Decurtazione punti patente: guida senza cintura

Mettersi alla guida è un’attività che non va sottovalutata. Anche per brevi distanze e per tragitti sicuri, è sempre fondamentale attenersi al buon senso e alle regole del Codice della Strada. La cintura di sicurezza è un dispositivo che negli ultimi anni è diventato obbligatorio e che rappresenta un aiuto importantissimo anche per piccoli tamponamenti. Nel 2016, un’indagine Ania ha evidenziato che il 21% degli italiani non utilizza le cinture di sicurezza, raggiungendo addirittura il 50% per i passeggeri dei sedili posteriori. Questo dato è allarmante e in aumento. Scopriamo cosa si rischia per guida senza cintura di sicurezza.

Guida senza cintura: il Codice della Strada

L’articolo 172 del Codice della Strada, “Uso cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta per bambini”, impone l’obbligo delle cinture di sicurezza per tutti i passeggeri in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 m, inoltre, devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso.

Non solo, l’articolo in questione prevede sanzioni amministrative anche per:

  • Cintura di sicurezza allacciata male
  • Cintura di sicurezza alterata o non correttamente funzionante
  • Cintura di sicurezza non omologata

Multa senza cintura: quanto costa la guida senza cinture

La multa per la cintura di sicura è salata, perché si parla di un dispositivo di sicurezza di importanza vitale anche in tragitti urbani, brevi e considerati sicuri. Inoltre, l’obbligo dell’uso cintura di sicurezza è esteso a tutti i passeggeri e non solo al conducente. La sanzione amministrativa, cioè la multa per guida senza cintura, è pari a una somma che va da 83 euro a 333 euro. Al pagamento della multa, si aggiunge la decurtazione di 5 punti patente se la persona senza cintura è il conducente stesso o un minore sotto la sua vigilanza. La decurtazione dei punti patente aumenta a 10 punti se il guidatore è un neopatentato. Chi inoltre viene fermato per guida senza cintura per almeno due volte, in un periodo di due anni, si aggiunge la sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

Inoltre, la multa non va solo a chi guida, ma anche a chi altera o ostacola il normale funzionamento dei dispositivi di sicurezza o di ritenuta per bambini: si paga una somma da 40 euro a 162 euro.

Guida senza cintura: chi è esente dall’obbligo

Esistono alcune eccezioni: categorie di persone che sono esentate dall’obbligo di uso delle cinture di sicurezza:

  • Forze di polizia nell’espletamento di un servizio di emergenza
  • Conducenti e addetti dei veicoli del servizio antincendio e sanitario in caso di intervento di emergenza
  • Conducenti dei veicoli con allestimenti specifici per  la raccolta e per il trasporto di rifiuti e dei veicoli ad uso speciale, quando sono impiegati in attività di igiene  ambientale nell’ambito dei centri abitati
  • Appartenenti ai servizi di vigilanza privati regolarmente riconosciuti che effettuano scorte
  • Persone che risultino, sulla base di certificazione rilasciata dalla Asl, affette da patologie particolari o che presentino condizioni fisiche che costituiscono controindicazione specifica all’uso dei dispositivi di ritenuta
  • Donne incinte sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza
  • Forze armate nell’espletamento di attività istituzionali nelle situazioni di emergenza.

La macchina è un mezzo speciale, che ci garantisce autonomia e libertà, ma senza dimenticare mai la sicurezza. Trova l’assicurazione RCA auto migliore per la tua famiglia e comincia a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE