Incidente in area privata: chi deve pagare?

In caso di incidente in area privata l’assicurazione paga? Giù la maschera: almeno una volta nella nostra carriera da automobilisti ci siamo trovati a porci la domanda. Aree di sosta, parcheggi, giardini, cortili: ogni posto è una potenziale fonte di sinistri. Come bisogna comportarsi se si resta vittime di incidenti stradali in aree private? Chi è tenuto a pagare e come risponderà la polizza Rc Auto, obbligatoria per legge?

Area privata: definizione

Per capire come comportarsi davanti a un incidente in area privata, occorre prima di tutto inquadrare il termine. In ambito giuridico un’area può essere privata ma equiparata a quella pubblica se la determinazione è sancita soltanto dall’uso alla quale viene adibita. Una volta equiparata a quella pubblica, l’area privata determina che i veicoli a motore siano obbligatoriamente assicurati per Responsabilità Civile e che ad essi siano applicate le regole del Codice della Strada e le disposizioni del Codice Civile sulla circolazione. Un’area privata, seppure controllata all’ingresso, con accesso a dipendenti, clienti e fornitori è sempre equiparata a un’area pubblica.

Cosa si intende per circolazione stradale?

Chiarita la definizione di area privata, bisogna ricordare che l’assicurazione RC Auto copre tutti i danni derivanti dalla circolazione di mezzi a motore. Cosa si intende, dunque, per circolazione stradale? Come stabilito dalla Corte di Cassazione attraverso diversi pronunciamenti recenti, il concetto di circolazione riguarda anche la posizione di arresto del mezzo. Rientra nella definizione di circolazione anche il parcheggio. Ogni sinistro avvenuto su strade pubbliche o su strade private aperte al pubblico, come anche le aree condominiali non delimitate da sbarre, oppure i parcheggi dei centri commerciali o le aree di rifornimento, rientra in un più ampio concetto di circolazione. Questo tipo di incidente in area privata deve dunque essere risarcito dall’assicurazione. In che misura e chi paga per un incidente in area di servizio o un incidente parcheggio privato in retromarcia?

Incidente in area privata: come ottenere il rimborso

Stabilite anche le regole circolazione stradale area privata, non resta che capire come ricevere l’indennizzo per un incidente in area privata. La condizione per l’ottenimento è che il sinistro si sia verificato in condizioni di traffico paragonabili a quelle di strade pubbliche. In tutti gli spazi in cui l’accesso è aperto a un numero indistinto di persone, ovvero in cui l’area privata sia di uso pubblico, si applicano le norme sull’assicurazione auto e sul risarcimento danni. Se non si conosce il soggetto che ha arrecato il danno, bisogna sporgere denuncia contro ignoti e per ottenere l’indennizzo sarà obbligatorio inoltrare alla compagnia assicurativa il documento rilasciato dalle Forze dell’Ordine.

Il Fondo di Garanzia vittime della strada rimborsa una franchigia a partire da 500 euro, a condizione di riconoscere condotta dolosa o colposa del colpevole del sinistro e assenza di generalità del responsabile. Se invece il responsabile ha rilasciato i propri dati e si è a conoscenza della targa del veicolo che ha cagionato il danno, la richiesta passa tramite la regolare compilazione del modulo CAI.

Per ricevere il rimborso danni per un incidente in area privata è fondamentale essere in regola con l’assicurazione auto. Per sottoscrivere la prima o rinnovare quella in scadenza, affidati al comparatore intuitivo di Quale.it. E per prevenire tutti i guai che può portare con sé un incidente in un’area privata, valuta di aggiungere una garanzia accessoria come la polizza atti vandalici. Ottieni il tuo preventivo gratuito e valido 60 giorni e prenditi tutto il tempo necessario per convalidare la tua scelta.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE