Incidente con auto immatricolata all’estero: cosa fare, come ottenere il risarcimento

Incidente con auto immatricolata all’estero: cosa fare, come ottenere il risarcimento

Un caso raro, ma non unico. Quella che viene vista come una possibilità decisamente remota per buona parte degli automobilisti, è in realtà un’ipotesi che può verificarsi. Di cosa stiamo parlando? Di un incidente con un’automobile immatricolata fuori dai confini italiani. Come bisogna comportarsi? Chi dovrà farsi carico degli eventuali danni cagionati? E quando? Prima di tutto i casi da mettere in conto sono due: quello in cui veniamo coinvolti in Italia in un sinistro con auto con targa estera e, viceversa, quello in cui siamo noi ad incappare in un incidente fuori dal Belpaese.

Cosa fare subito dopo l’incidente

Prima di tutto è importante gestire, con sangue freddo, l’emergenza. Ciò si traduce nella verifica degli eventuali danni fisici subiti (da noi stessi, dagli eventuali passeggeri del nostro abitacolo e dalla controparte) e di quelli del veicolo. A questo punto bisognerà scambiarsi i dati utili per la compilazione del Modulo Blu per la constatazione amichevole. In assenza (se ci si trova all’estero) va bene anche un modulo straniero, purché i dati corrispondano. Tra questi occorre prendere nota di.

  •         Modello della macchina coinvolta
  •         Numero di targa
  •         Dati anagrafici del conducente e del proprietario
  •         Estremi della polizza RC Auto

È suggerito inoltre scattare, anche attraverso l’utilizzo degli smartphone, foto ai veicoli coinvolti, utili a chiarire la dinamica dell’incidente. Inoltre è sempre opportuno chiamare in causa la polizia stradale, la cui relazione ha valore di atto pubblico.

Gestione del sinistro UCI: i documenti necessari

Subito dopo l’intervento della Polizia Stradale, occorre inviare una raccomandata A/R all’Ufficio Centrale Italiano (UCI), che ha il compito di gestire le pratiche di risarcimento danni provocati da veicoli immatricolati o registrati in Stati esteri su territorio italiano. L’UCI individuerà il mandatario e indicherà immediatamente la compagnia incaricata della liquidazione del danno. Per agevolare e avviare le pratiche, occorre segnalare.

  • Nazionalità e targa del veicolo straniero
  • Tipologia del veicolo
  • Dati del conducente del veicolo estero e del proprietario, qualora non si tratti della stessa persona
  • Nome della compagnia assicuratrice
  • Riferimenti dell’autorità competente intervenuta sul luogo del sinistro
  • Eventuale copia della Carta Verde del conducente
  • Copia del modulo CID redatto sul luogo dell’incidente

Qualora i dati forniti non consentano una chiara identificazione della compagnia di assicurazione estera, l’UCI è chiamata a svolgere verifiche direttamente nel paese di immatricolazione. I tempi di gestione delle pratiche e di risarcimenti danni variano a seconda del singolo caso. Per quanto riguarda invece le compagnie operanti nello spazio SEE (Unione Europea più Norvegia, Islanda e Liechtenstein), il risarcimento viene trattato direttamente con il mandatario da loro nominato in Italia.

Affinché le procedure possano correttamente essere avviate è indispensabile essere in regola con l’assicurazione auto. Se hai bisogno di sottoscriverla o di rinnovarla, affidati a noi. Sul nostro sito potrai infatti confrontare le offerte delle migliori compagnie online e scegliere quella più adatta a te dopo aver generato un preventivo gratuito e valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE