Guida senza cintura: tutti i casi in cui è possibile

Mettersi alla guida senza cintura di sicurezza crea un pericolo per la propria incolumità e non solo. Ai rischi aggiuntivi in caso di incidente, infatti, si aggiungono anche multe e sanzioni accessorie. Esistono però anche delle eccezioni, casi in cui la guida senza cinture è ammessa. Scopriamo quali sono e qual è, inoltre, la multa senza cintura alla guida.

Guida senza cintura: regole codice della Strada

L’uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta sui veicoli è disciplinato dall’articolo 172 del Codice della Strada. Il conducente ed i passeggeri hanno l’obbligo di utilizzare in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 metri, invece, devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini. Questo deve essere adeguato al peso ed omologato. La guida senza cintura è ovviamente oggetto di sanzioni.

Sanzione guida senza cintura

L’inosservanza delle norme dettate dall’art 172 CdS è punita con una multa da 80 a 323 euro. La multa cinture di sicurezza comporta inoltre la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi se l’infrazione viene ripetuta entro due anni. La sanzione senza cintura si applica al conducente, oppure a chi è tenuto alla sorveglianza, quando a non indossarla è un minore. Se la multa per la cintura viene pagata entro 5 giorni dalla notifica, è prevista una riduzione dell’importo pari al 30%. Senza cinture quanti punti patente si perdono? Ogni sanzione viene aggravata dalla decurtazione di 5 punti dalla patente, mentre per i neopatentati i punti patente senza cintura sottratti sono 10.

Guida senza cintura: quali sono le eccezioni?

Come abbiamo visto, però, la guida senza cintura è ammessa in alcune circostanze senza incappare in una multa. L’art 172 comma 8 Cds stabilisce che possono viaggiare senza cintura di sicurezza:

  • Le forze di polizia, polizia municipale e provinciale nell’espletamento di un servizio di emergenza
  • Appartenenti alle forze armate nell’espletamento di attività istituzionali nelle situazioni di emergenza
  • Conducenti e addetti dei veicoli del servizio antincendio e sanitario in caso di intervento di emergenza
  • Conducenti dei veicoli con allestimenti specifici per la raccolta e per il trasporto di rifiuti e dei veicoli a uso speciale, quando impiegati in attività di igiene-ambientale nell’ambito dei centri abitati
  • Istruttori di guida nell’esercizio delle funzioni
  • Appartenenti ai servizi di vigilanza privati regolarmente riconosciuti che effettuano scorte
  • Persone che risultino affette da patologie particolari o che presentino condizioni fisiche che costituiscono controindicazione all’uso dei dispositivi di ritenuta
  • Passeggeri dei veicoli M2 ed M3 (destinati al trasporto di persone e con più di otto posti a sedere) adibiti al trasporto locale e che circolano in zona urbana
  • Donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso di cinture di sicurezza

L’esenzione per le donne in gravidanza, dunque, è prevista solo se certificata dal ginecologo curante e non sempre. L’obbligo di indossare i sistemi di ritenuta è solo uno dei tanti che riguardano gli automobilisti. Se devi rinnovare la tua polizza RC Auto affidati a noi e inizia a risparmiare. Usa il nostro comparatore, ricevi un preventivo gratuito e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE