Furti auto: la classifica delle macchine più rubate in Italia nel 2019

Assicurare la propria automobile significa anche stare più sicuri se questa viene rubata. In Italia sono state 105.239 le auto rubate nel solo 2018, con un aumento del 5,2% rispetto all’anno precedente. Soltanto il 40% di queste sono state ritrovate, con oltre 64.000 esemplari mai più tornati in possesso dei legittimi proprietari. Gli strumenti per evitare il furto auto sono diversi, ma anche i ladri sono al passo coi tempi. Sul mercato sono infatti presenti dispositivi in grado di forzare e mettere in moto un veicolo in meno di un minuto, disattivando l’antifurto (se presente). Quali sono le macchine più rubate e a quali categorie appartengono?

Classifica auto rubate in Italia: Suv nel mirino dei ladri

City car e non solo. Nella classifica delle auto più rubate in Italia fanno trovano spazio crossover e Suv. Questi ultimi hanno registrato un’impennata incredibile, con un aumento dei furti del 62% rispetto al 2017 che li rendono i modelli più appetibili tra i ladri. A redigere la lista è stata l’azienda statunitense specializzata in antifurti satellitari LoJack, che ormai da tempo collabora con il Ministero dell’Interno italiano. Le macchine più rubate appartengono al gruppo FCA, che con soli tre modelli (Panda, 500 e Jeep Renegade), raggiunge quasi un terzo (31%) del totale.

Furti auto in Italia: Campania regione più bersagliata

Tra le macchine rubate ce n’è davvero per tutti i gusti (dei ladri). La fotografia scattata da LoJack fa emergere una spaccatura in due dello stivale. Le regioni più compite sono quelle del Centro e Sud Italia. A conquistare il primato è la Campania, con il 45% dei furti, seguita da Lazio (21%) e Puglia (14%). Ai piedi del podio si fermano Lombardia e Sicilia, rispettivamente con 9% e 4% dei furti auto. Queste cinque regioni coprono, da sole, il 93% dei casi riscontrati dalla società americana.

Le 10 auto più rubate in Italia nel 2019

A questo punto non resta che delineare la classifica delle macchine rubate maggiormente lo scorso anno.

  • Fiat Panda: la più venduta e la più sottratta. L’utilitaria marchiata Fiat conferma lo scettro di automobile rubata, con il 16% dei furti sul totale delle macchine sottratte
  • Fiat 500: stessa casa costruttrice e stesso destino. La storica city car costa più della Panda e piace in uguale misura ai malintenzionati: quasi 13.000 i furti, oltre il 12% del totale delle macchine rubate
  • Range Rover Evoque: terzo posto per il Suv più rubato d’Italia. Nonostante le sue dimensioni, i ladri non ci hanno pensato troppo rubandone più di 7.000 esemplari
  • Jeep Renegade: piedi del podio per il terzo modello del gruppo FCA, sul mercato dal 2014 e che ha registrato quasi 4.000 furti nel 2018
  • Toyota Rav4: quinto posto e secondo tra i Suv per questo modello “storico” della casa giapponese, finita nel mirino di oltre 2.000 ladri
  • Ford Kuga: si aggiudica la palma di crossover più rubato con poco più di 2.000 furti
  • Lancia Ypsilon: tra le berline è la più apprezzata. Anche di questo modello sono stati rubati oltre 2.000 esemplari
  • Nissan Qashqai: tra i Suv non poteva mancare uno dei più apprezzati dagli italiani. Conquista l’ottavo posto tra le macchine più rubate d’Italia
  • Toyota CH-R: ultimo tra gli Sport Utility Vehicle in top ten. Particolarmente gettonato tra i ladri, che ne hanno sfilati oltre 1.000 modelli ai legittimi proprietari
  • Ford Fiesta: anche il marchio americano si fregia di due modelli tra i primi 10, con quello più venduto ormai da decenni che resta bersaglio sensibile dei malviventi

Quando si acquista un’auto ci si espone al rischio di subirne il furto. Per dormire sonni tranquilli è consigliato aggiungere una garanzia accessoria all’assicurazione RC obbligatoria. Con la polizza Furto e Incendio si è tutelato in caso di furto totale o parziale del veicolo e di danneggiamento derivante dal tentato furto. Trova la migliore offerta utilizzando il comparatore di Quale.it e convalida il preventivo gratuito entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE