Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è il suo potere d’intervento e a quanto ammonta l’indennizzo massimo?

Cos’è il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada

Il Fondo di Garanzia Vittime della Strada è stato istituito dalla Legge 990/1969 ed è in vigore in Italia dal 1971. Amministrato dalla Consap, sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, interviene per risarcire chi resta coinvolto in incidenti causati da:

  • Veicoli non identificati
  • Veicoli non assicurati
  • Veicolo assicurato presso compagnie assicurative in stato di liquidazione
  • Veicoli rubati o fatti circolare contro la volontà del proprietario
  • Un veicolo spedito in Italia da un Paese dell’area dell’Unione Europea
  • Veicoli esteri con targa non regolarmente associata al mezzo, come previsto anche dall’art 283 codice delle assicurazioni

In tutti questi casi il soggetto vittima della strada può richiedere l’intervento del Fondo.

Fondo Vittime della Strada risarcimento: come funziona

Ad alimentare il Fondo Vittime della Strada sono i veicoli regolarmente assicurati mediante un’aliquota pari al 2,50% sui premi incassati. Questo fondo di garanzie interviene in tutti i casi in cui non si può ricorrere alla compagnia assicurativa del responsabile del danno. Per quanto riguarda la liquidazione dei danni, avviene in base ai massimali previsti dalla legge nel momento in cui si verifica l’incidente. Esistono quindi delle differenze a seconda della tipologia del veicolo rientrante nella casistica del FGVS che ha cagionato il danno.

Massimali Fondo Garanzie Vittime della Strada

I massimali, ovvero l’ammontare massimo che il Fondo garantisce di pagare per danni provocati a terze persone o cose, sono fissati in 6.070.000 euro per le persone e 1.220.000 per danni alle cose, a sinistro. Il Fondo distingue però in base al veicolo. Nello specifico:

  • Incidente provocato da veicolo non assicurato: la vittima ha diritto al risarcimento completo sia dei danni fisici che di quelli materiali
  • Incidente provocato da veicolo non identificato: risarcimento integrale dei danni alla persona. Franchigia di 500 euro per i danni alle cose, da corrispondere solo se i danni alla persona sono ritenuti gravi
  • Sinistro causato da veicolo assicurato con imprese poste in liquidazione: in questo caso sono previste tre procedure differenti, ma soltanto l’ultima è attualmente attiva

Accedendo al sito della Consap è possibile selezionare il caso specifico e presentare la domanda di risarcimento. La liquidazione dei danni viene effettuata dalle Imprese Designate dall’Ivass. Per evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli e di complicarsi la vita in caso di incidenti, scegli l’assicurazione auto giusta. Visita il nostro sito e utilizza il comparatore presente per valutare le offerte delle migliori compagnie online. Con pochi dati riceverai subito le tariffe su misura per te. Hai ben 60 giorni per valutare il preventivo gratuito e decidere se accettarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE