Coronavirus, le scadenze auto da ricordare dopo la quarantena

L’emergenza Coronavirus ha costretto gli automobilisti italiani a tenere spenti i motori per diverse settimane e suggerito al Governo di prorogare i termini scadenze auto. Col lockdown durato da marzo a maggio, gli unici spostamenti concessi sono stati quelli per necessità. Dal 4 maggio oltre 4 milioni di italiani sono tornati al lavoro, ma in tutta la penisola sono rimaste rigide disposizioni sul tema degli spostamenti. Quali sono state le scadenze auto rinviate e cosa bisogna controllare per tornare a viaggiare sicuri dopo la quarantena?

Scadenze auto: patente e foglio rosa

“Fornisca patente e libretto”. Il primo documento che viene richiesto quando si viene controllati dalle Forze dell’Ordine è il titolo di guida. Il DL 18/2020 (Decreto Cura Italia), convertito nella Legge 27/2020 del 24 aprile 2020, ha prorogato la validità della patente fino al 31 agosto 2020. La proroga è valida per le patenti scadute dopo il 31 gennaio. Quindi se la nostra patente è scaduta prima di questa data, prima di tornare in marcia è obbligatorio provvedere al rinnovo. Chi non ha potuto sostenere l’esame di guida ma è in possesso del foglio rosa, invece, ha visto estendere la validità fino al 30 giugno 2020.

Scadenze auto: assicurazione RCA

Tra le scadenze auto da ricordare entra a pieno titolo l’assicurazione. Le novità sul tema da ricordare sono due. Per i contratti in scadenza entro il 31 luglio è previsto il raddoppio del periodo di tolleranza, da 15 a 30 giorni. A partire dalla data di scadenza della polizza auto, quindi, il veicolo continuerà ad essere coperto per un mese successivo alla scadenza. Dal 24 aprile e fino al 31 luglio è inoltre possibile sospendere, senza costi aggiuntivi, l’assicurazione auto. Il numero di giorni della sospensione verranno sommati, a partire dalla riattivazione, alla data di scadenza della polizza. Se si aderisce a questa misura, però, non si può circolare né lasciare l’auto in sosta su strada pubblica.

Scadenze auto: revisione

Un’altra scadenza auto da non trascurare riguarda la revisione. Il controllo periodico del veicolo va effettuato a quattro anni dalla prima immatricolazione e poi ogni due anni. Il Decreto Cura Italia ha sancito che i veicoli con revisione scaduta dopo il 17 marzo o con scadenza entro il 31 luglio possono continuare a circolare fino al 31 ottobre. La proroga per revisioni riguarda auto e moto immatricolati tra marzo e luglio 2016 o che abbiano effettuato l’ultima revisione tra marzo e luglio 2018.

Scadenze auto: bollo

Il pagamento del bollo auto non rientra invece tra le scadenze auto rinviate dal Governo. In questo caso, trattandosi però di una tassa a favore delle regioni, sono state le singole amministrazioni a differire il pagamento. Nello specifico Piemonte e Toscana hanno sospeso i versamenti in scadenza tra 1 marzo e 31 maggio posticipando il pagamento entro il 30 giugno. Scadenza fissata al 30 giugno anche per Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Umbria e Veneto, ma qui le sospensioni riguardano periodi diversi e non sempre fino al 31 maggio. Abruzzo e Marche, infine, hanno optato per una maglia più larga, con pagamento entro il 31 luglio. In Abruzzo la sospensione riguarda il periodo 8 marzo 31 maggio, nelle Marche dall’8 marzo al 30 giugno.

Scadenze auto: pneumatici

L’obbligo di sostituzione pneumatici invernali è stato invece procrastinato fino al 15 giugno. Si è sottoposti all’obbligo soltanto se l’indice di velocità degli pneumatici che si montano al momento è inferiore rispetto a quello riportato sulla carta di circolazione. Per tornare a viaggiare sicuri è importante verificare lo stato di usura e la pressione delle gomme auto e dei liquidi.

Per sottoscrivere o rinnovare la tua polizza auto, invece, affidati a noi. Confronta le migliori offerte assicurazioni auto online ed inizia subito a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Rottamazione moto: come fare, costi

La rottamazione moto è una procedura obbligatoria quando si decide di dismettere un veicolo. I modi per demolire una moto sono sostanzialmente due: se la demolizione è propedeutica all’acquisto di un nuovo mezzo, si può beneficiare dell’Ecobonus moto. Scopriamo allora cosa fare per rottamare moto, quali sono i costi da sostenere e come usufruire dell’Ecobonus.

CONTINUA A LEGGERE

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE