Deducibilità assicurazione auto: cosa devi sapere

Il tema della deducibilità assicurazione auto è tra i più dibattuti degli ultimi anni. Le regole per ottenere la detrazione assicurazione auto sono infatti cambiate nel 2014 e hanno penalizzato i contraenti. Vediamo dunque come funziona il 730 assicurazione auto e quali spese si possono portare in detrazione.

Deducibilità assicurazione auto

La deducibilità assicurazione auto non è prevista nella dichiarazione dei redditi 2020. A partire dal 2014, infatti, non è più possibile detrarre dal Modello 730 o Unico il contributo ssn RC Auto. L’entrata in vigore del Decreto Legge 102/2013, dal 1° gennaio 2014, ha sancito l’indeducibilità della quota contributiva al Servizio Sanitario Nazionale. Già dalla dichiarazione dei redditi del 2015, quindi, nessuna voce di spesa della polizza Rc Auto è più deducibile.

730 assicurazione auto: cosa si può detrarre

Fino al 2014 la deducibilità assicurazione auto era dunque limitata alla quota della polizza garantita e versata al Sistema Sanitario Nazionale. La detrazione si applicava esclusivamente ad importi superiori a 40 euro, sulla cifra eccedente. Da allora, invece, si è stabilito che il contributo SSN calcolato sui premi delle assicurazioni dei veicoli e dei natanti non è più deducibile. Cosa si può portare in detrazione da allora? Tolto il contributo SSN, è ancora possibile risparmiare qualcosa in merito all’assicurazione auto…

Polizza infortuni detraibile

Stabilita l’impossibilità di beneficiare della deducibilità assicurazione auto ormai da qualche anno, esiste ancora un modo per rientrare delle spese sostenute per la polizza RCA. Per legge è ancora possibile detrarre al 19% la polizza infortuni, ovvero una delle garanzie accessorie della copertura obbligatoria. L’assicurazione infortuni è quella che permette di coprire i danni fisici riportati dal guidatore in caso di sinistro con colpa.

Come detrarre assicurazione infortuni

Possono ottenere la detrazione del 19% soltanto le polizze sottoscritte o rinnovate entro il 31 dicembre 2000. La loro durata non deve essere inferiore a 5 anni e il contratto deve includere una clausola che escluda la concessione di prestiti nel periodo della suddetta durata. La polizza infortuni è detraibile nella cifra massima di 530 euro, anche in presenza di più contratti assicurativi e se i premi sono stati pagati da compagnie estere. Inoltre contraente e assicurato devono coincidere, a prescindere dal beneficiario. La detrazione è prevista anche se l’assicurato è un familiare a carico del contraente e se il contraente è un familiare a carico e l’assicurato è il dichiarante.

In seguito all’emergenza Covid-19 il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi 730/2020 è stato posticipato dal 23 luglio al 30 settembre 2020. Superata tale data sarà obbligatorio ricorrere al modello Redditi. Il 730/2020 può essere presentato al CAF o al professionista abilitato oppure telematicamente all’Agenzia delle Entrate.

L’assicurazione auto è obbligatoria per ogni automobilista. Per risparmiare sulla polizza RCA affidati a Quale.it. Confronta le proposte delle migliori assicurazioni auto online e trova quella su misura per te. Compila gratuitamente il form e ricevi subito le quotazioni delle compagnie assicurative più importanti sul mercato. Salva sul tuo pc tutti i preventivi di cui hai bisogno per fare la tua scelta: resteranno validi per 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE