Domiciliazione bollo auto: in quale regione, sconti

La domiciliazione bollo auto conviene? La tassa automobilistica, come noto, grava su tutti i proprietari di un veicolo indipendentemente dal suo utilizzo. L’imposta è infatti sul possesso del bene e il versamento è in favore delle Regioni. I modi per pagare bollo auto sono diversi, mentre alcune categorie possono beneficiare dell’esenzione parziale o totale. Quando e dove sono previsti, invece, gli sconti?

Bollo auto: dove si paga?

La domiciliazione bollo auto è un ulteriore modo per provvedere al pagamento della tassa automobilistica. Pagare il bollo auto e moto, infatti, è possibile tramite sportelli automatici ATM e home banking dei propri istituti di credito, oppure presso gli sportelli delle Poste Italiane, tramite le tabaccherie o ricevitorie Sisal abilitate, online sul sito dell’ACI.

Domiciliazione bollo auto: cos’è

In cosa consiste la domiciliazione bollo auto? La domiciliazione bancaria è un servizio che permette di effettuare pagamenti, a carattere periodico, tramite addebito automatico sul proprio conto corrente. Aderendo a questa formula si ottiene uno sconto auto sulla tassa automobilistica da versare. La domiciliazione bancaria è prevista a partire dall’1 gennaio 2017 e i soggetti interessati hanno potuto aderirvi fin da subito. Per loro non è stato infatti necessario attendere la scadenza del bollo: la domiciliazione ha avuto effetti alla prima scadenza successiva al 1° gennaio 2017.

Dove è prevista

Alla domiciliazione bollo auto possono aderire tutte le persone fisiche residenti in Lombardia, proprietarie e locatarie di veicoli. Per beneficiare dello sconto pagamento bollo auto Lombardia occorre essere intestatari di un conto corrente presso qualsiasi istituto bancario o postale. La domiciliazione bollo auto Lombardia può essere attivata anche per conto di altri soggetti, come ad esempio coniuge, convivente, figlio o nipote. Il beneficio è esteso anche agli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) di uno dei comuni lombardi. Possono aderire anche le persone giuridiche (anche pubbliche), che risultino titolari per un parco veicolare non superiore a 50 veicoli. In caso di veicolo intestato a più persone, invece, la richiesta di domiciliazione bollo auto deve essere inoltrata dal soggetto indicato per primo sulla carta di circolazione.

Sconti

Dal 2020 chi si avvale della domiciliazione bollo auto per pagare la tassa automobilistica, usufruisce di una riduzione del 15% sull’importo totale. Lo sconto bollo auto equivale, dunque, a quasi due mensilità intere. Chi aveva già la domiciliazione (ottenendo fino al 2019 uno sconto pari al 10%), beneficerà automaticamente della riduzione del 15%. La domiciliazione del bollo prevede ulteriori vantaggi, con una commissione prevista sul pagamento di un euro (le altre modalità prevedono commissioni superiori) e la possibilità di pagare sempre entro la scadenza senza incorrere nelle sanzioni previste per il ritardo pagamento bollo auto.

Bollo auto tramite PagoPA

Bisogna inoltre ricordare che a partire dal 1° gennaio 2020 il bollo auto si paga esclusivamente tramite il PagoPa. Questa variazione non comporta nulla per gli utenti, mentre le agenzie di pratiche auto dovranno allinearsi per recepire il nuovo sistema che mira a ridurre la portata dell’evasione. La Lombardia è l’unica regione che prevede la possibilità di versare il bollo auto tramite Rid, ovvero tramite la domiciliazione bancaria. Per aderire occorre compilare e inoltrare il modulo online presente sull’area personale “Tributi” della Regione Lombardia.

Il pagamento del bollo auto è uno dei tanti obblighi che gravano su ogni automobilista. Se hai bisogno di stipulare la prima assicurazione RC Auto o rinnovare quella in vigore, affidati a noi. Usa il nostro comparatore per visualizzare le migliori offerte delle compagnie online, salva il preventivo gratuito e valutalo in 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE