Incidente bici auto: come ottenere il risarcimento

Usare la bicicletta è uno dei modi migliori per fare attività fisica. Mezzo di trasporto ecologico e pratico, la bici vanta diversi praticanti. C’è chi se ne serve per andare a lavoro, chi non disdegna una sana sgambata nel weekend e chi ne fa un uso più agonistico. Bici da corsa, mountain bike o da passeggio, ce n’è davvero per tutti i gusti. E per tutti i rischi. Soltanto nel 2018, come rilevato dall’Istat, sono stati 219 i ciclisti deceduti in seguito a un incidente stradale. Chi va in bicicletta è da sempre un utente debole della strada e tra i sinistri più frequenti c’è l’incidente bici auto: come comportarsi se si rimane coinvolti e come ottenere il risarcimento danni?

Incidenti in bici: cause principali

La distribuzione per genere dimostra come le principali vittime degli incidenti bicicletta siano gli uomini: 188 sono i ciclisti maschi deceduti nel 2018, contro le 31 donne. Elevatissimo resta l’indice di mortalità, ovvero il numero di vittime ogni 100 incidenti. In media muore un ciclista ogni 32 ore, mentre i feriti sono circa 40 al giorno. Le cause principali sono le condizioni della strada (buche e detriti), comportamenti sbagliati del ciclista o di un altro utente della strada, manovre pericolose. Quasi un terzo degli incidenti bicicletta (29%) rientra nella categoria incidente bici auto.

Incidente auto bici: no al CID

Basta assicurare la bici da corsa per ottenere il risarcimento danni? Quando si resta coinvolti in un incidente bici auto è bene sapere alcune cose. La bicicletta non è un veicolo a motore, pertanto non è possibile compilare il modulo CAI (ex CID). Come stabilisce l’art 143 codice assicurazioni “nel caso di sinistro avvenuto tra veicoli a motore per i quali vi sia obbligo di assicurazione i conducenti dei veicoli coinvolti sono tenuti a denunciare il sinistro alla propria impresa di assicurazione, avvalendosi del modulo fornito dalla medesima”. In caso di incidente auto bicicletta, quindi, i due soggetti coinvolti dovranno “passare” tramite la propria compagnia assicurativa.

Incidente auto bici: chi paga?

Ma il ciclista ha sempre ragione? La risposta è negativa. In astratto chi guida un’auto ha comunque delle responsabilità maggiori, perché conduce un mezzo potenzialmente pericoloso. Tuttavia non sempre un sinistro è a lui riconducibile. Di fatto possono presentarsi tre casi di incidente bici auto.

  • Incidente bici auto con responsabilità dell’automobilista: accertata la colpa del conducente del veicolo, sarà l’assicurazione di quest’ultimo a risarcire il ciclista. L’indennizzo sarà integrale. Per aprire le pratiche per il risarcimento, il ciclista deve inviare una lettera alla compagnia assicuratrice dell’auto e richiedere il ristoro dei danni, previa perizia. Per avere il rimborso è fondamentale mantenere tutte le prove dei danni fisici (visite mediche, referto del pronto soccorso, medicine) e riportati dal mezzo (ricevute di interventi fatti a causa dell’incidente)
  • Incidente auto bici con concorso di colpa: la misura dell’indennizzo è ridotta sulla base della percentuale di colpa che ha l’altro soggetto coinvolto nell’incidente. Se un automobilista investe un ciclista che non segnala la svolta, questi avrà diritto a un risarcimento ridotto sulla base della percentuale di colpa che gli verrà riconosciuta
  • Incidente bici auto con responsabilità del ciclista: se viene accertata la colpa di chi è in bicicletta, non si ha diritto a nessun rimborso per danni subiti dalla caduta, né fisici né alla bicicletta

Occorre infine ricordare che per circolare in bicicletta non è obbligatoria l’assicurazione. Assicurare la bici rappresenta però una scelta intelligente. Se ne hai acquistata una tradizionale o elettrica da meno di tre mesi, affidati alla polizza Bicicover. Sottoscrivendola su Quale.it la proteggerai da danni, furto e incendio ed altri inconvenienti quali atti vandalici, guasti e anomalie.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE