Denuncia sinistro stradale: 5 cose da sapere

La denuncia sinistro stradale è una formalità obbligatoria per ricevere l’indennizzo assicurativo in caso di incidente. La denuncia di sinistro va presentata utilizzando il Modulo di Constatazione Amichevole (CAI) allegando le prove documentali a proprio favore. In questo modo si facilitano le pratiche e si accorciano i tempi per il risarcimento danni. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere quando si effettua una denuncia di sinistro stradale.

1.     La denuncia sinistro stradale è obbligatoria?

La denuncia sinistro stradale è obbligatoria e mai facoltativa. Va fatta, quindi, anche in caso di incidenti di minima entità o in mancanza di coinvolgimento di altri mezzi. L’articolo 143 del Codice delle Assicurazioni Private stabilisce infatti che “nel caso di sinistro avvenuto tra veicoli a motore per i quali vi sia obbligo di assicurazione, i conducenti dei veicoli coinvolti o, se persone diverse, i rispettivi proprietari sono tenuti a denunciare il sinistro alla propria impresa di assicurazione, avvalendosi del modulo fornito dalla medesima […] In caso di mancata presentazione della denuncia di sinistro si applica l’art. 1915 del Codice Civile per l’omesso avviso di sinistro”.

2.     Come fare la denuncia di sinistro

La denuncia sinistro stradale si effettua servendosi del Modulo Blu di constatazione amichevole. A questo vanno allegate tutte le prove documentali a favore. Se la ricostruzione della dinamica coincide tra i due soggetti ed è firmato da entrambi, la risoluzione ha tempi più brevi. Se, invece, c’è disaccordo o una delle due parti si rifiuta di firmare il CID, è comunque utile compilare il modulo fornendo la propria versione. In assenza di compilazione Modulo Blu è indispensabile fare la denuncia cautelativa sinistro, consistente nella descrizione del sinistro (in forma scritta) da trasmettere alla propria compagnia.

3.     Come si compila il Modulo Blu

Il modulo blu o CAI va compilato inserendo le seguenti informazioni:

  • Data e luogo dell’incidente
  • Nome, cognome e codice fiscale delle parti coinvolte
  • Targhe dei veicoli coinvolti
  • Estremi delle compagnie di assicurazione
  • Descrizione di dinamica e circostanze del sinistro
  • Firma dei conducenti coinvolti

Ogni automobilista coinvolto deve trattenere due copie del Modulo Blu o C.A.I correttamente compilato. Una va trasmessa alla compagnia di assicurazione, l’altra resta in suo possesso. Si può modificare o correggere il modulo solo previo accordo tra le parti e solo congiuntamente su tutte le copie compilate.

4.     Entro quanto va fatta la denuncia sinistro stradale

Il termine denuncia sinistro è di tre giorni da quello in cui si è verificato l’incidente o l’assicurato ne ha avuto conoscenza. Il termine non si applica se la compagnia di assicurazione ha partecipato direttamente alle operazioni di salvataggio o constatazione del sinistro. La denuncia assicurazione, ai sensi dell’art. 1913 Codice Civile, va inviata alla compagnia entro 72 ore.

5.     Cosa succede in caso di omessa denuncia

Se non si effettua la denuncia sinistro stradale si rischia di perdere o vedersi ridotta l’indennità assicurativa. Ciò non avviene però automaticamente. In ogni caso, infatti, la compagnia assicurativa è tenuta a dimostrare di essere stata danneggiata da una mancata o tardiva denuncia. Se questo non avviene, l’assicurato può pretendere il risarcimento completo.

Essere in regola con l’assicurazione è fondamentale per ottenere l’indennizzo in tempi rapidi. Scegli noi per risparmiare sulla tua prossima assicurazione RC Auto. Confronta le offerte assicurazione auto delle migliori compagnie online, ricevi un preventivo gratuito e convalidalo entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE