Furto della moto: cosa fare e come tutelarsi con la propria assicurazione

Sebbene in calo rispetto all’anno precedente, anche nel 2016 è stato considerevole il numero dei furti di moto. Secondo i dati resi noti dal Ministero dei Trasporti, infatti, sono stati 45.351 quelli denunciati in Italia, con la Campania che conquista la maglia nera toccando il 20% (9.077 in tutto) del totale. Se il contrasto al fenomeno può aiutare a ridurne la portata, per tutelarsi singolarmente è senz’altro consigliabile affidarsi a un’assicurazione moto che possa proteggere dai danni materiali e diretti subiti in seguito al furto del veicolo, sia totale che parziale.

I documenti necessari per assicurare il tuo motoveicolo

Per stipulare una polizza RC moto occorre presentare i seguenti documenti, utili alla compagnia assicurativa per delineare il profilo del guidatore:

  • Documento di riconoscimento in corso di validità
  • Codice fiscale del guidatore
  • Libretto di circolazione del veicolo
  • Attestato di rischio

A questi dovranno essere aggiunti il certificato di proprietà del veicolo, qualora si intenda stipulare una polizza nuova per un veicolo immatricolato per la prima volta o proveniente da voltura, l’attestato di rischio e la copia dello stato di famiglia se si intende beneficiare degli sgravi garantiti dalla Legge Bersani.

Cosa fare in caso di furto della moto

Dopo essersi accertati di essere stati malauguratamente vittima di un furto, il proprietario di una moto è chiamato immediatamente a porre in essere tre azioni.

  • Sporgere denuncia presso un Commissariato: le Autorità redigeranno un verbale contenente ricostruzione del fatto e descrizione del veicolo, con tutti i dati utili per rintracciare il mezzo.
  • Richiedere il certificato di possesso presso il PRA: unito al verbale di denuncia e alle chiavi di riserva del mezzo, permetterà al guidatore di rivolgersi alla compagnia assicurativa per comunicare il furto e richiedere il relativo indennizzo.
  • Comunicare il furto entro tre giorni alla propria compagnia assicurativa.

Assicurazione furto moto per una copertura completa

Il furto della propria moto può essere un’esperienza davvero traumatica. Per attutirne l’impatto è quanto mai utile sottoscrivere una garanzia furto e incendio che permetta di tutelare il tuo da queste due evenienze. Di norma la polizza copre i danni causati al motoveicolo nell’esecuzione o in conseguenza del furto o rapina dello stesso, mentre ne esclude quelli agli pneumatici o derivati dal furto di singole parti. Vale la pena ricordare che di fronte al furto del motoveicolo, il contratto è da intendersi risolto dal terzo giorno successivo alla data della denuncia. A partire da questa scadenza, infatti, i danni causati dalla circolazione del mezzo rubato saranno a carico del Fondo garanzia per le vittime della strada.

Se sei tra i “fortunati” che hanno chiuso con un sospiro di sollievo la loro brutta esperienza, non dimenticare di compiere un ultimo passo. Entro 40 giorni dal ritrovamento del motoveicolo, infatti, è necessario tornare dal PRA per farsi rilasciare il certificato di rientro da trasmettere obbligatoriamente all’assicurazione.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla Sommerso dalle scadenze quotidiane ti sei dimenticato di pagare il bollo autoveicoli? O peggio ancora non ricordi se hai eseguito correttamente il versamento? Non perdere la calma, esiste una soluzione per ogni cosa. Il bollo automezzi è una tassa sul possesso che viene destinata alle regioni italiane. La sua

CONTINUA A LEGGERE

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità Uno degli incidenti più comuni e la cui individuazione delle responsabilità risulta più semplice: il tamponamento. Si tratta infatti della situazione una cui una vettura colpisce con la sua parte anteriore la parte posteriore di quella che la precede. Di chi è la colpa? Secondo il Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Luci obbligatorie bici: regole, multe

Luci obbligatorie bici: regole, multe Sono obbligatorie le luci in bici? La domanda sembra banale, eppure viene spesso posta anche da ciclisti che non sono alle prime armi. La vasta gamma di modelli presenti sul mercato, impedisce di avere infatti una percezione chiara dell’argomento. Ovviamente la risposta è affermativa, ma determina immediatamente altri quesiti. Quando?

CONTINUA A LEGGERE

Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere

Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere Dal 15 novembre al 15 aprile in Italia vige l’obbligo di avere a bordo della propria auto le catene da neve. L’alternativa al loro trasporto, consigliata dagli esperti per una maggiore sicurezza, è quella di montare pneumatici invernali. A disciplinare la materia è una direttiva dell Ministero dei

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione Vivi a pochi metri dalla spiaggia ma da sempre ti affascinano le imprese dei grandi scalatori. Oppure sei nato in montagna e vuoi ristorarti con una bella pedalata sul lungomare. Non preoccuparti, non sei l’unico a dover affrontare certi problemi. In Italia sono infatti molti i ciclisti

CONTINUA A LEGGERE

Anticipo TFR per acquisto auto

Anticipo TFR per acquisto auto L’acquisto di un’auto nuova è una scelta che negli ultimi anni è stata fortemente condizionata dalla crisi economica. Mentre fino ai primi anni del nuovo secolo non erano inconsueti i casi di spese per togliersi uno sfizio, mai come oggi chi si reca da un concessionario lo fa per necessità.

CONTINUA A LEGGERE

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE