Duplicato targa auto e moto: come e quando richiederlo

Fare il duplicato targa auto e moto è un’operazione che si rende spesso necessaria. Come stabilito dagli artt. 100 e 102 del Codice della Strada, infatti, gli autoveicoli devono essere muniti, anteriormente e posteriormente, di una targa contenente i dati di immatricolazione. Questi (art 102 CdS comma 4) “devono essere sempre leggibili e, quando per deterioramento non sono più leggibili, l’intestatario della carta di circolazione deve richiedere all’ufficio competente della Direzione generale della M.C.T.C. una nuova immatricolazione del veicolo”. Quando si rende inevitabile richiedere il duplicato targa auto e qual è la procedura da seguire?

Duplicato targa auto e moto: quando fare

Targa smarrita? Allora è il caso di effettuare il duplicato targa auto e moto. Questa procedura va effettuata in caso di targa persa, rubata, deteriorata o distrutta. Se una targa moto o auto è illeggibile o mancante, infatti, il veicolo in questione non può circolare. Ogni volta che si viene fermati per un controllo di sicurezza, la targa serve ad accertare lo storico del veicolo e l’identità del soggetto. Chiunque circoli con targa non chiaramente e integralmente leggibile è soggetto a una multa da 41 a 168 euro. Se non si provvede, invece, a denunciare il furto, la sottrazione o la perdita targa, si è soggetti alla sanzione amministrativa da 84 a 335 euro.

Smarrimento targa: cosa fare

Il duplicato targa auto, come visto, va fatto in caso di furto, deterioramento o perdita targa. In tutti questi casi, l’intestatario della carta di circolazione è chiamato, entro 48 ore, a denunciare l’accaduto agli organi di polizia. Una volta trascorsi 15 giorni dalla presentazione della denuncia di smarrimento o sottrazione (art.102 comma 2 CdS) anche di una sola delle targhe (smarrimento targa anteriore o posteriore), senza che queste siano state rinvenute, l’intestatario deve richiedere alla Direzione generale della Motorizzazione Civile una nuova immatricolazione del veicolo, seguendo le procedure stabilite nell’articolo 93 del Codice della Strada. La stessa procedura è prevista per la distruzione delle targhe moto e auto, mentre se le targhe sono deteriorate e illeggibili, il proprietario non deve presentare denuncia. La procedura per la nuova immatricolazione va effettuata al PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

Duplicato targa auto e moto: documenti

Qual è la procedura da seguire per richiedere il duplicato targa auto o moto? In caso di smarrimento targa occorre scaricare il modulo TT 2119, reperibile anche presso gli uffici della Motorizzazione Civile. Questo documento va compilato dal proprietario del veicolo e portato allo Sportello Telematico dell’Automobilista. Se il veicolo è sprovvisto soltanto di una delle due targhe, il proprietario è chiamato a portare con sé la targa di cui è ancora in possesso oltre a un documento d’identità.

Circolare con entrambe le targhe visibili è uno degli obblighi che gravano su chiunque si pone alla guida di un veicolo su strada. Il primo e più importante è quello di provvedere alla sottoscrizione di un’assicurazione RCA obbligatoria. Se vuoi rinnovare la tua polizza o sottoscrivere la prima, sfrutta il nostro comparatore. Spunta le caselle relative a te e al tuo veicolo e ottieni subito le quotazioni delle migliori compagnie online. Il preventivo gratuito e senza impegno che riceverai resterà valido per i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE