Decurtazione punti patente: guida contromano

Si parla di guida contromano ogni volta che si invade la corsia riservata all’altro senso di direzione su un’arteria di scorrimento a doppio senso. Questa condotta, volontaria o involontaria che sia, è pericolosa per chi la pone in essere e per gli altri utenti della strada.  La circolazione contromano è fonte di incidenti e punita con sanzioni. Oltre alle multe, è prevista anche la decurtazione dei punti patente.

Guida contromano e guida controsenso: differenze

Il Codice della Strada distingue tra contromano e controsenso. Procedere contromano significa impegnare il senso di marcia opposto in una carreggiata con due sensi di marcia. Guidare contromano presuppone la presenza di una carreggiata con almeno due corsie. Chi lo fa, quindi, percorre la corsia opposta e non la propria. Procede invece controsenso chi imbocca un senso unico al contrario, ovvero non rispetta il segnale di divieto di accesso. In questo caso, a differenza della guida contromano, non è prevista la sottrazione dei punti patente.

Senso vietato: sanzioni

Per “mano” si intende la direzione di marcia. Chi commette questa infrazione ha una sola direzione di marcia e la imbocca in senso sbagliato. La multa prevista dal CdS per questo genere di infrazione va da 41 euro (se commesso in centro abitato) a 84 euro, se l’errore viene commesso fuori da un centro urbano. In nessun caso è prevista la decurtazione punti patente.

Circolazione contromano: cosa si rischia

La guida contromano aumenta il rischio di causare incidenti gravi. Il contromano cds è disciplinato dall’articolo 143. Questi, ai comma 1, 4 e 5, stabilisce che: “I veicoli devono circolare sulla parte destra della carreggiata e in prossimità del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera […] Quando una strada è divisa in due carreggiate separate, si deve percorrere quella di destra; quando è divisa in tre carreggiate separate, si deve percorrere quella di destra o quella centrale, salvo diversa segnalazione […] Salvo diversa segnalazione, quando una carreggiata è a due o più corsie per senso di marcia, si deve percorrere la corsia più libera a destra; la corsia o le corsie di sinistra sono riservate al sorpasso”.

Il comma 11 dispone anche la multa per contromano: chiunque circoli contromano è soggetto alla sanzione amministrativa da euro 162 a euro 646.  La sanzione contromano aumenta se questa condotta avviene in corrispondenza delle curve, dei raccordi convessi o con limitata visibilità. La multa passa da un minimo di 321 a un massimo di 1.283 euro e si è sottoposti alla sospensione della patente da uno a tre mesi. In caso di recidività nell’arco dei 24 mesi successivi, la sospensione va da due a sei mesi e la patente viene ritirata.

Guida contromano: punti patente

Per chiunque violi l’art 143 comma 11 Cds è disposta la sanzione accessoria della decurtazione di quattro punti patente. Circolare contromano in corrispondenza di dossi o curve, in condizioni di scarsa visibilità o quando la strada è divisa in più carreggiate separate (circolare contromano su autostrade o strade extraurbane principali), comporta invece la sottrazione di 10 punti patente. Si è quindi soggetti alla massima decurtazione punti patente prevista dal Codice della Strada, come disposto dal art. 143, comma 12°, C.d.s..

Rimanere coinvolti in un sinistro stradale è un inconveniente che può capitare anche all’automobilista più esperto. Rispettare il Codice della Strada e gli obblighi annessi quando si prende la patente, è il modo migliore per prevenire il rischio. Tra i doveri di ogni guidatore rientra anche la sottoscrizione di un’assicurazione auto. Per trovare la migliore offerta RC auto è possibile consultare il nostro comparatore. Inserendo pochi dati, relativi al veicolo e al conducente, si riceverà un preventivo gratuito che resta valido per i 60 giorni fornendo tutto il tempo per essere valutato prima della sua convalida.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto Familiare: come funziona il Malus

La RC Auto Familiare è la novità più interessante del 2020 nel panorama delle assicurazioni. Pur non trattandosi di una nuova legge assicurazione auto, questo provvedimento amplia i benefici della Legge Bersani RCA sul fronte della classe di merito. Scopriamo come funziona la classe Bonus Malus della Rca familiare e quando scatta il Malus. Come

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE