Danno da fermo tecnico: come si calcola, prova e risarcimento

Danno da fermo tecnico: come si calcola, prova e risarcimento

Restare coinvolti in un incidente stradale è l’incubo di qualsiasi automobilista. Anche se si è tra i più fortunati, e non si va incontro a lesioni fisiche, gli inconvenienti sono sempre dietro l’angolo. Con buona pace del tempo a disposizione. Impantanati tra verbali, referti, assicurazioni e incartamenti di vario genere, può capitare di dover fare a meno del bene più prezioso: l’automobile. Non sono infatti rari i casi in cui il nostro mezzo non sia immediatamente utilizzabile dopo un sinistro. Se nella migliore delle ipotesi ci si può salvare in corner con un’auto sostitutiva, non bisogna dimenticare i problemi connessi. Tra questi rientra il danno da fermo tecnico. Vi spieghiamo in breve di cosa si tratta.

Cos’è il danno da fermo tecnico

Per danno da fermo tecnico si intende il pregiudizio economico subito dal proprietario del veicolo danneggiato derivante dall’impossibilità di utilizzarlo per il lasso di tempo necessario alla sua riparazione, a causa di un illecito altrui. Volendo tradurre in maniera ancora più elementare il concetto, possiamo considerarlo il danno derivante dalla mancata possibilità di utilizzare la macchina a causa di un incidente nel quale si è parte lesa. Anche durante la sosta forzata, infatti, il veicolo è soggetto a costi di gestione che il proprietario deve sostenere. Tra questi si possono annoverare.

A contribuire alla determinazione dell’entità del danno concorrono altri fattori quali il noleggio di un veicolo sostitutivo(se non previsto dalla polizza RC Auto), l’uso di mezzi pubblici o di un taxi, i costi di deposito.

Quantificazione del danno

I fattori da raggruppare per calcolare il danno da fermo tecnico sono i seguenti.

  •         Costo giornaliero: tiene in considerazione la giornata lavorativa del proprietario (attività e posto in cui vive), cilindrata, potenza, modello e classe del veicolo incidentato
  •         Giorni: vengono calcolati sulle 8 ore lavorative e non sulle 24 della giornata
  •         Ore in cui il veicolo è soggetto alla riparazione
  •         Eventuale costo di noleggio di un veicolo simile

La prova del danno

Come recentemente ricordato dalla Corte di Cassazione, attraverso la sentenza n. 13718/2017, chi invoca il risarcimento è sempre tenuto a provare il danno subito. Questo deve essere allegato e dimostrato e la prova non può avere come oggetto la mera indisponibilità del veicolo. Si deve, in concreto, dimostrare la spesa sostenuta per ottenere un mezzo sostitutivo (danno emergente) o, in alternativa, dimostrare la perdita economica derivante dalla rinuncia forzata al mezzo (lucro cessante).

Per limitare il contraccolpo derivante da un sinistro, ti consigliamo di affidarti a polizze RC Auto che includano la possibilità di disporre dell’auto sostitutiva. Sul nostro sito potrai consultare le proposte delle compagnie che offrono questa soluzione e valutare quella più congeniale a te. Potrai decidere in tutta tranquillità: il preventivo gratuito resterà infatti valido per ben 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE