Coronavirus: nuove regole per la copertura assicurativa dopo la scadenza

L’emergenza Coronavirus modifica i termini della copertura assicurativa dopo la scadenza. Tra le misure inserite nel decreto Cura Italia, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2020, ce n’è una che riguarda l’assicurazione scaduta. L’esplosione della Covid-19, che ha reso necessario l’intervento del Governo a più livelli, non comporta invece la sospensione assicurazione. Il premio assicurativo, al contrario delle prime indiscrezioni, non viene congelato né sospeso e andrà sempre pagato. Scopriamo allora quali sono le novità normative, a che periodo fanno riferimento e cosa comportano.

Copertura assicurazione scaduta: cosa cambia

L’unica modifica introdotta dal decreto Cura Italia riguarda quindi la scadenza assicurazione 15 giorni. L’articolo 125 stabilisce infatti l’allungamento da 15 a 30 giorni del periodo durante il quale l’RC Auto resta valida per i contratti fino al 31 luglio. La tolleranza assicurativa, dunque, raddoppia. Una volta scaduti i termini previsti dal contratto, il contraente è coperto per 30 giorni anziché 15. A fare chiarezza sulla copertura assicurativa dopo la scadenza è l’art 125, comma 2: “Fino al 31 luglio 2020, il termine di cui all’articolo 170-bis, comma 1, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n.209, entro cui l’impresa di assicurazione è tenuta a mantenere operante la garanzia prestata con il contratto assicurativo fino all’effetto della nuova polizza, è prorogato di ulteriori quindici giorni”.

Inoltre (comma 3) “fino al 31 luglio 2020, i termini di cui all’art. 148, commi 1 e 2 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n.209, per la formulazione dell’offerta o della motivata contestazione, nei casi di necessario intervento di un perito o del medico legale ai fini della valutazione del danno alle cose o alle persone, sono prorogati di ulteriori 60 giorni”. Vediamo nel dettaglio come cambia la copertura assicurativa dopo scadenza e quale tipo di garanzie include.

Copertura assicurativa dopo la scadenza: cosa copre?

La copertura assicurativa dopo la scadenza vale solo per la RC obbligatoria. Se il premio non viene pagato, quindi, non valgono le eventuali garanzie accessorie stipulate. Pagando regolarmente entro i 30 giorni di tolleranza, invece, il contraente può decidere se rinnovare con la stessa compagnia o cambiarla. Nel primo caso la polizza ha come decorrenza la scadenza di quella originaria. Nel secondo la polizza decorre dal momento del pagamento e gli eventuali sinistri occorsi nel periodo compreso fra la scadenza della vecchia copertura e l’attivazione della nuova sono a carico della prima compagnia. La condizione per non incorrere in sanzioni, tuttavia, è che la sottoscrizione della nuova polizza avvenga comunque entro, e non oltre, il periodo di tolleranza di 30 giorni.

In attesa di capire cosa accadrà dopo il 31 luglio 2020 e se l’emergenza Coronavirus determinerà ulteriori novità in campo assicurativo, affidati a noi per risparmiare. Utilizza il nostro comparatore per confrontare le quotazioni delle migliori compagnie RC Auto e moto online. Genera tutti i preventivi che vuoi, salvali sul tuo pc e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto Familiare: come funziona il Malus

La RC Auto Familiare è la novità più interessante del 2020 nel panorama delle assicurazioni. Pur non trattandosi di una nuova legge assicurazione auto, questo provvedimento amplia i benefici della Legge Bersani RCA sul fronte della classe di merito. Scopriamo come funziona la classe Bonus Malus della Rca familiare e quando scatta il Malus. Come

CONTINUA A LEGGERE

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

La polizza cristalli è una garanzia accessoria dell’assicurazione Rc Auto che serve a coprire i danni ai vetri. Le compagnie assicurative offrono la possibilità di stipulare l’assicurazione cristalli a parte oppure abbinandole ad altre polizze. Quando è utile sottoscrivere la polizza cristalli auto, cosa copre e cosa non copre questa clausola accessoria? Polizza cristalli: cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni incidente stradale: come fare, come si calcola

Ottenere il risarcimento danni incidente stradale è un’operazione a più fasi. Quando si resta coinvolti in un sinistro è fondamentale sapere come muoversi. Quando presentare richiesta risarcimento danni assicurazione? E, soprattutto, come fare il calcolo risarcimento incidente stradale? Scopriamo la procedura da seguire e quali sono le tabelle da consultare per conteggiare l’indennizzo. Risarcimento danni

CONTINUA A LEGGERE