assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Errore nella compilazione del 730: chi paga?

Errore nella compilazione del 730: chi paga?

Cosa si deve fare quando si sbaglia la dichiarazione dei redditi?  Da un po’ di tempo le cose sono cambiate, comportando nuove responsabilità a carico dei commercialisti e dei CAF nel caso di errore nella compilazione del 730.

Il nuovo modello 730 precompilato

Da qualche anno abbiamo vissuto una grande rivoluzione: il modello 730, per la maggior parte dei contribuenti, è ora precompilato. Se sei un lavoratore dipendente o un pensionato, avrai accesso a una dichiarazione dei redditi già compilata che potrai, volendo, modificare e integrare. Uno dei vantaggi di accettare il 730 on line precompilato senza alcuna modifica è che non sarai soggetto a controlli documentali. In caso contrario, ogni modifica può comportare un errore e le conseguenze sono più aspre.

La necessità di affidarsi a un professionista

Anche se il modello 730 editabile precompilato ha semplificato di molto il temuto momento della dichiarazione dei redditi, rimane sempre necessaria la presenza di un professionista se si intendono fare modifiche o integrazioni. Con i nuovi cambiamenti, però, la normativa prevede una notevole responsabilità a carico del commercialista. Il nostro consiglio è di non fare di testa propria, anche se la procedura sembra apparentemente più semplice e, quando in dubbio, affidarsi sempre a un professionista. Ricordate, infatti, che i commercialisti lavorano rispettando la professionalità riconosciuta dall’albo e il principio di diligenza (art. 1176 del Codice Civile).

Errare è umano: anche il commercialista può sbagliare

Cosa fare, però, quando la nostra dichiarazione dei redditi risulta sbagliata? Esistono diversi modi per fare ammenda, ma il nuovo sistema grava particolarmente sui professionisti ed è necessario capire come tutelarsi.

Sei un commercialista? Devi tutelarti

La dichiarazione (accettata o modificata) trasmessa dal commercialista deve essere provvista di visto di conformità. Ma in caso di errori riconducibili al rilascio di un visto di conformità infedele, il pagamento delle maggiori imposte, degli interessi e delle sanzioni, che sarebbero stati richiesti al contribuente grava solo ed esclusivamente sul commercialista (a meno che il contribuente abbia indotto il professionista in errore per dolo o grave colpa).

Il professionista, per tutelarsi, è tenuto quindi a stipulare una polizza assicurativa della responsabilità civile, per coprire le spese di eventi danni causati nel fornire assistenza fiscale e il massimale deve essere adeguato al numero dei suoi clienti e non inferiore ai 3 milioni di euro.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige Partire verso la fine di agosto o agli inizi di settembre è un’ottima occasione per evitare la calca, non solo al mare, ma anche in montagna! Il Trentino Alto Adige offre ancora il meglio di sé ed è una meta perfetta per un viaggio on the

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare Hai preferito prendere le ferie verso fine agosto, magari a inizio settembre? Le vacanze cosiddette intelligenti sono un ottimo modo per risparmiare qualche euro sul soggiorno e soprattutto per trovare meno folla in spiaggia e nei luoghi di villeggiatura. Queste sono le nostre mete preferite per potersi

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa Sempre più italiani, complici alcune piattaforme che mettono facilmente in condivisione la domanda con l’offerta, stanno affittando le proprie seconde case durante le vacanze. È un ragionamento piuttosto semplice. Un immobile che non viene usato in certi periodi dell’anno dai padroni di casa può essere invece una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione Bici, che passione! In Italia l’amore per le due ruote sopravvive alla crescente offerta di motori e tecnologie, come dimostrato dai dati del 2017. Nei dodici mesi dell’anno sono state vendute 1.688.000 unità sommando biciclette tradizionali ed elettriche. La tipologia più acquistata è la city-bike, che si lascia

CONTINUA A LEGGERE

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE