Dove andare a San Valentino 2018?

Siete ancora incerti su dove andare a San Valentino? Liberatevi da ogni dubbio e prenotate una gita last minute per celebrare questo momento speciale. Vi suggeriamo alcune mete romantiche, perfette per passare un weekend all’insegna dell’amore. Se invece siete single o l’idea di San Valentino vi innervosisce, be’… Chi l’ha detto che possono viaggiare solo gli innamorati? Vi consigliamo tante location perfette per una piacevole fuga invernale, al caldo o sulla neve.

Parigi, la città dell’amore

Parigi è una delle città più belle del mondo ed è la cornice ideale per passare un weekend di San Valentino. Godetevi un meraviglioso giro lungo la Senna, una romantica cenetta in un bistrot e una visita ai piedi della Torre Eiffel. Non riusciamo a pensare a un programma più romantico di questo. In più, i voli dalle principali città italiane sono frequenti e poco costosi. Dobbiamo aggiungere altro?

Vienna, pattinaggio mano nella mano

La capitale austriaca ha due grandi pregi. È raggiungibile in poco tempo (il volo da Roma impiega circa un’ora e mezza) ed è facilmente percorribile a piedi. Il Danubio è molto suggestivo, ma la bellezza di Vienna non si ferma qui. La città si gode la stagione invernale con la pista di pattinaggio del Wiener Eistraum, di fronte al Municipio. Le opzioni a questo punto sono due: volteggiare come romantici ballerini sul ghiaccio o sostenersi per non capitombolare in due!

Venezia, una laguna unica al mondo

 

Passato il Carnevale, Venezia torna la meravigliosa città lagunare che tutti ci invidiano nel mondo. Un giro in gondola può essere molto costoso, ma scommettiamo che un cicheto e uno spritz sapranno farvelo dimenticare. Passeggiate lungo i calli, perdetevi nei vicoli più misteriosi, ammirate il Ponte dei Sospiri immaginando la celebre fuga di Casanova. Anche solo 24 ore a Venezia sono magiche. Se disponete di un weekend lungo, invece, approfittatene per allungarvi fino a Verona. Una visita al balcone di Giulietta sarà sicuramente di buon auspicio!

Bando agli imprevisti

La Legge di Murphy ce lo insegna. Se si parte per un solo weekend dopo un anno, ci si ammalerà esattamente in quel weekend. Scherzi a parte, gli imprevisti sono all’ordine del giorno e le assicurazioni di viaggio sono oggi molto convenienti. Con una piccola cifra, ci si può tutelare dall’annullamento del viaggio, ottenendo così il rimborso di volo e hotel, o addirittura richiedere assistenza sanitaria. Un piccolo gesto pre-partenza che può risparmiarvi tanti pensieri durante il viaggio. Buon San Valentino a tutti!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Cilindrata neopatentati: qual è il limite per le moto

Esiste una cilindrata neopatentati per moto? Aver conseguito la patente di guida da meno di tre anni, comporta una serie di restrizioni. Mentre il più significativo sbarramento per le auto riguarda il limite kilowatt neopatentati, per le due ruote la questione è leggermente differente. Bisogna infatti ricordare che i titoli di guida per moto sono

CONTINUA A LEGGERE

Moto nuova: quali sono i tempi d’immatricolazione?

Sapere come immatricolare una moto è un passaggio fondamentale per ogni possessore di una due ruote. Sia se si rileva una moto radiata, sia se si acquisti una moto d’epoca o nuova di zecca, occorre infatti formalizzare alcuni passaggi burocratici obbligatori. I tempi immatricolazione moto nuova sono generalmente brevi, così come esigue sono le spese

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione gancio traino: come funziona, cosa copre

Per trasportare carrelli e roulotte in tutta sicurezza non c’è niente di meglio della assicurazione gancio traino. Questo particolare tipo di polizza serve a proteggere uno strumento decisamente indispensabile per chi intende trasportare merci e non solo. Cos’è il gancio traino Il gancio traino è un elemento aggiuntivo dell’auto, che viene agganciato alla parte posteriore

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto conducente diverso dal proprietario: perché conviene?

Intestare una polizza RC auto a una persona diversa dal proprietario garantisce uno sconto assicurazione auto. Questa scorciatoia può risultare utili a chiunque si appresti a fare un preventivo assicurazione auto con l’obiettivo di risparmiare sulla tariffa. Per capire perché intestare la polizza assicurativa ad un’altra persona conviene, però, è opportuno non confondere i termini.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Risarcimento furto auto: come richiederlo e documenti necessari

Una cattiva abitudine che non passa mai di moda. I furti d’auto in Italia tornano ad aumentare. Secondo le statistiche diffuse dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono state 105.239 le macchine rubate, con una crescita del 5,2% rispetto all’anno precedente. Ottenere il risarcimento furto auto è possibile, mentre non sempre è facile tornare in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: quali sono le garanzie accessorie migliori?

Quando si sottoscrive una polizza RC Moto è possibile aggiungere delle ulteriori coperture assicurative. Le garanzie accessorie servono a tutelare l’assicurato da tutti i casi che restano scoperti dalla RC obbligatoria. Intervengono quando si verificano danni non coperti da questa, garantendo il regolare indennizzo al contraente. Scegliendo di abbinarle all’assicurazione auto o moto obbligatoria, il

CONTINUA A LEGGERE

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE

Superbollo auto 2019: calcolo, chi deve pagare

Il superbollo auto è una delle tasse più odiate dagli automobilisti italiani. Da tempo si parla della sua abolizione, ma ad oggi è ancora in vigore. L’emendamento presentato da FDI alla Legge di Bilancio 2019, prevede infatti la sua cessazione a partire dal 2020. Se dovesse essere riconvertito, l’addizionale erariale sulla tassa automobilistica non dovrà

CONTINUA A LEGGERE