Coronavirus, tutte le proroghe per le scadenze auto

Le misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza Covid-19, introdotte dal D.L. 18/2020 convertito nella Legge 27/2020, riguardano anche le scadenze auto. Dal 24 aprile 2020 si applicano infatti le direttive contenute nel Decreto Cura Italia. Alcune di queste riguardano gli automobilisti e la possibilità di procrastinare controlli e pagamenti relativi ai loro veicoli. Scopriamo di quali si tratta.

1.     Assicurazione auto: sospensione RCA e periodo di tolleranza

Sul fronte assicurativo si registrano due novità riguardanti le scadenze auto. L’articolo 125 del D.L. 18/2020 prolunga di ulteriori 15 giorni, fino al 31 luglio 2020, il periodo di mora. Per i contratti di assicurazione auto scaduti e non rinnovati e per quelli che scadono tra il 21 febbraio e il 31 luglio 2020, relativamente alla Responsabilità Civile, si potrà circolare per 30 giorni anziché per 15 con la copertura ancora attiva. Vengono inoltre allungati di 60 giorni i termini del risarcimento del danno. Va inoltre segnalata la possibilità di beneficiare della sospensione RC Auto. Gli interessati possono sospendere gratuitamente la polizza fino al 31 luglio 2020 e i giorni di sospensione vanno ad aggiungersi alla data originaria di scadenza. Durante il periodo in cui la polizza auto è sospesa, però, non si può circolare e il veicolo deve essere custodito in un’area privata.

2.     Revisione auto: proroga al 31 ottobre 2020

Tra le scadenze auto che hanno generato maggiore dibattito c’è quella riguardante la revisione. L’articolo 97 comma 4 del Decreto Cura Italia introduce lo slittamento al 31 ottobre per la scadenza dei veicoli da revisionare entro il 31 luglio. Pertanto le auto con scadenza del controllo periodico (quattro anni dopo la prima immatricolazione, successivamente a cadenza biennale) compresa tra marzo e luglio 2020 possono circolare fino a fine ottobre senza incorrere nelle sanzioni previste dal Codice della Strada. In tutti gli altri casi in cui si circola con revisione scaduta, si è soggetti a una multa da 159 a 639 euro.

3.     Patente auto prorogata fino al 15 giugno 2020

Tra le scadenze auto oggetto di proroga c’è anche la patente: “I certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020. In questo caso le patenti in scadenza o scadute dalla fine di gennaio 2020 vanno considerate valide fino a metà giugno. Per quanto riguarda esercitazioni ed esami pratici, vige la sospensione per mancata garanzia del rispetto della distanza interpersonale minima. Gli esami teorici possono invece essere svolti oltre il normale termine di sei mesi dalla presentazione della domanda entro il 30 giugno 2020. I fogli rosa che sarebbero scaduti tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2020 vedono la loro validità prorogata fino al 30 giugno 2020.

4.     Proroga bollo auto: decidono le Regioni

La sospensione del bollo auto non è invece oggetto del Decreto Cura Italia. Alcune regioni hanno tuttavia deciso di differire il pagamento, rinviando la scadenza del versamento della tassa di proprietà. La sospensione riguarda nella quasi totalità dei casi il periodo compreso tra marzo e maggio 2020. Il pagamento può essere effettuato entro fine giugno, ma alcune regioni come Abruzzo e Marche hanno allungato ulteriormente i termini fino al 31 luglio 2020. Per saperne di più è opportuno consultare il sito dell’ACI e controllare le informazioni riportate sui siti istituzionali delle regioni.

Per restare aggiornato sulla proroga scadenze auto e rinnovare la tua assicurazione RC Auto, visita il nostro sito. Confronta i preventivi delle migliori compagnie assicurative online e inizia subito a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE