Coronavirus, come ottenere la sospensione rate prestiti

Per le famiglie finite in difficoltà economiche a causa dell’emergenza Coronavirus sarà possibile ottenere la sospensione rate prestiti. Se la sospensione rate mutui è prevista dalla Legge 27/2020 (Decreto Cura Italia), la possibilità di sospendere i finanziamenti non è stata promossa dal Governo. A firmare il protocollo d’intesa sono state ABI (Associazione bancaria italiana) e Assofin (Associazione dei principali operatori, bancari e finanziari, del credito al consumo e immobiliare) in accordo con le associazioni dei consumatori. Vediamo quali sono i requisiti, come funziona e come richiedere la sospensione rate prestito.

Sospensione rate prestiti: come funziona

La sospensione rate prestito è richiedibile per un massimo di 12 mesi, per prestito di ogni tipo. La procedura sarà applicata dalle banche e finanziarie che hanno aderito all’accordo. Alla data del 7 maggio 2020 risultano essere 43 gli istituti di credito aderenti. La condizione da rispettare per poter ottenere la sospensione rate prestito è che il finanziamento sia stato erogato prima del 31 gennaio 2020. La sospensione rate finanziamento è prevista per un massimo di 12 mesi e riguarda soltanto la quota capitale delle rate. Ciò significa che nel periodo di sospensione il cliente è sempre e comunque tenuto a pagare la quota interessi prevista. Una volta terminata la sospensione, la durata del piano di ammortamento viene prolungata per il periodo equivalente alla sospensione.

Sospensione rate: chi può richiederla

Si può richiedere la sospensione rate per tutti i mutui non coperti dal Fondo solidarietà, ovvero i prestiti rateali (finalizzati, personali o di consolidamento) erogati prima del 31 gennaio e i mutui ipotecari con ipoteca su immobili non di lusso erogati prima della medesima data. Rientrano in questa casistica i mutui per acquistare la seconda casa o per la ristrutturazione. Sono comprese nella sospensione anche eventuali rate non pagate a partire dal 1° febbraio 2020. In nessun caso l’istituto di credito può applicare interessi di mora o commissioni.

Condizioni sospensione rate

La sospensione finanziamento è vincolata alla presenza, nei due anni precedenti alla richiesta, di almeno una delle seguenti condizioni:

  • Sospensione o riduzione dell’orario lavorativo per almeno 30 giorni consecutivi
  • Morte o condizioni di non autosufficienza
  • Cessazione del rapporto di lavoro subordinato
  • Cessazione del rapporto di collaborazione coordinata continuativa, di lavoro basato su rapporto di agenzia o rappresentanza commerciale
  • Per liberi professionisti iscritti a un albo o ordine e lavoratori autonomi, autocertificazione della riduzione del fatturato superiore al 33%, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, rispetto a quanto fatturato nell’ultimo trimestre 2019

Esclusioni

Non si può beneficiare della sospensione rate qualora si sia perso il lavoro per giusta causa o ci si sia dimessi. Sono escluse dal beneficio anche le cessioni del quinto, i finanziamenti che hanno già beneficiato di agevolazioni pubbliche, quelli con credito deteriorato o con rate non pagate al 31 gennaio 2020, i mutui ipotecari con ipoteche iscritte su immobili di lusso e finanziamenti con assicurazione che copra lo stesso rischio coperto dall’accordo ABI-Assofin.

Sospensione rate prestiti: come richiedere

Per ottenere la sospensione rate bisogna essere in possesso dei requisiti e presentare la domanda all’istituto di credito presso cui si ha il finanziamento. Per essere accettato, il modulo deve essere sottoscritto da intestatari e garanti del finanziamento. La richiesta di sospensione può essere inoltrata anche tramite canali telematici, per ottemperare alle vigenti norme sul distanziamento sociale.

Visita il nostro sito per visualizzare le migliori proposte di prestito online con tassi esclusivi e ricevere un parere di fattibilità in appena 24 ore.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto e omicidio stradale: quali sono le conseguenze sulla polizza RCA

L’omicidio stradale è un reato introdotto in Italia attraverso la legge n.41 del 23 marzo 2016. Inserito nell’ordinamento giuridico per fronteggiare un’emergenza, non ha finora contribuito in maniera sensibile a risolverlo. Soltanto nell’ultimo anno rilevato dall’Istat, infatti, gli incidenti stradali in Italia sono stati 172.553 e hanno causato 3.334 decessi. Ancora troppi anche se, ovviamente,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione inquilino: cos’è e cosa copre

L’assicurazione inquilino è una polizza che garantisce un risarcimento danni completo quando si prende casa in affitto. Si tratta di uno strumento fondamentale per proteggere l’immobile e le parti in causa quando si stipula un contratto di locazione. Vediamo quando è opportuno assicurare casa in affitto, cos’è la RC inquilino e quali sono le differenze

CONTINUA A LEGGERE

Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE