Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Diffuse a macchia d’olio in Italia soltanto a partire dai primi anni 2000, le rotatorie hanno portato con sé un dubbio amletico: a chi spetta la precedenza? Se in altri paesi europei, come ad esempio in Francia, la loro introduzione risale a diversi anni prima, la genesi recente di questa intersezione, in grado di snellire il traffico e di evitare il ricorso massiccio al semaforo, è stata accompagnata dalla mancanza di una legge che chiarisse la questione. Negli oltre 240 articoli del Codice della Strada, infatti, non si fa menzione al comportamento da adottare nelle rotonde. Chi deve fermarsi e di chi è la colpa in caso di incidente? Facciamo chiarezza.

Chi ha la precedenza

In supporto è stata diffusa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la circolare 6935 del 22 marzo 2017. Questa spiega che “in mancanza di specifico segnale di ‘dare precedenza’ solitamente apposto in corrispondenza delle immissioni nella rotatoria, vige il principio dell’art. 145, comma 2, del Codice della Strada”. Pertanto quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione. Quindi, in tal caso ha priorità chi si immette nella rotatoria. L’automobilista che vi si approccia deve, in ogni caso, moderare la velocità ed essere pronto a dare la precedenza ad altri veicoli.

Casi specifici

Quelli appena descritti sono i comportamenti standard da adottare. Scendiamo adesso nel particolare iniziando dalla condotta in caso di una rotonda a una sola corsia. Le prescrizioni per l’automobilista prevedono che.

  •         Resti vicino al margine destro durante l’immissione
  •         Azioni l’indicatore di direzione destro qualora intenda uscire alla prima uscita a destra
  •         Acceda senza azionare l’indicazione di direzione, salvo azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella a cui intende uscire.

In caso di rotonda a due o più corsie, invece, i principi generali cambiano. Il guidatore dovrà.

  •         Se vuole uscire a destra: immettersi tenendo la corsia destra e azionare l’indicatore di direzione nel caso in cui l’uscita prescelta sia la prima. Altrimenti dovrà azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella prescelta
  •         Se intende proseguire dritto: immettersi tenendo la corsia di destra senza mettere la freccia, che andrà invece azionata una volta superata l’uscita scelta. In caso di traffico intenso può accedere alla rotonda anche tenendo una corsia centrale, spostandosi con adeguato anticipo sulla corsia più esterna quando sarà vicino all’uscita
  •         Se intende svoltare a sinistra: immettersi restando sulla corsia sinistra della strada di accesso con la freccia sinistra già azionata, circolare nella corsia di sinistra e spostarsi con anticipo a destra in prossimità dell’uscita

Come stabilire la colpa

In ogni occasione con traffico intenso resta suggerito occupare la corsia destra nell’immissione, anche se si sceglie di girare a sinistra. È fondamentale, inoltre, valutare i cambi di corsia durante la percorrenza della rotatoria, per evitare di incrociare la strada degli altri automobilisti e tagliargliela. Queste semplici precauzioni aiutano a stabilire in maniera certa (o quasi) le responsabilità in caso di sinistro.

Il nostro consiglio è quello di dotarsi comunque della scatola nera, la cui installazione dà diritto a sconti sulla RC Auto. Non bisogna dimenticare che ogni incidente concorre a peggiorare il curriculum di guidatore (leggasi punti patente) e ad aumentare il premio dell’assicurazione auto. Per questo ti consigliamo di scegliere sempre quella più adatta alle tue esigenze. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori presenti sul mercato e fare, con la massima serenità, la tua scelta. Dopo aver generato gratuitamente un preventivo avrai infatti 60 giorni di tempo per confermarla.  

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE