Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Incidente in rotatoria: chi ha ragione?

Diffuse a macchia d’olio in Italia soltanto a partire dai primi anni 2000, le rotatorie hanno portato con sé un dubbio amletico: a chi spetta la precedenza? Se in altri paesi europei, come ad esempio in Francia, la loro introduzione risale a diversi anni prima, la genesi recente di questa intersezione, in grado di snellire il traffico e di evitare il ricorso massiccio al semaforo, è stata accompagnata dalla mancanza di una legge che chiarisse la questione. Negli oltre 240 articoli del Codice della Strada, infatti, non si fa menzione al comportamento da adottare nelle rotonde. Chi deve fermarsi e di chi è la colpa in caso di incidente? Facciamo chiarezza.

Chi ha la precedenza

In supporto è stata diffusa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la circolare 6935 del 22 marzo 2017. Questa spiega che “in mancanza di specifico segnale di ‘dare precedenza’ solitamente apposto in corrispondenza delle immissioni nella rotatoria, vige il principio dell’art. 145, comma 2, del Codice della Strada”. Pertanto quando due veicoli stanno per impegnare una intersezione, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione. Quindi, in tal caso ha priorità chi si immette nella rotatoria. L’automobilista che vi si approccia deve, in ogni caso, moderare la velocità ed essere pronto a dare la precedenza ad altri veicoli.

Casi specifici

Quelli appena descritti sono i comportamenti standard da adottare. Scendiamo adesso nel particolare iniziando dalla condotta in caso di una rotonda a una sola corsia. Le prescrizioni per l’automobilista prevedono che.

  •         Resti vicino al margine destro durante l’immissione
  •         Azioni l’indicatore di direzione destro qualora intenda uscire alla prima uscita a destra
  •         Acceda senza azionare l’indicazione di direzione, salvo azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella a cui intende uscire.

In caso di rotonda a due o più corsie, invece, i principi generali cambiano. Il guidatore dovrà.

  •         Se vuole uscire a destra: immettersi tenendo la corsia destra e azionare l’indicatore di direzione nel caso in cui l’uscita prescelta sia la prima. Altrimenti dovrà azionarlo non appena avrà superato l’uscita che precede quella prescelta
  •         Se intende proseguire dritto: immettersi tenendo la corsia di destra senza mettere la freccia, che andrà invece azionata una volta superata l’uscita scelta. In caso di traffico intenso può accedere alla rotonda anche tenendo una corsia centrale, spostandosi con adeguato anticipo sulla corsia più esterna quando sarà vicino all’uscita
  •         Se intende svoltare a sinistra: immettersi restando sulla corsia sinistra della strada di accesso con la freccia sinistra già azionata, circolare nella corsia di sinistra e spostarsi con anticipo a destra in prossimità dell’uscita

Come stabilire la colpa

In ogni occasione con traffico intenso resta suggerito occupare la corsia destra nell’immissione, anche se si sceglie di girare a sinistra. È fondamentale, inoltre, valutare i cambi di corsia durante la percorrenza della rotatoria, per evitare di incrociare la strada degli altri automobilisti e tagliargliela. Queste semplici precauzioni aiutano a stabilire in maniera certa (o quasi) le responsabilità in caso di sinistro.

Il nostro consiglio è quello di dotarsi comunque della scatola nera, la cui installazione dà diritto a sconti sulla RC Auto. Non bisogna dimenticare che ogni incidente concorre a peggiorare il curriculum di guidatore (leggasi punti patente) e ad aumentare il premio dell’assicurazione auto. Per questo ti consigliamo di scegliere sempre quella più adatta alle tue esigenze. Sul nostro sito potrai confrontare le migliori presenti sul mercato e fare, con la massima serenità, la tua scelta. Dopo aver generato gratuitamente un preventivo avrai infatti 60 giorni di tempo per confermarla.  

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Trasporto bici in aereo: come fare, condizioni

Trasporto bici in aereo: come fare, condizioni Bicicletta e aereo: un connubio possibile. Il boom dei voli low cost negli ultimi anni ha portato, come conseguenza indiretta, anche l’aumento del numero delle bici imbarcate. I casi sono i più disparati. Escludendo dal novero le formazioni professionistiche che sono chiamate a spostarsi da una nazione (sempre

CONTINUA A LEGGERE

Seggiolini auto: novità 2019, incentivi, regole

Seggiolini auto: novità 2019, incentivi, regole La Manovra 2019 prevede importanti novità sul fronte delle auto e dei trasporti. Nelle misure presenti nella Legge di Bilancio per le infrastrutture e i trasporti, ce ne sono alcune che riguardano anche i bambini. Certo, per loro tutti gli obblighi da automobilisti – a partire dalla sottoscrizione della

CONTINUA A LEGGERE

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla Sommerso dalle scadenze quotidiane ti sei dimenticato di pagare il bollo autoveicoli? O peggio ancora non ricordi se hai eseguito correttamente il versamento? Non perdere la calma, esiste una soluzione per ogni cosa. Il bollo automezzi è una tassa sul possesso che viene destinata alle regioni italiane. La sua

CONTINUA A LEGGERE

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità Uno degli incidenti più comuni e la cui individuazione delle responsabilità risulta più semplice: il tamponamento. Si tratta infatti della situazione una cui una vettura colpisce con la sua parte anteriore la parte posteriore di quella che la precede. Di chi è la colpa? Secondo il Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione Vivi a pochi metri dalla spiaggia ma da sempre ti affascinano le imprese dei grandi scalatori. Oppure sei nato in montagna e vuoi ristorarti con una bella pedalata sul lungomare. Non preoccuparti, non sei l’unico a dover affrontare certi problemi. In Italia sono infatti molti i ciclisti

CONTINUA A LEGGERE

Anticipo TFR per acquisto auto

Anticipo TFR per acquisto auto L’acquisto di un’auto nuova è una scelta che negli ultimi anni è stata fortemente condizionata dalla crisi economica. Mentre fino ai primi anni del nuovo secolo non erano inconsueti i casi di spese per togliersi uno sfizio, mai come oggi chi si reca da un concessionario lo fa per necessità.

CONTINUA A LEGGERE

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE