recente di questa intersezione, in grado di snellire il traffico e di evitare il ricorso massiccio al semaforo, è stata accompagnata dalla mancanza di una legge che chiarisse la questione. Negli oltre 240 articoli del Codice della Strada, infatti, non si fa menzione al comportamento da adottare nelle rotonde. Chi deve fermarsi e di chi è la colpa in caso di incidente? Facciamo chiarezza.

Chi ha la precedenza

In supporto è stata diffusa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la circolare 6935 del 22 marzo 2017. Questa spiega che “in mancanza di specifico segnale di ‘dare precedenza’ solitamente apposto in corrispondenza delle immissioni nella rotatoria, vige il principio dell’art. 145, comma 2, del Codice della Strada”. Pertanto quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione. Quindi, in tal caso ha priorità chi si immette nella rotatoria. L’automobilista che vi si approccia deve, in ogni caso, moderare la velocità ed essere pronto a dare la precedenza ad altri veicoli.

Casi specifici

Quelli appena descritti sono i comportamenti standard da adottare. Scendiamo adesso nel particolare iniziando dalla condotta in caso di una rotonda a una sola corsia. Le prescrizioni per l’automobilista prevedono che.

  •         Resti vicino al margine destro durante l’immissione
  •         Azioni l’indicatore di direzione destro qualora intenda uscire alla prima uscita a destra
  •         Acceda senza azionare l’indicazione di direzione, salvo azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella a cui intende uscire.

In caso di rotonda a due o più corsie, invece, i principi generali cambiano. Il guidatore dovrà.

  •         Se vuole uscire a destra: immettersi tenendo la corsia destra e azionare l’indicatore di direzione nel caso in cui l’uscita prescelta sia la prima. Altrimenti dovrà azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella prescelta
  •         Se intende proseguire dritto: immettersi tenendo la corsia di destra senza mettere la freccia, che andrà invece azionata una volta superata l’uscita scelta. In caso di traffico intenso può accedere alla rotonda anche tenendo una corsia centrale, spostandosi con adeguato anticipo sulla corsia più esterna quando sarà vicino all’uscita
  •         Se intende svoltare a sinistra: immettersi restando sulla corsia sinistra della strada di accesso con la freccia sinistra già azionata, circolare nella corsia di sinistra e spostarsi con anticipo a destra in prossimità dell’uscita

Come stabilire la colpa

In ogni occasione con traffico intenso resta suggerito occupare la corsia destra nell’immissione, anche se si sceglie di girare a sinistra. È fondamentale, inoltre, valutare i cambi di corsia durante la percorrenza della rotatoria, per evitare di incrociare la strada degli altri automobilisti e tagliargliela. Queste semplici precauzioni aiutano a stabilire in maniera certa (o quasi) le responsabilità in caso di sinistro.

Il nostro consiglio è quello di dotarsi comunque della scatola nera, la cui installazione dà diritto a sconti sulla RC Auto. Non bisogna dimenticare che ogni incidente concorre a peggiorare il curriculum di guidatore (leggasi punti patente) e ad aumentare il premio dell’assicurazione auto. Per questo ti consigliamo di scegliere sempre quella più adatta alle tue esigenze. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori presenti sul mercato e fare, con la massima serenità, la tua scelta. Dopo aver generato gratuitamente un preventivo avrai infatti 60 giorni di tempo per confermarla.  

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE