Decurtazione punti patente: guida senza cintura

Mettersi alla guida è un’attività che non va sottovalutata. Anche per brevi distanze e per tragitti sicuri, è sempre fondamentale attenersi al buon senso e alle regole del Codice della Strada. La cintura di sicurezza è un dispositivo che negli ultimi anni è diventato obbligatorio e che rappresenta un aiuto importantissimo anche per piccoli tamponamenti. Nel 2016, un’indagine Ania ha evidenziato che il 21% degli italiani non utilizza le cinture di sicurezza, raggiungendo addirittura il 50% per i passeggeri dei sedili posteriori. Questo dato è allarmante e in aumento. Scopriamo cosa si rischia per guida senza cintura di sicurezza.

Guida senza cintura: il Codice della Strada

L’articolo 172 del Codice della Strada, “Uso cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta per bambini”, impone l’obbligo delle cinture di sicurezza per tutti i passeggeri in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 m, inoltre, devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso.

Non solo, l’articolo in questione prevede sanzioni amministrative anche per:

  • Cintura di sicurezza allacciata male
  • Cintura di sicurezza alterata o non correttamente funzionante
  • Cintura di sicurezza non omologata

Multa senza cintura: quanto costa la guida senza cinture

La multa per la cintura di sicura è salata, perché si parla di un dispositivo di sicurezza di importanza vitale anche in tragitti urbani, brevi e considerati sicuri. Inoltre, l’obbligo dell’uso cintura di sicurezza è esteso a tutti i passeggeri e non solo al conducente. La sanzione amministrativa, cioè la multa per guida senza cintura, è pari a una somma che va da 83 euro a 333 euro. Al pagamento della multa, si aggiunge la decurtazione di 5 punti patente se la persona senza cintura è il conducente stesso o un minore sotto la sua vigilanza. La decurtazione dei punti patente aumenta a 10 punti se il guidatore è un neopatentato. Chi inoltre viene fermato per guida senza cintura per almeno due volte, in un periodo di due anni, si aggiunge la sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

Inoltre, la multa non va solo a chi guida, ma anche a chi altera o ostacola il normale funzionamento dei dispositivi di sicurezza o di ritenuta per bambini: si paga una somma da 40 euro a 162 euro.

Guida senza cintura: chi è esente dall’obbligo

Esistono alcune eccezioni: categorie di persone che sono esentate dall’obbligo di uso delle cinture di sicurezza:

  • Forze di polizia nell’espletamento di un servizio di emergenza
  • Conducenti e addetti dei veicoli del servizio antincendio e sanitario in caso di intervento di emergenza
  • Conducenti dei veicoli con allestimenti specifici per  la raccolta e per il trasporto di rifiuti e dei veicoli ad uso speciale, quando sono impiegati in attività di igiene  ambientale nell’ambito dei centri abitati
  • Appartenenti ai servizi di vigilanza privati regolarmente riconosciuti che effettuano scorte
  • Persone che risultino, sulla base di certificazione rilasciata dalla Asl, affette da patologie particolari o che presentino condizioni fisiche che costituiscono controindicazione specifica all’uso dei dispositivi di ritenuta
  • Donne incinte sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza
  • Forze armate nell’espletamento di attività istituzionali nelle situazioni di emergenza.

La macchina è un mezzo speciale, che ci garantisce autonomia e libertà, ma senza dimenticare mai la sicurezza. Trova l’assicurazione RCA auto migliore per la tua famiglia e comincia a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE