Danno da fermo tecnico: come si calcola, prova e risarcimento

Danno da fermo tecnico: come si calcola, prova e risarcimento

Restare coinvolti in un incidente stradale è l’incubo di qualsiasi automobilista. Anche se si è tra i più fortunati, e non si va incontro a lesioni fisiche, gli inconvenienti sono sempre dietro l’angolo. Con buona pace del tempo a disposizione. Impantanati tra verbali, referti, assicurazioni e incartamenti di vario genere, può capitare di dover fare a meno del bene più prezioso: l’automobile. Non sono infatti rari i casi in cui il nostro mezzo non sia immediatamente utilizzabile dopo un sinistro. Se nella migliore delle ipotesi ci si può salvare in corner con un’auto sostitutiva, non bisogna dimenticare i problemi connessi. Tra questi rientra il danno da fermo tecnico. Vi spieghiamo in breve di cosa si tratta.

Cos’è il danno da fermo tecnico

Per danno da fermo tecnico si intende il pregiudizio economico subito dal proprietario del veicolo danneggiato derivante dall’impossibilità di utilizzarlo per il lasso di tempo necessario alla sua riparazione, a causa di un illecito altrui. Volendo tradurre in maniera ancora più elementare il concetto, possiamo considerarlo il danno derivante dalla mancata possibilità di utilizzare la macchina a causa di un incidente nel quale si è parte lesa. Anche durante la sosta forzata, infatti, il veicolo è soggetto a costi di gestione che il proprietario deve sostenere. Tra questi si possono annoverare.

A contribuire alla determinazione dell’entità del danno concorrono altri fattori quali il noleggio di un veicolo sostitutivo(se non previsto dalla polizza RC Auto), l’uso di mezzi pubblici o di un taxi, i costi di deposito.

Quantificazione del danno

I fattori da raggruppare per calcolare il danno da fermo tecnico sono i seguenti.

  •         Costo giornaliero: tiene in considerazione la giornata lavorativa del proprietario (attività e posto in cui vive), cilindrata, potenza, modello e classe del veicolo incidentato
  •         Giorni: vengono calcolati sulle 8 ore lavorative e non sulle 24 della giornata
  •         Ore in cui il veicolo è soggetto alla riparazione
  •         Eventuale costo di noleggio di un veicolo simile

La prova del danno

Come recentemente ricordato dalla Corte di Cassazione, attraverso la sentenza n. 13718/2017, chi invoca il risarcimento è sempre tenuto a provare il danno subito. Questo deve essere allegato e dimostrato e la prova non può avere come oggetto la mera indisponibilità del veicolo. Si deve, in concreto, dimostrare la spesa sostenuta per ottenere un mezzo sostitutivo (danno emergente) o, in alternativa, dimostrare la perdita economica derivante dalla rinuncia forzata al mezzo (lucro cessante).

Per limitare il contraccolpo derivante da un sinistro, ti consigliamo di affidarti a polizze RC Auto che includano la possibilità di disporre dell’auto sostitutiva. Sul nostro sito potrai consultare le proposte delle compagnie che offrono questa soluzione e valutare quella più congeniale a te. Potrai decidere in tutta tranquillità: il preventivo gratuito resterà infatti valido per ben 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione sanitaria viaggio obbligatoria: dove?

In quali paesi è obbligatoria l’assicurazione sanitaria? Come ci si regola prima di intraprendere un viaggio, magari lontano dall’Italia? Di solito ognuno decide in base alla propria coscienza. Che si viaggi in Italia, con bambini (leggi subito la nostra guida alle assicurazioni viaggi con bambini), da soli o all’estero, solitamente non ci sono obblighi di

CONTINUA A LEGGERE

Iscrizione ASI: quanto costa nel 2019 e vantaggi

I possessori di un’auto storica possono richiedere anche nel 2019 l’iscrizione ASI. L’Automotoclub Storico Italiano è l’ente federale che sostiene e tutela la motorizzazione storica in Italia. Tra le sue mansioni c’è quella di rilasciare certificati che attestano caratteristiche di storicità e autenticità dei veicoli. Appartenere al registro auto storiche dà diritto a molti vantaggi,

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE

Patente speciale: come richiedere, dove rinnovare

I soggetti affetti da disabilità (dalla nascita, per incidente o malattia) hanno diritto a guidare l’auto? La risposta è affermativa, purché siano in possesso di una patente auto speciale. Questo titolo di guida ha un iter identico a quello della normale patente b auto. Propedeutico al suo ottenimento è il superamento di esami di teoria

CONTINUA A LEGGERE

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE