Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico?

Revisione auto scaduta: art.80 Codice della Strada

L’obbligo di revisione auto è stabilito dall’articolo 80 del Codice della Strada. Il controllo periodico va effettuato a quattro anni dalla prima immatricolazione del veicolo e, successivamente, a cadenza biennale. A partire dal 2012 viene anche rilasciato il bollino blu, riguardante il controllo dei gas di scarico che va fatto insieme alla revisione. La revisione può essere effettuata presso officine autorizzate o alla Motorizzazione Civile, con costi diversi. Circolare con revisione auto scaduta comporta sanzioni.

La multa per revisione scaduta (art. 80 Cds comma 14) va da 168 euro a 674 euro. La cifra si raddoppia in caso di revisione omessa per più di una volta in relazione alle cadenze previste dalle disposizioni vigenti e si rischia anche il fermo amministrativo per un periodo massimo di 90 giorni. La sanzione revisione scaduta accessoria è la sospensione della circolazione fino all’effettuazione della revisione. La circolazione del veicolo è consentita soltanto per recarsi ad effettuare la revisione.

Ovviamente le sanzioni si inaspriscono in presenza di una revisione falsa. In questo caso (comma 17) la multa va da 419 a 1682 euro ed è previsto il ritiro della carta di circolazione.

Revisione auto scaduta e incidente: quando scatta la rivalsa?

Come abbiamo avuto modo di capire finora, se ci si accorge di avere la revisione scaduta è importante non circolare se non per provvedere a mettersi in regola. L’ipotesi peggiore è quella di rimanere coinvolti in un incidente. In questo caso il diritto al risarcimento del soggetto danneggiato viene comunque garantito. Questi verrà indennizzato dalla compagnia, ma l’assicurato responsabile rischia di vedersi applicata la rivalsa assicurativa da parte della sua compagnia.

Tramite questa procedura l’assicurazione chiede la restituzione degli importi liquidati al danneggiato. In questo caso l’unico modo per evitarlo è quello di aver fatto rinuncia alla rivalsa in sede di stipula della polizza RC Auto. Se invece il sinistro avviene per colpa altrui, ma il vostro veicolo è sprovvisto di revisione, il risarcimento è sempre garantito. Restano inoltre valide tutte le altre sanzioni, anche in caso di incidente. L’automobilista che non ha provveduto a revisionare la propria macchina, dunque, è chiamato a versare una cifra da 168 a 674 euro.

La revisione auto è stata oggetto di proroghe legate all’emergenza sanitaria da Covid-19, ma resta sempre uno degli obblighi di ogni automobilista. Al pari dell’assicurazione RCA. Se la tua polizza auto costa troppo o sta per scadere, visita il nostro sito. Confronta le offerte delle migliori compagnie e inizia subito a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE