730/2020: la detrazione assicurazione vita è possibile?

Sottoscrivere un’assicurazione sulla vita conviene anche sotto il profilo fiscale. Se affidarsi a una polizza vita significa salvaguardare sé stessi e i propri cari da ogni imprevisto, anche nel modello 730/2020 è prevista la detrazione assicurazione vita. Scopriamo di cosa si tratta e in che modo portare in detrazione polizze vita.

Detrazione assicurazione vita: cos’è

Le detrazioni delle spese assicurazioni sono quelle spese che possono essere sottratte dalla dichiarazione dei redditi 730 ed ex Unico, con l’obiettivo di ridurre l’imposta IRPEF dei contribuenti. Questa possibilità si applica sui premi assicurativi, ma non per ogni tipo di polizza. Sul fronte delle detrazioni polizze vita ed infortuni bisogna distinguere tra i contratti stipulati entro il 31 dicembre 2000 e quelli sottoscritti o rinnovati dall’1 gennaio 2001. Un’altra distinzione viene fatta per i contratti aventi come oggetto della polizza il rischio morte o invalidità permanente con indice di invalidità superiore al 5% o di non autosufficienza. Nel primo caso (polizze stipulate entro il 31 dicembre 2000), la detrazione polizza vita è pari al 19%, a condizione che la durata del contratto non sia minore di 5 anni e che il contratto non preveda la concessione di prestiti per il periodo di durata minima. Per i contratti stipulati o rinnovati dopo il 1° gennaio 2001, invece, la deducibilità del 19% è prevista solo se il contratto prevede il rischio di morte, oppure il rischio di invalidità superiore al 5% (a prescindere dalla causa), se esiste rischio di non autosufficienza e se non è prevista la possibilità di recesso da parte della compagnia assicurativa.

Detrazione assicurazione vita 730/2020: limiti

Stabilito nel tetto del 19% la detraibilità polizze vita, vediamo a quanto ammonta la detrazione assicurazione vita a seconda della polizza.

  • Premi relativi a rischio morte o invalidità non inferiore al 5% (contratti sottoscritti a partire dal 2001): spesa massima da portare a detrazione pari a 530 euro
  • Premi per rischio di non autosufficienza: spesa massima da portare a detrazione pari a 1.291,14 euro, al netto dei premi pagati per le assicurazioni di rischio morte o invalidità
  • Premio assicurativo finalizzato alla tutela di persone con gravi disabilità: importo da portare in detrazione su un ammontare massimo di 750 euro

Se la polizza contempla sia il rischio di morte ed invalidità, sia il rischio di non autosufficienza, l’importo massimo da detrarre sulla dichiarazione dei redditi da prendere come base per il calcolo è sempre 1.291,14 euro.

Assicurazione vita detrazione: come ottenere

In ogni assicurazione vita si effettua una distinzione riguardante i soggetti coinvolti nel contratto di polizza. Della detrazione assicurazione vita si può beneficiare se:

  • Si è contraente della polizza e nel contempo assicurato
  • Si è contraente della polizza e l’assicurato è un familiare fiscalmente a carico
  • Il contraente è un familiare a carico e riveste anche il ruolo di assicurato

I documenti da presentare per la detrazione assicurazione vita servono a dimostrare l’avvenuto pagamento del premio assicurativo di una polizza vita e infortuno. Serve dunque una copia delle ricevute di pagamento del premio e del contratto di assicurazione. Se hai intenzione di sottoscrivere una polizza vita o vuoi cambiare quella che hai stipulato in passato, affidati al nostro comparatore: ti basteranno pochi istanti per ricevere un preventivo gratuito e affrontare in modo più sereno i rischi quotidiani.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Sanificazione auto: tutto quello che devi sapere

Il tema della sanificazione auto è diventato di dominio pubblico a causa della pandemia da coronavirus. Per gli automobilisti è diventato fondamentale igienizzare in maniera corretta il proprio veicolo. Per contenere il rischio contagio e tornare a viaggiare sicuri. Scopriamo allora la sanificazione auto come funziona e se la procedura con l’ozono funziona davvero. Sanificazione

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE